Clicca sull’immagine per recuperare i post precedenti.
Buongiornooooooo!!! Come ogni lunedì siete approdati nel blog giusto, quello della vostra amica virtuale Chloé, la donna che cucina, viaggia nel tempo, combina guai e vi racconta una marea di storie… La settimana scorsa vi ho lasciati con una domanda: volete che prosegui la storia e vi scriva del mio terzo incontro con Marie Antoniette o preferite scoprire come il mio aiutante sia approdato nelle mie cucine? Amici, non è che avete parlato con mia madre? Beh!!! Se non è stata lei a influenzare la vostra risposta devo dirvi che siete davvero dei gran ficca naso ahuahuahuahuhaua
Tranquilli, non mi dilungherò con giri panoramici ma andrò dritta al sodo.
(Maaoooooooooo = grande bugia)

EDOARDO E IL POTERE AFRODISIACO DELLA VANIGLIA

Il giorno dopo l’inaugurazione del mio café mi svegliai abbastanza presto, infilai la vestaglia, andai in cucina e mi preparai un tè alla vaniglia. Dopo una manciata di minuti aprii la porta, raggiunsi l’angolo relax del mio nuovo mondo, mi accomodai sulla chais longue e voltandomi vidi un giovane seduto su una delle mie bellissime sedie bianche in ferro battuto.
-Buongiorno Chloé!!! Credevo non arrivasi più!!!-
-Edoardo… avevamo un appuntamento?-
-No, nessun appuntamento. Sono semplicemente passato per assaporare una gustosa colazione-
-abiti nelle vicinanze?-
-no, a dire il vero abito in città-
-ah…e sei venuto in campagna per un caffè?-
-per un caffè e un pasticciotto al cioccolato…anzi, per il miglior pasticciotto al cioccolato della zona-
Imbarazzata mi alzai, andai in cucina, accesi la macchina del caffè, riscaldai due pasticciotti al cioccolato preparati la sera prima e versai il succo, di due grosse arance bionde, in un bicchiere trasparente.
-veloce ed efficiente, ma come puoi vedere ho già fatto- Alzò la tazza in porcellana bianca con disegno rosa antico per mostrarmela e la poggiò sul tavolo sorridendo.
-ma non volevi un caffè? il tè l’avevo anche sorseggiato. Se lo desideravi cosi tanto potevi dirmelo, ti avrei dato una tazza pulita-
-no, perchè?…cosi aveva un sapore decisamente migliore!!! e poi… come ti ho detto, sono venuto per il pasticciotto più che per il caffè… il tè alla vaniglia l’ho desiderato solo dopo aver visto la tazza tra le tue mani e sentito il suo profumo inebriante. In verità non bevo tè, non mi piace!! Questo però mi ha rapito i senti… aveva qualcosa di invitante e speciale-
Non so dirvi come e perchè, ma all’improvviso mi  ritrovai con il bagno delle donne allagato, Elena in preda ad un attacco di pianto e cinque persone da servire. Il discorso rimase a metà e dopo due ore di puro delirio lo scenario fu il seguente: il bagno delle donne colmo di donzelle grazie alla riparazione repentina di Edoardo, Elena che giocherellava tranquilla tra le sue braccia ed io intenta a sfornare dolci e servirli ai tavoli.
Alle tredici Edoardo si avvicinò e mi disse sottovoce, sfiorandomi l’orecchio con le labbra :
-devo andare, il lavoro mi chiama-
-ah, ma io…cioè tu…insomma scusami non volevo trattenerti. Se dovevi andare potevi dirmelo…-
-e tu? come avresti fatto? Comunque se sono rimasto è perchè lo volevo. Domani parto per un congresso, ci vediamo tra due giorni. Riesci a resiste 48 ore senza di me? – Edoardo strizzò l’occhio e andò via regalandomi un ultimo sorriso birichino mentre le mie guance si colorarono per l’imbarazzo.
-grazie!!!- risposi alzando timidamente il braccio per accennare un saluto.
-non ringraziarmi ma fatti trovare una tazza fumante di vaniglia, ok?-

