Louis Prang

1-Louis Prang, nel 1886, creò una delle prime cartoline di Natale con il classico Babbo Natale.
2-Il Natale si festeggia il 25 dicembre dal 354 d.C. per volere di Papa Liberio. Il Papa scelse questa data perchè corrispondeva al giorno della festività romana del compleanno del sole (cade 4 giorni dopo il solstizio d’inverno).
3-In passato nella notte di Natale si accendeva, nel camino, un grande ceppo di abete “Ceppo di Natale”.Clicca qui per il simbolismo del Natale
4-Il primo albero di Natale artificiale fu fatto in Germania. L’albero all’epoca venne decorato con piume d’oca tinte di verde.
5-Il più grande albero di Lego del mondo è stato costruito nel 2011 alla stazione londinese di St. Pancreas. Era alto 10 metri e per realizzarlo sono servite all’incirca 600.000 mattoncini.
6- Le palline colorate appese all’albero di Natele simboleggiano le abilità di un vecchio giocoliere. Si narra che, a Betlemme, nel periodo natalizio vi era un povero artista che si rammaricava perchè non aveva nulla da offrire al bambin Gesù. Decise allora di donargli la sua arte, mostrandogli qualche spettacolo da giocoliere. Grazie alla sua abilità il giocoliere suscito il sorriso di Gesù.
7-In Francia Babbo Natale lascia i suoi regali dentro le scarpe dei bimbi.
8-In Spagna, più precisamente in Catalogna, ogni personaggio prende il proprio posto nel presepe come da tradizione. Vi è però una statuina molto contesta le cui origini si perdono nella notte dei tempi. Questa statua era molto diffusa anche nel diciottesimo secolo, si tratta della famosa statua caganer, un Babbo Natale accucciato con i pantaloni abbassati che fa i suoi bisogni.

Albero di Natale di Lego
Albero di Natale di Logo Inghilterra

9-In Austria e in Germania si sta diffondendo una campagna contro Babbo Natale. I nostri amici, infatti, affermano che questo ometto dispensatore di doni sia solo una trovata della Coca Cola. Il fine è riportare la festività al suo vecchio splendore ridando valore a San Nicola che, nella tradizione austriaca, era il portatore ufficiale dei balocchi. Clicca qui per scoprire la vera storia di Babbo Natale
10-I presepi peruviani sono ricavati dentro canne di bambù e il personaggio in fondo ha i colori accesi dei paesi tropicali perchè in quelle zone il Natale coincide con la stagione estiva.
11-Una vecchia leggenda afferma che il bastoncino di zucchero a strisce banche e rosse venne inventato da un pasticcere con l’intento di ricordare Gesù. Difatti il bastoncino capovolto richiama la lettera “J” iniziale del nome Jesus.
12-In Ungheria il presepe spesso è realizzato in una cassa a forma di stalla trasportabile a mano con personaggi costruiti in legno, carta e ovatta.
13-In Polonia il pranzo natalizio è composto da 12 portate, una per ogni apostolo.
14-Nel Natale del 1223, a borgo di Greccio, San Francesco D’Assisi realizzò il primo presepe al mondo.
15-La parola Panettone deriva da “Pan di Toni”. Un dolce inventato dall’aiuto cuoco di casa Sforza per rimediare ad un pasticcio combinato durante una cena.
16-A Natale si scambiano i doni perchè questa festività non è altro che una trasformazione cristiana di una ricorrenza pagana, i Saturnali. Una festa creata in onore di saturno, dio delle semine e delle “età dell’oro”, essa era caratterizzata da sontuosi banchetti cui partecipavano padroni e servi. Nacque cosi la consuetudine di scambiarsi doni come gesti di eguaglianza sociale.

