Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità introdurre 5 porzioni, al giorno, di frutta e verdura ( 3 di frutta e 2 di verdura), permetterebbe di evitare un terzo delle malattie coronariche e 1% degli ictus. Per questo, per un menù salutare, è essenziale cibarsi con almeno 400 g al giorno di questi due alimenti. Altro elemento importante è la diversificazione cromatica, infatti, sarebbe opportuno mangiare frutta e verdura ma di colori diversi ogni giorno. Questo perchè , ad esempio, la frutta e la verdura di colore viola è ricca di di antocianine, beta carotene, vitamina C, potassio e magnesio. Quella verde contiene: beta carotene, magnesio, vitamina C, acido folico e luteina . La gialla è ricca di flavonoidi, beta carotene, vitamina C, potassio, mentre, il bianco garantisce un apporto di polifenoli, flavonoidi, composti solforati, potassio, vitamina C, selenio. Infine, arancio e rosso, contengono licopene e antocianine.

Per questa ragione oggi vi parlo di un progetto davvero interessante, chiamato Fruit 24, promosso da APO CONERPO, la più importante associazione di produttori ortofrutticoli, e co-finanziato dall’Unione Europea e dal Ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali. Un’iniziativa importante che ha lo scopo di aumentare l’attenzione su frutta e verdura stimolandone l’utilizzo consapevole quotidiano. Il suddetto progetto suddivide la giornata in fasce orarie fornendo, con l’aiuto di alcuni blogger, delle ricette a base di frutta e verdura di stagione ideali per ciascun orario. Il fine e quello di portare la collettività verso un alimentazione salutare, educando anche i giovani a mangiare bene.

Se vi va, vi lascio 3 ricette realizzate per questo progetto che potete trovare proprio sul loro portale.

Colore viola: buongiorno freschezza, ore 7:00, con smoothie blow con pesche e susine. Link ricetta qui.

Colore verde : merenda, ore 16:00,  con torta morbida alle albicocche. Link ricetta qui

Colore verde: pranzo in technicolor, ore 13:00, con peperoni cornelio con melanzana perlina. Link ricetta qui.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *






Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.