Miei cari amici, questo è solo l’inizio della storia. Io lo sapevo!!! -.-‘ (grrrr) Come sempre è tutta colpa di Marie Antoinette, di lei e del maledetto vizio che mi ha fatto prendere…Vizio pericoloso, molto pericoloso!!! Il vizio della vaniglia. Dovete sapere che tempo fa, io e la mia amica, siamo riuscite a catapultarci nel 1520. In breve, con il tempo, abbiamo scoperto che se io cucino finisco tra le mura della sua reggia, se lei mangia un mio dolce arriva da me e se cuciniamo assieme riusciamo persino a viaggiare nel tempo. Ecco, non sto li a raccontarvi i particolari, vi basti sapere che all’incirca 6 anni fa ci siamo trasformate in due tlilxochitl che in azteco vuol dire “fiore nero”. E sapete cos’è il fiore nero? Facile: la vaniglia! Croce e delizia della mia vita, afrodisiaco inebriante e combina guai. Per farla breve finimmo nella mani del sovrano azteco del Messico, il famigerato Montezuma, che a sua volata ci fece finire nello stomaco del conquistatore spagnolo Hernàan Cortes quando, in un pomeriggio soleggiato, ci offri sotto forma di bevanda durante una chiacchierata d’affari. Da quel giorno, io e Maria Antonietta, siamo fissate con la vaniglia: la beviamo, la mettiamo in ogni dolce e soprattutto  la usiamo come profumo. In verità la vaniglia divenne un’essenza profumata per saponi e prodotti di bellezza solo nel 1800, quindi lei la usa quando viene da me. Forse non lo sapete ma fu Guerlain ad utilizzarla, per la prima volta, nel 1889, nel  perfum  Jicky. Per quanto riguarda Cortes, ammaliato dall’odore di questo frutto lo portò, assieme al cacao, in Europa ,ove iniziò a circolare presso le corti diventando la bevanda più in auge mescolata alla cioccolata calda. Comunque, dopo questa avventura-disavventura mi sono informata anch’io, non potete nemmeno immaginare cos’ho scoperto… Tenetevi forte!! La vaniglia ha poteri afrodisiaci. Si, vabbè!!! Basta ridere lo so anch’io che questa è la scoperta dell’acqua calda!!! ahuahuaha Amici, siete sempre impazienti! La vera rivelazione è un’altra: alla vaniglia è attribuita una sindrome detta vanillismo dovuta alla manipolazione e ingestione di vaniglia non trattata che, oltre a produrre malesseri e dermatite, sembra stimolare un irrefrenabile pulsione sessuale. (Detto tra noi credo che il padre di Elena si sia  innamorato “infatuato” di me proprio per colpa della vaniglia). Pensate la pianta della vaniglia è un ‘orchidea, l’unica fra le oltre 20.000 varietà di orchidee, che riesce a produrre qualcosa di commestibile.  Essa è una pianta rampicante, per questo ha bisogno di qualche albero tutore che lo sostenga e lo tenga all’ombra. In breve succede questo: alcuni uomini sono alberi tutori ed io, essendo contaminata dalla vaniglia, senza rendermene conto riesco ad arrampicarmi su di loro conquistandoli con la magia che sprigiona il profumo che, da  all’incirca 6 anni, mi avvolge. Dovete sapere che i fiori della vaniglia sono cerosi e hanno un colore giallo-verdastro, crescono a grappoli e si schiudono soltanto una volta l’anno per alcune ore. Quando questo accade gli indios totonachi , con molta calma e delicatezza, impollinano alcuni fiori per non indebolire la pianta. Purtroppo allo stesso modo il papà di Elena rapì il mio cuore, ma non uso di certo il buon senso degli indios. Questi uomini d’oltre oceano sono premurosi nei confronti delle loro creature e superati i sei-nove mesi raccolgono i baccelli  di vaniglia a mano, prima della piena maturazione. Come vi avevo già accennato, quando il mio baccello profumato era pronto e quasi maturo il mio albero tutore era già scappato da un pezzo. Vedete, sono maledetta e sotto incantesimo della vaniglia afrodisiaca, ne ho le prove, una è mia figlia con suo padre e l’altra è Edoardo. Aiutatemi, vi prego!!! Io amo la vaniglia, non riesco a farne a meno, non dovrebbe essere una cosa tanto brutta però ho paura visto che (come affermava anche il farmacologo francese Barbier “..è un potente afrodisiaco perchè fa partecipare il sistema genitale all’eccitazione generale…”), il suo mettere in fibrillazione l’essere umano fa desiderare cose che in realtà non vorremo e avvicinare persone che, una volta spezzato l’incantesimo, scapperebbero via. Bene!!! In un solo post sono riuscita a parlarvi della mia fissa per la vaniglia e dei sui poteri, del mio aiutante e dei miei deliri. Direi che  per oggi ho dato, non credere? Pertanto vi lascio e vi dò appuntamento a  lunedì per scoprire quello che è accaduto 48 ore dopo, quando Edoardo ha stravolto le nostre vite e conosciuto la delfina.
P.S. mi raccomando non correte a comprare chili di vaniglia!!! 😉
Baci Chloé

