“Mare, dentro di te sta il mio amore. 
Hai preso la sua anima e il suo cuore.
Mare, riportala a riva, fammi parlare di nuovo con lei. 
Cercala ovunque, trovala, fallo per me.
Mare riportami l’amore della mia anima
Insieme ai suoi compagni pellegrini di questo destino.
Creature del mare, siete voi gli unici testimoni di questa storia
E allora ditemi: quali sono state le sue ultime parole prima di partire
Mare!
Non sei tu il mare? E allora rispondimi!”
(Tesfay Mehari, cantante eritreo) Fonte: Fortress Europe

 

Questo post e’ condiviso con:
Foto di Francesca Paris
Mi unisco anch’io alla catena della solidarietà virtuale proposta da Veronica del blog Dolci Armonie e accolta da altri blog presenti sul web. Ogni vita è importante, non esistono persone di serie A e di serie B, quello che è accaduto è sconvolgente perchè nascere nel lato del mondo sbagliato  non significa rassegnarsi e soccombere, tutti hanno il diritto di sognare e sperare in un futuro migliore.

44 Comments on Non sei tu il mare?

  1. SONIA-SOTENDER
    5 Ottobre 2013 at 13:04 (7 anni ago)

    Ciao Audrey, lo condivido su fb, quel mare parla abbastanza ma purtroppo non vogliono sentirlo…..un abbraccio.

    Rispondi
  2. tuttepazzeperibijoux
    5 Ottobre 2013 at 13:29 (7 anni ago)

    hai ragione Audrey , mai arrendersi a tanto orrore, lottare sempre! elena

    Rispondi
  3. Gianna Ferri
    5 Ottobre 2013 at 14:07 (7 anni ago)

    Mi sono venuti i brividi.
    Condivido su FB.

    Un caro abbraccio.

    Rispondi
  4. Stefyp.
    5 Ottobre 2013 at 14:25 (7 anni ago)

    Mia cara Audrey, mi associo al tuo messaggio, non ci sono parole per tanto dolore.. e ci vogliono i fatti! Tutti..come dici tu..hanno il diritto di sognare ..di avere un futuro migliore!!!
    Un abbraccio, Stefania

    Rispondi
  5. veronica
    5 Ottobre 2013 at 14:47 (7 anni ago)

    Grazie Audrey per aver abbracciato il nostro piccolo gesto. Condivido a pieno le tue parole.

    Rispondi
    • atelierdufantastique
      7 Ottobre 2013 at 11:20 (7 anni ago)

      grazie a voi!!! Mi sembra il minimo visto quello che è accaduto
      a presto

      Rispondi
  6. Pink Vanilla
    5 Ottobre 2013 at 16:33 (7 anni ago)

    Hai ragionissima!!!
    Bellissimo il tuo messaggio!

    Rispondi
  7. Roberta
    5 Ottobre 2013 at 17:01 (7 anni ago)

    Grazie Audrey per esserti unita a noi. Un abbraccio.

    Rispondi
    • atelierdufantastique
      7 Ottobre 2013 at 12:02 (7 anni ago)

      grazie a voi per aver accettato la mia partecipazione anche se con qualche giorno di ritardo 😉
      Un abbraccio

      Rispondi
  8. Lilli
    5 Ottobre 2013 at 18:30 (7 anni ago)

    Non ho parole Audrey..una tragedia che ha sconvolto tutti..sono d'accordo con te, ogni vita umana è uguale con gli stessi diritti, ciascuno nasce libero di sognare e sperare in un futuro migliore. Il fatto che fossero in uno stato così disperato lo dimostra che sono stati pronti pure a morire..:((( Un abbraccio grande carissima ♥

    Rispondi
    • atelierdufantastique
      7 Ottobre 2013 at 12:09 (7 anni ago)

      Ciao Lilli,
      purtroppo è stata una grande tragedia che non può lasciare indifferenti, troppa gente ha sofferto. Concordo con te, per cambiare la loro vita sono stati disposti anche a perderla.
      Un mega abbraccione <3 <3 :*

      Rispondi
  9. Betty
    5 Ottobre 2013 at 20:53 (7 anni ago)

    Condivido il tuo pensiero cara Audrey, non esistono persone di serie A o B, siamo tutti uguali e dovremmo avere gli stessi diritti… soprattutto ad una vita dignitosa.
    Un abbraccio

    Rispondi
  10. Silvia
    6 Ottobre 2013 at 9:47 (7 anni ago)

    E' vero, siamo tutti uguali, e tutti abbiamo diritto di vivere. Bellissima iniziativa Audrey!

    Rispondi
  11. Roberta Morasco
    6 Ottobre 2013 at 14:02 (7 anni ago)

    Arrivo tardi, ma mi unisco a voi…purtroppo sto ascoltando al TG il ministro che parla di altre 250 persone, bambini, donne, da recuperare sotto al mare …dentro al relitto.
    Tutti dovrebbero avere diritto di sperare in un futuro migliore, in una vita migliore…senza rischiare per questo la vita.
    Tristezza infinita. Roberta

    Rispondi
  12. Any
    6 Ottobre 2013 at 14:11 (7 anni ago)

    Grazie per aver condiviso!

    Rispondi
  13. Strawberry
    6 Ottobre 2013 at 14:46 (7 anni ago)

    Quello che è successo è qualcosa che deve far riflettere come avrebbero dovuto far riflettere le molte altre tragedie che questo mediterraneo, che dovrebbe essere simbolo di una comunione tra i popoli che vi si affacciano ma non lo è purtroppo mai stato, ha vissuto e che ancora ci racconta… ogni vita ha la medesima importanza e di fronte a tali tragedie ci sentiamo tutti un po' più impotenti e dovremmo esserne feriti nella stessa misura…

    Rispondi
    • atelierdufantastique
      7 Ottobre 2013 at 13:10 (7 anni ago)

      hai ragione su tutto e il dolore non può non essere enorme, perchè un domani anche noi potremmo trovarci nella stessa situazione
      a presto e buona giornata

      Rispondi
  14. ellie
    6 Ottobre 2013 at 16:20 (7 anni ago)

    ho giusto giusto affrontato questo argomento in un altro blog, e anche qui voglio ribadire che il mondo è di tutti, non ha confini, TUTTA l'umanità è importante, e i sogni di TUTTI hanno il diritto di realizzarsi, o almeno di provare a farlo. Non è importante dove sono nati, da cosa sono fuggiti, hanno un cervello per pensare, un cuore per amare, delle mani per creare e gli occhi pieni di speranza. come tutti noi.
    e poi, che anche gli italiani sono stati degli immigrati se lo sono già dimenticato tutti?? la storia insegna e i ciuchi volano…
    un abbraccio

    Rispondi
    • atelierdufantastique
      7 Ottobre 2013 at 13:08 (7 anni ago)

      concordo pienamente con te su tutto, non dobbiamo dimenticare che l'Italia è un popolo di immigrati e che oggi più che mai il nostro esodo continua.
      un abbraccio

      Rispondi
  15. Valentina
    8 Ottobre 2013 at 7:58 (7 anni ago)

    Ciao, grazie mille… ti ho inserito nell'elenco 🙂 Un bacio <3

    Rispondi
  16. cadè
    8 Ottobre 2013 at 13:07 (7 anni ago)

    Grazie! Aggiorno!

    Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *






Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.