Raduno, una parola e mille significati. Cosa vuol dire raduno? Se devo dirlo in termini semplicistici è una riunione ove più persone partecipano con uno spirito comune legato ad un interesse condiviso da tutti.  Se, invece, devo realmente dare una valenza a quello che è questa unione serve, per riuscirci, far vivere ogni istante descrivendolo quasi come un film per rendere percepibile la sua grande bellezza. Perchè un raduno è una festa, una serie di emozioni, una sinergia e un’energia che si sprigiona in maniera dirompente travolgendo la collettività presente e non solo.

Il 19 maggio, nell’incantevole e antica Roma, si è tento il primo raduno nazionale di SayGood, una nuova realtà editoriale che unisce all’incirca 150 blogger in un unico grande progetto fatto d’amicizia, unione, condivisione, passione e amore per il cibo, i viaggi e le #cosebelle . Ecco, un raduno è proprio questo: una forza, una folla, degli amici provenienti ad ogni dove che si stringono la mano camminando assieme e vivendo assieme un attimo breve ed infinito.

Cosi, nella settimana del tennis, ben 80 blogger hanno invaso la capitale, scoprendo la sua beltà sotto un punto di vista differente e mostrandola, tramite i social, anche a tutti i loro seguaci. Il fulcro delle attività si è concentrato nei pressi del Colosseo. Si, ad un passo dall’anfiteatro Flavio dove si svolgevano i giochi e le lotte feroci volute da Tito noi abbiamo circumnavigato la storia per degustare le prelibatezze dello chef Fabio Pacelli. Qui, presso “Il Propaganda“, ci siamo trovate, ritrovate, abbracciate e abbiamo compiuto un viaggio alla scoperta dei vecchi sapori grazie ad un pranzo che aveva come filo conduttore  la “Cucina della memoria”. Tra un brindisi, una fetta di torta, tante foto e felicità , presso l’Hotel Mercure , abbiamo ripercorso le tappe della nostra avventura, rivivendo ogni istante che ha preceduto la nascita di Say Good e ripercorso quanto abbiamo fatto tutte assieme, chi nel suo piccolo e chi con grande apporto di risorse, per dar vita a quello che oggi è questa realtà. Nel roof con piscina di questo posto incantevole, poi, ci siamo coccolate godendoci la vista su Roma, uno spettacolo da mozzare il fiato e, sulle note delle canzoni di Leo Bellagia e Wago, abbiamo concluso con un brindisi quella che è unione fatta di sogni e cose buone, semplici e profumate come la ciambella della mamma che di casa e d’amore.

Non si può vivere solo di sogni però si possono trasformare i sogni in realtà.

Articolo a cura dell’Atelier- La foto copertina e dei partecipanti al raduno è di proprietà di alcune di alcune partecipanti. Altre foto appartenenti all’Atelier.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *






Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.