38 Comments on Le café de l’éclair (Cap 4- Edoardo e il potere afrodisiaco della vaniglia)

  1. Ali Ce
    12 Maggio 2014 at 10:22 (6 anni ago)

    aspetto con ansia il prossimo capitolo della storia!
    ma sai che io il thè alla vaniglia non l'ho mai preso?

    Rispondi
    • atelierdufantastique
      12 Maggio 2014 at 17:50 (6 anni ago)

      L'appuntamento è come sempre tra una settimana 😉
      è buonissimo, io lo bevo sempre e poi è super profumato :d

      Rispondi
  2. Andrea
    12 Maggio 2014 at 11:17 (6 anni ago)

    Che storia bellissima! Non mi ricordavo degli effetti della vaniglia… ma ora ne voglio un vagoneeee!!!

    Rispondi
  3. Lilli
    12 Maggio 2014 at 11:19 (6 anni ago)

    Ciao Audrey! Ahah, ecco io era tra quelle "ficcanaso" che volevano sapere qualcosina in più su Edoardo, e sono stata accontentata 🙂 Ah, ma la nostra Cholé è davvero magica! Sai che anche io ho una grande passione per la vaniglia? Soprattutto nei profumi, creme ed in generale prodotti di bellezza. Però non ero a conoscenza di tutte queste sue proprietà, devo stare attenta allora!:P Sono curiosa ora di sapere di più dell'incontro tra Edoardo e Marie Antoinette, certo che sarebbe bello poter viaggiare per davvero nel tempo!^^ Un abbraccio e buon inizio settimana! <3

    Rispondi
    • atelierdufantastique
      12 Maggio 2014 at 17:55 (6 anni ago)

      Ciao Lilli,
      ahuhauahuahua Cholé ti tirerà sicuramente le orecchie per questo XD
      Davvero? Allora abbiamo gli stessi gusti ho tutta la linea corpo alla vaniglia e uso solo profumi che hanno come aroma principale la vaniglia. Immagina che spesso la gente si avvicina e mi annusa convinta che porti dolci con me -.-'
      Si, attentissima è pericolosa ahuahuahauhau
      sarebbe bellissimo io da bambina vedevo "Ritorno al futuro" proprio per quello.
      Un abbraccione e buon inizio settimana anche a te

      Rispondi
  4. MikiMoz
    12 Maggio 2014 at 11:44 (6 anni ago)

    Cholé è una forza! Qui non era proprio in uno dei miei mondi prediletti ma la vaniglia mi piace! La attendo in altri vortici spaziotemporali e gastronomici^^

    Moz-

    Rispondi
    • atelierdufantastique
      12 Maggio 2014 at 17:57 (6 anni ago)

