Il cibo rappresenta da sempre la scusa giusta per passere un po’ di tempo insieme. Assaporare, chiacchierare, bere attorno ad una tavola, ridacchiare e divertirsi ad un barbecue tra amici o godersi la natura grazie ad un semplice pic-nic diventa un momento di piacere, unione e gioia. Allora, se il cibo senza volerlo crea legami, qual è il modo migliore per abbattere i pregiudizi e far vivere i popoli in armonia nonostante le loro diversità? Beh, la risposta credo che sia lo scambio, una piacevole condivisione fatta di tradizioni diverse che si fondono per scoprire quanto siano simili. Se poi, come me, si nasce con il sangue mescolato la condivisione si trasforma diventando contaminazione.
Cosi la mia metà italiana, amante dei pomodorini ciliegina, del grana padano doc e del risotto, si amalgama in maniera dolce alla mia metà spagnola piccante come il chorizo e ricca di colore come lo zafferano del risotto alla milanese che dentro di se ha un po’ di spagna. I sapori si combinano e il dolce del pomodoro caramellato attenua il piccante del chorizo mentre la grana croccante esalta il piatto dando gusto alla pietanza nata, non per vincere il contest di Vaty perchè come sapete io sono una cuoca pasticciona e non una chaf stellata, ma per partecipare con una ricetta inventata e realizzata per sposare le mie due metà e soddisfare il mio palato contaminato da sangue iberico e italico.

 

 Prima di cominciare scopriamo cos’è il chorizo
Il chorizo che in Galizia si scrive chourizo è una salsiccia di carne bovina e suina speziata con la paprica . La caratteristica del chorizo è che la carne non viene macinata ma tritata in maniera abbastanza grossolana e poi condita con sale e paprica dolce o piccante. Grazie alla paprica questo salame assume un colore rossastro che denota, per l’appunto, la sua particolarità.
PROCEDIMENTO PER 4 PERSONE:

Per prima cosa prendete il vostro chorizo piccante (io lo faccio arrivare direttamente dalla spagna) e tagliate 1/4 di esso in rondelle sottili  e mettetele da parte, vi serviranno per la salsina, la restante parte tagliatela in cubetti piccini e abbastanza uguali.
Io ho usato un chorizo grande intero, ma naturalmente dipende da voi, se preferite più o meno condimento. In seguito preparate del brodo di carne, il vero risotto alla milanese va cucinato con il midollo di bue, ma se volete qualcosa di più leggero potete usare un brodo di carne magra o un brodo vegetale (ecco perchè vi parlavo di risotto alla milanese my style). In una padella fate sciogliere, a fuoco lento, del burro all’incirca 60-70 gr in realtà io vado ad occhio, per questo vi ho detto di metterne quanto basta, quando tutto il burro è  abbastanza liquido unite l’olio d’oliva (io ho usato quello pugliese doc), non ne serve molto all’incirca un cucchiaio raso (anche in questo caso vado ad occhio). Lasciate la fiamma dolce e quando tutto è ben sciolto, caldo ma non in ebollizione, versate il riso 350 gr per quattro persone (io di solito metto una tazza e 1/2 di quelle grandi per la colazione) e fatelo tostare.

Quando il riso è bello lucido, quindi tostato come nella foto, iniziate a versare il brodo che avete preparato (ne serve all’incirca un litro) anche in questo caso però io mi regolo sul dosaggio in base alla cottura quindi può capitare di metterne un po’ di più o di meno. A questo punto versate lo zafferano che serve non solo a speziare il piatto, ma anche a dargli colore.  In una pentola antiaderente fate cuocere il chorizo tagliato a cubetti in modo da fargli perdere un po’ del suo grasso, quando sarà bello dorato incorporate i pezzetti nel riso e mescolate continuando a versare il brodo per ultimare la cottura. Ovviamente, la padelle antiaderente con  il liquido rossastro espulso dalla salsiccia tenetela da parte ci servirà, in un secondo momento, per cucinare la salisina. A fine cottura aggiungete altro burro all’incirca 40-50 gr e 150 gr di grana grattugiato, togliete la padella dal fuoco e mescolate con vigore in modo da mantecare il tutto per benino.
Intanto, visto che il riso deve cuocere, voi ammortizzate i tempi e grattugiate la grana, fate dei mucchietti, metteteli in una padella antiaderente (il procedimento è identico a quello dei cestini di grana), e una volta pronti poggiateli su degli stampini o dei coppa pasta premendo un po’ e poi lasciateli raffreddare.
Quando le vostre formine non saranno più bollenti con l’aiuto di un coltello a punta tagliatele. Le forme vi serviranno per guarnire il piatto, ma al contempo daranno una sensazione di croccantezza che non guasta, i pezzettini avanzati spezzettateli perchè vi serviranno anch’essi per la decorazione.
Ora vi manca un ultimo step: la salsina d’accompagnamento, per prepararla prendete la pentola antiaderente che conteneva  il liquido espulso durante la cottura del chorizo e aggiungete i pomodorini tagliati a spicchi piccolissimi e lasciate cuocere a fuoco lento per qualche minuto. Adesso versate lo zucchero, all’incirca 1 cucchiaio e mezzo (raso), ultimate la cottura inglobando il chorizo tagliato a rondelle, quando la salsiccia è pronta togliete la vostra salsa dal fuoco e impiattate.
Al centro, con l’aiuto di un coppa pasta grande versate il risotto formando un cerchio sul quale poggerete le formine di grana, la salsa le posizionerete di lato e la grana restante la userete per decorarla.

