PicMonkey Collage

Alice: È inutile che ci provi, non si può credere a una cosa impossibile.”
“Oserei dire che non ti sei allenata molto”, ribattè la Regina. “Quando ero giovane, mi esercitavo sempre mezz’ora al giorno. A volte riuscivo a credere anche a sei cose impossibili prima di colazione.”Oh, pensa a come sarebbe bello se potessimo passare attraverso lo specchio! Sono sicura che ci sono delle cose bellissime la dentro! Facciamo che ci sia un modo per passarci attraverso, facciamo che sia diventato tutto come un leggero velo di nebbia… ma guarda… si trasforma! Sarà facile passare adesso!

TRAMA

alice-attraverso-lo-specchio-recensione-testa

Alice Kingsleigh è ormai un lupo di mare: determinata, forte, coraggiosa e anche geniale, riporta la nave, del defunto padre, in porto ove ad attenderla vi è sua madre. Un anno di navigazione è stato formativo ma, in quella che è la terra ferma, troverà una realtà diversa da quella lasciata. Cosi, mentre tentarà di fare rapporto agli investitori, recatasi nella dimora Ascot (suo promesso sposo nel film precedente), si ritroverà in una stanza singolare dove, uno specchio magico, la riporterà nel Sottomondo.  Riabbracciare i vecchi amici, però, risulterà difficile visto che tutti sono preoccupati per il Cappellaio Matto che, non solo ha perso la sua moltezza, ma non è più in se. Il problema nasce da una convinzione che rende la vita dell’uomo dolorosa in quanto, una scoperta bizzara, lo ha portato a credere che la sua famiglia sia ancora viva. Alice, generosa e preoccupata, decide d’aiutare il Cappellaio ascoltando il consiglio di Mirana che le suggerisce di ricercare la Chronosphere, un oggetto capace di far viaggiare nel tempo, nascosto nella stanza del Grand Clock. Una volta impossessatasi dell’oggetto la nostra sognatrice ritroverà i vecchi amici più giovani o addirittura piccoli e alle prese con i gesti che hanno irrimediabilmente modificato le loro vite future. Però apprenderà anche che il passato non si può cambiare e ogni tentativo di sabotaggio la riporterà inevitabilmente allo stesso punto di partenza. Alla fine, ancora una volta, l’happy ending regna sovrano e grazie al suo ingegno e alla grande forza di volontà Alice riporterà la famiglia dal Cappellaio Matto dal suo grande amico restituendogli la sua moltezza, salverà il regno e tornerà alla realtà riprendendo la propria vita, intraprendendo un nuovo viaggio e una nuova avventura .

Alice

Solo affrontando l’impossibile possiamo rendere qualcosa possibile.

RECENSIONE

“Alice attraverso lo specchio” è avvincente, ben studiato e con una trama spettacolare. Il cast, come sempre, ci fa sognare grazie alla bravura degli attori ma devo affermare che , almeno a mio avviso, mentre nel primo lungometraggio era stato Johnny Depp a darmi quel quid in più; questa volta è il personaggio interpretato dalla Wasikowoska ad affascinarmi. Difatti la regia ci presenta un Alice diversa: più forte, matura, determinata, stravagante, a tratti sfrontata ma affascinante. Questa nuova luce e linfa vitale sono talmente forti da mettere in secondo piano tutti gli altri sino a trasformarli in un contorno gradevole, ottimo ma pur sempre un contorno. E cosi, nello sviluppo della trama, ci si ritrova ad esaminarla restando affascinati. Inoltre intriga scoprire una Mirana diversa, una donna di cuori allora bambina vittima e non solo carnefice e un Cappellaio Matto fanciullo delizioso e appassionato. Nonostante sia una fan di Burton devo ammettere che questo nuovo capito mi ha rapita ed entusiasmata più del primo, vuoi per la trama, vuoi per la protagonista, vuoi per la dinamicità. Ottime sono anche le musiche, le scenografie e la fotografia.

VOTO: 10/10

alicespecchio

Qui devi correre più che puoi per restare nello stesso posto. Se vuoi andare da qualche altra parte, devi correre almeno il doppio!

Come sempre, ad ogni film, dobbiamo abbinare la cosa giusta da degustare. Per “Alice attraverso lo specchio” ci vuole una bella fetta della mia torta di mele al profumo di mango semplice ma stupefacente proprio come la nuova Alice.

10553317_802203116508429_707327265185453814_n
Clicca qui per scoprire la ricetta di questa meravigliosa torta di mele al profumo di mango.