      Eh si è una grande!!!La vaniglia piace anche a me, troppo buona!!! Tranquillo ci saranno tanti mondi e storie da scoprire 😀

      Rispondi
  5. www.selodicecoco.it
    12 Maggio 2014 at 13:08 (6 anni ago)

    Ahahah è vero sono una ficcanaso, ma non sono l'unica come non sei l'unica ad avere una vera passione per la vaniglia dal sapone per le mani bagnoschiuma profumo creme alle leccornie da gustare!! Baci Elisabetta

    Rispondi
    • atelierdufantastique
      12 Maggio 2014 at 17:58 (6 anni ago)

      ahuahuahuah no, nbon sei l'unica e Cholé non è nemmeno l'unica
      Baci cara

      Rispondi
    • atelierdufantastique
      12 Maggio 2014 at 17:59 (6 anni ago)

      ahuahuahua
      Si, anche tu sei tra le ficcanaso…:D
      anch'io è dolcissima la mia fragranza preferita
      grazie a te a presto

      Rispondi
  6. Cettina G.
    12 Maggio 2014 at 17:42 (6 anni ago)

    il profumo della vaniglia mi ha inebriata……….Baci

    Rispondi
  7. Stefyp.
    12 Maggio 2014 at 18:59 (6 anni ago)

    …ma che bella storia..al profumo di vaniglia…una vera leccornia..mi piace la vaniglia…non sto scherzando le tue storie mi fanno entrare ogni volta in un mondo stupendamente fantasioso….mi piace.
    Buona serata a te, abbraccio Stefania

    Rispondi
    • atelierdufantastique
      13 Maggio 2014 at 16:05 (6 anni ago)

      Grazie Stafania, grazie mille per le belle parole 😉
      Un abbraccio e buona serata anche a te

      Rispondi
  8. trisportlife
    12 Maggio 2014 at 21:21 (6 anni ago)

    Buonissima la vaniglia… ma occhio che il troppo …. stroppia 🙂

    Rispondi
  9. giovanna bianco
    13 Maggio 2014 at 7:35 (6 anni ago)

    Non conoscevo questi poteri della vaniglia!!! Su Cholè è pericolosissimo. Mi incuriosisce questa presenza di Edoardo che di sicuro è un bravo idraulico visto il suo provvidenziale intervento.Un bacione cara, non vedo l'ora di leggere il seguito, la tua storia si fa sempre di più interessante.

    Rispondi
    • atelierdufantastique
      13 Maggio 2014 at 16:07 (6 anni ago)

      Ciao Giovanna,
      si, su Cholé è davvero molto pericoloso 😉
      ahuahuahuahua si, idraulico ma anche…beh!!! Lo scoprirai presto.
      Grazieeee!!!
      Un bacione e buona serata :*

      Rispondi
  10. Antonella S.
    13 Maggio 2014 at 11:18 (6 anni ago)

    Ah la vaniglia…! Ne avevamo parlato a lungo in una telefonata di qualche mese fa, ricordi?

    Bellissimo il racconto di questa settimana…certo che ci lasci con l'ansia di conoscere cosa succederà tra 48 ore…mamma mia che curiosità!

    Interessanti le informazioni sulla vaniglia e le orchidee, alcune non le conoscevo.

    Un bacione.
    Antonella

    Rispondi
    • atelierdufantastique
      13 Maggio 2014 at 16:09 (6 anni ago)

      si, mi ricordo 😉
      Presto lo saprete, infondo manca poco 😀
      Assieme a Cholè scopriremo davvero l'impossibile sul cibo
      Un bacione

      Rispondi
  11. La Betty
    13 Maggio 2014 at 15:10 (6 anni ago)

    All'inizio ho pensato, ammazza che marpione sto Edoardo!
    Ma poi come al solito mi hai tirato fuori sta cosa della vaniglia di cui non sapevo assolutamente l'effetto.
    Immagino che il cafè sarà sempre invaso da migliaia di uomini attratti da quel profumo eccitante, come resisterti cara Chloè…
    Vuoi dirmi che oltre a te anche Edoardo riuscirà a viaggiare nel tempo?
    Non me la voglio perdere sta cosa
    kiss