Questo è un piatto che va gustato amalgamndo i sapori, unendo il dolce del pomodoro al piccante del chorizo e del riso, sentendo la croccantezza della grana trasformata in delicate formine e il cuore morbido del riso cotto a puntino.

 

Con questa ricetta, che mescola le mie origini, partecipo al contest di Vaty:
CONTAMINAZIONI

38 Comments on Risotto alla milanese my style con chorizo, grana croccante e pomodorini dolci

  1. Fiori di zagara
    22 Settembre 2013 at 16:40 (6 anni ago)

    Una ricetta molto saporita ed invitante,da provare. Ciao a presto

    Rispondi
    • atelierdufantastique
      22 Settembre 2013 at 16:51 (6 anni ago)

      si, è molto saporita per la prima volta mi sento soddisfatta della mia creazione salata 😉
      a presto Cettina

      Rispondi
  2. Vaty ♪
    22 Settembre 2013 at 16:45 (6 anni ago)

    Lo sapevo che mi avresti saputo stupire.. Mai banale i scontata la mia Audrey! E così in questo piatto, io vedo la straordinaria amica che ha preso il meglio di 2 culture! Il chorizo credo di averlo assaggiato e mi piace tanto perché saporito e piccantino! In questo ridotto speciale ci deve stare non bene, di più! Ho letto tutti in passaggi attentamenti e giuro , mi è venuta l'acquolina in bocca!!! Che meraviglia tesoro!! Tu per me sei una chef stellata altroché!! Grazie di cuore stellina! Ti voglio un mondo di bene!!

    Rispondi
    • atelierdufantastique
      22 Settembre 2013 at 16:57 (6 anni ago)

      Ciao Vaty,
      diciamo che ho fatto del mio meglio per stupirti e realizzare qualcosa che avesse un doppio significato di contaminazione.
      Il chorizo è buonissimo, io ne vado matta 😉
      Grazie tesoro!!! tu con me sei troppo buona *.*
      Guarda, grazie a te per questo bellissimo contest che trovo interessante e ricco di spunti, partecipare è stato un piacere anche se non ho la bravura degli altri concorrenti 😉
      Ti voglio tantissimo bene anch'io bacione

      Rispondi
  3. Betty
    22 Settembre 2013 at 16:47 (6 anni ago)

    Se non fosse per il chorizo mannaggia… mi sarebbe piaciuto come piatto…
    Comunque un grande in bocca al lupo per il contest.
    Un abbraccio cara Audrey, buona settimana 🙂

    Rispondi
    • atelierdufantastique
      22 Settembre 2013 at 17:02 (6 anni ago)

      Ciao Betty,
      eh lo so tu sei vegetariana. Però si potrebbe sostituire il chorizo con qualche verdura che ami, fare un brodo vegetale per il risotto e mettere la margarina vegetale al posto del burro, sicuramente non è la stessa cosa, ma il piccante del chorizo si può sostituire con del peperoncino per creare il contrasto dolce-piccante…da vedere se funziona come abbinamento
      Grazie e crepi il lupo
      un abbraccione e buon inizio settimana anche a te

      Rispondi
  4. m4ry
    22 Settembre 2013 at 17:07 (6 anni ago)

    Cara Audrey, questo risotto incontra totalmente i miei gusti..amo giocare con il contrasto di sapori, ed è ciò che mi ha fatto impazzire quest'estate in Spagna…Piatto splendido e assolutamente "contaminato" ! Bravissima !
    Un abbraccio forte e buona serata !