Babbo Natale caganer

17-In Svezia verso la fine di Novembre si aprono i tipici mercatini di Natale che propongono le consuete decorazioni natalizie, oggetti d’artigianato, giochi per bambini, ma anche dolci della tradizione come le brioche allo zafferano (saffransbullar), biscotti allo zenzero, cannella e garofano (pepparkakor) e il saporito vin brulé svedese (glogg).
18-La canzone natalizia più famosa è Jingle Bells di James Pierpont. Essa è stata anche la prima canzone cantata nello spazio il 16 dicembre del 1965 dagli astronauti del Gemini 6. Clicca qui per scoprire le canzoni del Natale.
19- In Olanda la pinta del mirto viene considerata fiore di Natale e secondo la tradizione è di buon auspicio bruciarne un ramoscello alla vigilia in attese della mezzanotte.
20-La parola presepe deriva dal latino PRAESEPE che significa “mangiatoia”
21-Babbo Natale secondo i finlandesi vive in una grotta chiamata Korvatunturi che significa “montagna dell’orecchio”.
22-I Krampus sono dei demoni che accompagnano San Nicola e hanno il compito di punire i bambini cattivi. Per conoscere i krampus clicca qui.
23-L’Euphorbia pulcherrima o Stella di Natale, è un “astro” che viene del Messico, dove cresce in forma di cespuglio e può raggiungere un’altezza di 2-4 metri.
24-Nel Regno Unito un elemento tipico del Natale sono i Christmas crackers. Dei pacchettini scoppiettanti che vengono messi a tavola durante la cena di Natale. Due commensali tirano il crackers assieme , colui che resta con la parte più grande tra le mano vince il premio che si trova al suo interno.Clicca qui se vuoi scoprire qualche info in più sui Christmas crackers
25-Secondo alcune statistiche il 40% dei giocattoli regalati a Natale vengono rotti entro marzo.

albero di Natale umano Thilandese

26-Il Natale nelle Filippine viene chiamato Pasko. esso si festeggia per 3 settimane in cui si mischiano tradizioni cristiane a miti locali. Si comincia 14 giorni prima di Natale , appendendo le tradizionali Parol, tipiche lanterne colorate che adornano le porte. “Maligayang Pasko sa inyong lahat!” vuol dire Buona Natale a tutti.
27-La Statua della Libertà è stato il più grande regalo di Natale mai fatto nel mondo. Dono dei Francesi agli americani, il monumento è altro 46.5 metri e pesa 225 tonnellate.
clicca qui per scoprire la storia della Statua della Libertà
28-Quest’anno l’albero di Natale da guinness è stato visto dalla Thailandia e più precisamente dagli abitanti di Bangkok. Uno dei più grandi centri commerciali del paese, il Siam Paragon, ha sfruttato l’atmosfera delle festività per creare il più grande albero di Natale umano. L’abete è composto da 852 scolari vestiti di verse, marrone e rosso. Il record precedente era detenuto dai tedeschi grazie all’ausilio di 672 persone nel 2011.

25 Comments on 28 curiosità sul Natale

  1. La Betty
    12 Dicembre 2013 at 7:39 (7 anni ago)

    bè quella del bastoncino a righe bianche e rosse è davvero una bella trovata, io non ci sarei mai arrivata.
    E che dire del pan de Tony, si è salvato in corner e in un certo senso gli assomiglio perchè un anno per halloween feci i cookies ma la loro forma era al quanto macabra tanto che li ho ribattezzati per l'occasione "cookies monster" fecero un successone.
    W il pan den Tony

    Rispondi
    • atelierdufantastique
      12 Dicembre 2013 at 17:00 (7 anni ago)

      Ciao lovva amica,
      eh già, quando si tratta di business le inventano tutte 😉
      beh!!! I cookies monster ad halloween sono quasi una benedizione, in breve sei rimasta in tema come Tony 😀
      ahuahuahua
      baci

      Rispondi
  2. SONIA-SOTENDER
    12 Dicembre 2013 at 8:39 (7 anni ago)

    Gli Austriaci e i Tedeschi non mi stanno molto simpatici infatti, che sia o meno una trovata della Coca Cola, rimane uno dei simboli piu' importanti del Natale. Sta poi ad ognuno di noi spiegare ai bambini cosa significa il Natale e perché si festeggiain base alle proprie credenze.E comunque i giocattoli dei miei figli rientrano tra quelli delle statistiche sicuramente, bacione!!

    Rispondi
    • SONIA-SOTENDER
      12 Dicembre 2013 at 12:18 (7 anni ago)

      P.s. ho messo anche io l'alberello come il tuo, che bello che è, grazie per avermelo fatto conoscere!!