    Rispondi
    • atelierdufantastique
      13 Maggio 2014 at 17:03 (6 anni ago)

      ahuahuahuahuhau
      Ora lo sai anche tu e puoi asare la cosa in tuo favore se vuoi 😉
      No, la vaniglia funziona solo se l'uomo è come l'albero che sostiene l'orchidea. Pertanto non funge con tutto il sesso maschile 😀
      Eh, non posso rivelartelo cara Betty ma se ripasserai da me scoprirai tutto.
      Kiss kiss a presto

      Rispondi
  12. Manuela Vitulli
    13 Maggio 2014 at 17:16 (6 anni ago)

    ma posso venirti a trovare?
    No, perchè secondo me sei davvero una tipa affascinante!
    Comunque corro a comprare la vanigliaaa!!! ahahah
    Un abbraccio!

    Rispondi
    • atelierdufantastique
      14 Maggio 2014 at 10:21 (6 anni ago)

      Certo!!! Basta cucinare un dolce e lasciarsi trascinare dalla magia per catapultarsi in puglia nel mio B&B 😉
      ahuahuahuahua
      Un abbraccio

      Rispondi
  13. Mondod'Arte di S.Pia
    13 Maggio 2014 at 18:13 (6 anni ago)

    Che simpatica Chole`, bellissimo il racconto sulla vaniglia.
    Non sapevo fosse afrodisiaca, quindi anche il profumo?
    Caspiterina allora devo stare più attenta, in casa uso questo profumo…o forse no.
    Mi sono proprio divertita, grazie Audrey, ciao.

    Rispondi
    • atelierdufantastique
      14 Maggio 2014 at 10:24 (6 anni ago)

      Grazieee!!!
      ahuahuahuahuahuah
      Tranquilla non credo che il profumo abbia lo stesso effetto 😉
      grazie a te per essere passata ciao ciao

      Rispondi
  14. Any
    14 Maggio 2014 at 10:36 (6 anni ago)

    Io amo la vaniglia naturale, la uso nei dolci che preparo, ma non ero a conoscenza di questi suoi poteri!
    Bellissimo capitolo Audrey, mi piace sempre di più e scopro anche cose nuove!
    Un abbraccio!

    Rispondi
    • atelierdufantastique
      14 Maggio 2014 at 11:11 (6 anni ago)

      Anch'io amo la vaniglia la metto praticamente ovunque ahuahuahua
      Grazieee!!! Sono davvero felice di sapere che ti sta piacendo anche se è completamente diverso dal "La stazione"
      Un mega abbraccio

      Rispondi
  15. Beatris
    14 Maggio 2014 at 10:49 (6 anni ago)

    Aspetto con ansia il prosieguo della incantevole storia al profumo di vaniglia!
    Adoro il profumo d'incenso della vaniglia!
    Un abbraccio e buona giornata da Beatris

    Rispondi
    • atelierdufantastique
      14 Maggio 2014 at 11:12 (6 anni ago)

      Lunedì nuovo appuntamento con tanto di storia e ricetta golosa 😉
      anch'io adoro il profumo della vaniglia è buonissimo
      Un abbraccione e buona giornata anche a te

      Rispondi
  16. Saji Connor
    23 Maggio 2014 at 17:43 (6 anni ago)

    Ahahahah! "Non correte a comprare chili di vaniglia!"….
    Io per anni ho utilizzato profumi con essenza di vaniglia, e l'ho adorata anche nei dolci!
    Ancora mi piace nei profumi, ma nel cibo un pò meno. Le candele alla vaniglia sono tra le mie preferite 😉
    xoxo

    Rispondi
    • atelierdufantastique
      24 Maggio 2014 at 7:13 (6 anni ago)

      Anch'io, per me è una droga persino tutti i mie profumi hanno come ingrediente principale la vaniglia. Si, le candele sono buonissime *.*
      Xoxo

      Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *






Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.