    Rispondi
    • atelierdufantastique
      22 Settembre 2013 at 17:16 (6 anni ago)

      Ciao,
      anch'io adoro i contrasti, se fatti nel modo giusto sono delle esplosioni di bontà. Guarda avendo inventato il tutto credevo di aver creato un pasticcio, invece è buonissimo, qualcosa di spettacolare ancora non mi capacito della mia sperimentazione-contaminazione.
      Grazie mille!!!!!
      Un abbraccione e buona serata anche a te 😀

      Rispondi
  5. MikiMoz
    22 Settembre 2013 at 19:00 (6 anni ago)

    Sai una cosa? Anche io quando cucino messicano (la mia passione) ci metto sempre un tocco diverso.
    Ad esempio, nei nachos ci metto lo speck croccante e il pomodoro a pezzettini.
    Mi piace di più mischiare le cose. Che poi, voglio dire, a volte nemmeno puoi cucinare esotico al 100% per mancanza di quel preciso ingrediente… quindi, si fa di necessità virtù :p

    Ottimo piatto, il tuo!

    Moz-

    Rispondi
    • atelierdufantastique
      23 Settembre 2013 at 9:31 (6 anni ago)

      adoro il messicano perchè è speziato e piccante, mi fa impazzire!!! 😉
      Concordo con te, alla fine si è costretti a mescolare le tradizioni e cambiare le ricette visto che certi ingredienti sono impossibili da trovare. Per questo quando vado in vacanza faccio le scorte, per esempio, dall'Inghilterra mi sono portata il chili messicano per poter fare il chili con carne amooooo!!!
      Poi per me il tutto è maggiormente difficile perchè al sud molte cose non si trovano, metti che sono anche celiaca, il risultato è un invenzione e contaminazione continua ahuahuahuahua
      Grazie mille
      buona giornata

      Rispondi
  6. Strawberry
    22 Settembre 2013 at 19:37 (6 anni ago)

    Che bontà! Tutto ciò che mi riporta in Spagna, anche solo con il pensiero, per me è il massimo… di chorizo ne ho mangiato in Erasmus… mi sa che ti rubo la ricetta! 😉

    Rispondi
  7. Lilli
    22 Settembre 2013 at 19:46 (6 anni ago)

    Audrey complimenti, altro che cuoca pasticciona, sei una super chef! Anche io credo che il cibo unisca ed il momento in cui si consuma sia un'ottima scusa per stare assieme. Come sai adoro provare ricettine straniere e nuove, il tuo risotto "contaminato" ha un aspetto invitante ed immagino sia molto saporito. Poi complimenti, mi piace come l'hai presentato nel piatto, da vera professionista!:P In bocca al lupo per il contest cara, buona serata! Spero stia meglio ora! Bacio!♥

    Rispondi
    • atelierdufantastique
      23 Settembre 2013 at 9:39 (6 anni ago)

      Ciao Lilli,
      grazieeee!!! *.* Si, è decisamente saporito, credimi ancora non mi capacito della riuscita di questo piatto, ne vado orgogliosa 😉 Per la presentazione del piatto mi sono impegnata tantissimo, quando dico che sono una cuoca pasticciona io non scherzo, perchè in cucina non rispetto mai le dosi, non sono precisa e non ho le basi, vado d'istinto e mi lascio prendere dal momento, per me spiegarvi questa ricetta è stato un incubo perchè non solo è frutto di un invenzione, ma quando ho cucinato non ho pesato nulla, tutto ad occhio e questo non è un atteggiamento da chef. Crepi il lupo.
      Purtroppo peggioro invece di migliorare.
      Grazie cara buona giornata e un bacione :* <3 <3

      Rispondi
  8. Gianna Ferri
    22 Settembre 2013 at 20:38 (6 anni ago)

    Sei incredibilmente brava anche in cucina…

    In bocca al lupo!

    Rispondi
  9. Paola
    23 Settembre 2013 at 8:19 (6 anni ago)

    Ma che spettacolo, io (manco a dirlo, sono una golosona) vado matta per il chorizo! Anch'io parteciperò al contest di Vaty, mi ha colpita molto!
    Paola
    http://www.lechicchedipaola.it/

    Rispondi
    • atelierdufantastique
      23 Settembre 2013 at 9:42 (6 anni ago)

      buonooooo!!!! è un bel contest, ha colpito molto anche me, un'ottima idea e poi con Vaty siamo molto amiche, certo non sono brava come le altri concorrenti che sono delle vere chef oltre che delle bravissime fotografe, ma ho fatto del mio meglio nel mio piccolo e ci ho provato.
      grazie!!!
      buona giornata

      Rispondi
  10. Giuls A
    23 Settembre 2013 at 8:26 (6 anni ago)

    Ma che buono!! sei bravissima!
    baci

    Rispondi
    • atelierdufantastique
      23 Settembre 2013 at 9:43 (6 anni ago)

      graziee!!! diciamo che me la cavicchio e che la fortuna spesso mi assiste, almeno in cucina 😉
      baci