      Rispondi
    • atelierdufantastique
      12 Dicembre 2013 at 17:09 (7 anni ago)

      Ciao Sonia,
      hai ragione sono proprio antipatici con questa loro fissa. Certo la Coca Cola ha rivoluzionato un po' l'immagine di San Nicola, dandogli un abito rosso invece del tradizionale vestito verde, però è bello cosi come lo conosciamo e riconosciamo 😉
      Si, siamo noi ha dover tramandare lo spirito natalizio nel modo migliore.
      ahauahuahuahua credo che in quelle statistiche rientrino i giocattoli di quasi tutti i bambini salvo quelli che riescono a romperli prima.
      siiiii, brava!!! jai fatto bene è bellissimo e fa tanto Natale 😉
      sembra di avere una blogcasa ahuahuahuahu

      Rispondi
  3. Ali Ce
    12 Dicembre 2013 at 10:01 (7 anni ago)

    sai che quando sono stata in viaggio di nozze in Perù ho visto anche un museo con i presepi e mi è piaciuto tantissimo vedere come sono diversi dai nostri!

    Rispondi
  4. MikiMoz
    12 Dicembre 2013 at 11:41 (7 anni ago)

    Se mi regalano il Castello di Grayskull NON lo rompo entro marzo, giuro!!
    Il babbo natale cagante lo odio, e… San Pancreas?? Oo

    Moz-

    Rispondi
    • atelierdufantastique
      12 Dicembre 2013 at 17:16 (7 anni ago)

      non ci credo che non lo rompi ahuahuahuahuahuahua
      Non piace nemmeno a me 🙂
      hai visto? impressionate!!! sarebbe stato bello distruggerlo come si fa con i lego ahuahuahuahu

      Rispondi
  5. Lilli
    12 Dicembre 2013 at 12:18 (7 anni ago)

    Audrey, complimenti per questo post, stupendo!!! Ho appreso un sacco di cose nuove. Ora che ho letto che nelle Filippine il Natale si festeggia per 3 settimane, voglio andarci!XD Ahah quella statuetta di Babbo Natale mi ha fatto morire dal ridere, non lo sapevo e trovo sia simpatica anche se l'idea di metterla nel presepe mi sembra un pò profana. L'albero umano è incredibile..! Non sono d'accordo sulla battaglia contro Babbo Natale della GErmania ed Austria, addirittura una trovata della Coca Cola??!!^^' Un abbraccio grandissimo e buona giornata!:***♥

    Rispondi
    • atelierdufantastique
      12 Dicembre 2013 at 17:18 (7 anni ago)

      Ciao Lilli,
      graziee!!!voglio andarci anch'io 🙂
      magari ci andiamo insieme per un blogger reportage 😉
      Si, fa ridere però fa anche impressione infatti non mi piace molto.
      Nemmeno io sono d'accordo contro quella battaglia, mi sembra esagerata e inutile.
      Buona serata cara bacione :* <3 <3

      Rispondi
  6. Antonella S.
    12 Dicembre 2013 at 15:31 (7 anni ago)

    Ciao Audrey, nemmeno io sono d'accordo con questa battaglia contro Babbo Natale!

    Hai raccontato tantissime cose interessanti e alcune proprio non le conoscevo…e anche questo contribuisce a creare una bella atmosfera natalizia.

    Un grandissimo abbraccio e un bacio.
    Antonella

    Rispondi
    • atelierdufantastique
      12 Dicembre 2013 at 17:23 (7 anni ago)

      Ciao Antonella,
      no, è assurda non si più cambiare dopo secoli una tradizione.
      Grazie mille cara 😉
      Un bacione e un abbraccio enorme :* <3 <3

      Rispondi
  7. Betty
    12 Dicembre 2013 at 17:06 (7 anni ago)

    Quante belle notizie Audrey, a me da piccola hanno sempre detto che era Gesù Bambino che portava i doni, ora ai bambini dicono che è Babbo Natale… questo mi lascia un po’ perplessa…
    Sorrido al pensiero del bastoncino di zucchero a strisce, quando lo vedo la prima cosa che mi viene in mente è il bastone di San Giuseppe, mentre invece richiama la lettera "J" iniziale del nome Jesus.
    Un bacione immenso cara Audrey, ti auguro una serena serata 🙂

    Rispondi
  8. RobbyRoby
    15 Dicembre 2013 at 15:02 (7 anni ago)

    ciao
    mi è piaciuto questo post. Ho letto cose che non conoscevo. Interessante.

    Rispondi
    • atelierdufantastique
      22 Aprile 2015 at 17:06 (5 anni ago)

      grazie!!! ne siamo felici

      Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *






Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.