22 Comments on Alice attraverso lo specchio e torta di mele al profumo di mango

  1. Lilli
    12 Giugno 2016 at 22:29 (3 anni ago)

    Ottima recensione cara Audrey mia, l’ho visto giusto due settimane fa (finalmente!) e l’ho amato, anzi mi è piaciuto ancor di più del primo. E magari avessi avuto una fettina della tua torta nel mentre della visione! Un abbraccio!:**<3

    Rispondi
    • Audrey
      19 Giugno 2016 at 15:13 (3 anni ago)

      Ciao Lilli,
      grazie mille!!! si, anche a me…a mio avviso è decisamente più bello 🙂 Un abbraccione cara :** <3 <3

      Rispondi
  2. robbyroby
    13 Giugno 2016 at 6:28 (3 anni ago)

    ciao
    buona settimana. Questo film mi attira.

    Rispondi
    • Audrey
      19 Giugno 2016 at 15:17 (3 anni ago)

      ciaooo…
      grazie e buon fine settimana anche a te 😉

      Rispondi
  3. Tomaso
    13 Giugno 2016 at 10:11 (3 anni ago)

    Cara Audrey, sono passato per augurarti una buona e serena settimana.
    Tomaso

    Rispondi
    • Audrey
      19 Giugno 2016 at 15:19 (3 anni ago)

      Ciao Tomaso,
      grazie e buon fine settimana anche a te 😉
      a presto

      Rispondi
  4. lolle
    13 Giugno 2016 at 17:38 (3 anni ago)

    Ammetto di non essere stata attratta da questo film (molto dalla tua torta invece!!!) leggendo ora la trama però mi sembra interessante..
    Al cinema, nelle scorse settimane ho avuto il piacere di vedere “La pazza gioia” di Virzì, due ore piacevolissime!! L’hai visto anche tu?

    Rispondi
    • Audrey
      19 Giugno 2016 at 15:22 (3 anni ago)

      Ciao cara,
      essendo un fantasy, ovviamente, ha un pubblico ristretto però se ti piace il genere ti assicuro che è carino e più bello del primo.
      No, purtroppo a spero di vederlo il prima possibile.
      a presto e buona domenica 😉

      Rispondi
    • Audrey
      19 Giugno 2016 at 15:24 (3 anni ago)

      grazie!!

      Rispondi
  5. antonella
    15 Giugno 2016 at 16:43 (3 anni ago)

    Ciao Audrey, bella la tua recensione ma il primo film non mi era piaciuto per niente e credo che anche questo non sia nelle mie corde. Tutt’altro discorso per la torta di mele al profumo di mango che ha tutta l’aria di essere un capolavoro.
    Un abbraccio.
    Antonella

    Rispondi
    • Audrey
      19 Giugno 2016 at 15:31 (3 anni ago)

      Ciao Antonella,
      grazie!!! Questo rispetto al primo è molto più bello, però, se non ti è piaciuto il primo evidentemente non ti piace il genere e quindi te lo sconsiglio anche se migliore.
      Grazie mille!!!
      Un abbraccio

      Rispondi
  6. andrea
    20 Giugno 2016 at 10:14 (3 anni ago)

    interessante! non è il mio genere di film però con a fianco una torta così lo guarderei volentieri :))) buona giornata, ciao Andrea

    Rispondi
    • Audrey
      26 Giugno 2016 at 10:47 (3 anni ago)

      😉
      buona domenica a presto e grazie per essere passato

      Rispondi
    • Audrey
      26 Giugno 2016 at 10:54 (3 anni ago)

      le piacerà è decisamente più bello del primo 😉
      a presto

      Rispondi
    • Audrey
      26 Giugno 2016 at 11:25 (3 anni ago)

      prego!!! Buona domenica a presto

      Rispondi
    • Audrey
      4 Luglio 2016 at 17:48 (3 anni ago)

      si, ho letto la tua recensione…Io, invece, ho preferito il secondo mi ha preso molto di più anche se adoro Burton.
      a prestissimo 😉 :*

      Rispondi
  7. clibi
    4 Luglio 2016 at 15:44 (3 anni ago)

    Una alice dei nostri tempi….grazie per la recensione

    Rispondi
    • Audrey
      4 Luglio 2016 at 17:49 (3 anni ago)

      si, decisamente per questo mi è piaciuta di più.
      grazie a te per essere passata 😉

      Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *






Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.