      Rispondi
  11. atelierdufantastique
    23 Settembre 2013 at 14:50 (6 anni ago)

    grazie cara 😉
    quanti complimenti *.*
    buona serata anche a te
    baci baci

    Rispondi
  12. Stefyp.
    23 Settembre 2013 at 16:53 (6 anni ago)

    ..che buono, questo riso deve essere gustoso. Una ricetta che attrae e conquista anche l'occhio….che presentazione!!! Da vero chef.
    Complimenti, Audrey sei brava anche quando presenti le ricette.
    Buona serata, Stefania

    Rispondi
    • atelierdufantastique
      23 Settembre 2013 at 17:23 (6 anni ago)

      si, è molto gustoso 😉
      grazieeeee!!! sai, non sono molto brava in queste cose, però visto che volevo provarci, mi sono messa in gioco
      grazie mille per i complimenti
      buona serata un abbraccio

      Rispondi
  13. Marcela Gmd
    23 Settembre 2013 at 18:55 (6 anni ago)

    Wow me encanta el risotto!!! tendré que probar esta receta!!!
    Buen comienzo del otoño, querida Audrey!!! mi g+ para ti!!!:)))

    Besos, desde España, Marcela♥

    Rispondi
  14. Melinda Santilli
    24 Settembre 2013 at 7:58 (6 anni ago)

    Ciao bella, spero che tu vinca questo contest perchè è una ricetta molto originale.
    Purtroppo non amo le cose piccanti perciò non lo mangerei 🙁
    Un appunto: da brava milanese ti ricordo che noi non usiamo l'ossobuco (con tanto di midollo dentro) per insaporire il brodo, l'ossobuco va cotto a parte e unito al risotto per essere mangiato e ti giuro che è buonissimo!!!
    Bacioni

    Rispondi
    • atelierdufantastique
      24 Settembre 2013 at 10:01 (6 anni ago)

      grazieee!!! in realtà ho pochissime possibilità di vittoria, gli altri sono tutti super agguerriti e professionali -.-'
      Forse non mi sono spiegata bene nel post, io ho detto che questo è un risotto alla milanese rivisitato (my style). Ovviamente non mi sono soffermata sulla vera preparazione del risotto alla milanese, ma ho solo detto che va usato l'osso buco (poi io sapevo che andava usato per il brodo e poi unito al riso alla fine), ci credo che è buono. In Francia si usa tanto, soprattutto nelle zuppe 😉
      grazie della precisazione forse sono stata troppo vaga
      bacioni

      Rispondi
  15. La Betty
    24 Settembre 2013 at 9:33 (6 anni ago)

    SLURP!
    Bisogna iniziare il commento con i dovuti meriti e SLURP è la forma di gradimento più eccelsa che io conosca, a bella zumbista vedo che in cucina ti diletti parecchio. ME cojons e complimenti.

    Rispondi
    • atelierdufantastique
      24 Settembre 2013 at 10:02 (6 anni ago)

      grazie allora per i tuoi slurp, sono lusingata 😉
      ahuahuahuahuah
      mi fai morire grazie assai te lovvo

      Rispondi
  16. Ilaria Girucca
    26 Settembre 2013 at 20:05 (6 anni ago)

    Ma wow O.O Questa ricetta è davvero originale, lo chorizo è davevero buonissimo 🙂 🙂 Un abbraccio 🙂
    Ila

    Rispondi
  17. Claudia Bonera
    1 Ottobre 2013 at 19:27 (6 anni ago)

    Ciao, arrivo da te grazie al contest "Contaminazioni" al quale partecipo anch'io. Complimenti per il tuo blog, mi sono unita ai tuoi lettori e spero tanto che tu faccia altrettanto. A presto, Claudia
    http://lacucinadistagione.blogspot.it/

    Rispondi
    • atelierdufantastique
      1 Ottobre 2013 at 19:53 (6 anni ago)

      Ciao Claudia,
      benvenuta e grazie mille per i complimenti.
      Certo che passo da te a presto e buona serata 😉

      Rispondi
  18. Maria Bruna Zanini
    19 Ottobre 2014 at 4:56 (5 anni ago)

    Bellissima idea quella del chorizo nel risotto alla milanese! Io amo molto la Spagna e quindi …complimentiii sei stata super bravissima! Ricetta da fare al più presto, sperando si riuscire a trovare il vero chorizo a Genova!
    Ti abbraccio
    ciaooo

    Rispondi
    • atelierdufantastique
      19 Ottobre 2014 at 8:24 (5 anni ago)

      grazieee!!! se riesci fammi sapere se ti è piaciuto 😉
      un abbraccione

      Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *






Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.