Samoa è formata da un gruppo di isole collocate all’incrocio delle linee di transito del Pacifico meridionale. Grazie alla sua posizione ha attratto l’interesse di molte potenze europee, come la Germania che, nel 1900, prese il controllo della parte occidentale. La religione ufficiale è il cristianesimo e le lingue parlate sono due: l’inglese e il samoano.

In questa civiltà esiste un’antica usanza che ha messo le basi per la nascita di un terzo sesso chiamato “fa’afafine” che significa “Come una donna” (fa’a= nel modo di, fafine= donna).
Sembra che la nascita di questo terzo sesso sia da attribuire alla scarsità di donne all’interno di una famiglia, difatti, in molte famiglie vi era una prole maschile troppo numerosa. Per questo i genitori samoani, di fronte ad un numero elevato di figli maschi, scelsero di vestire i propri figli con abiti femminili, assegnandoli alcuni compiti prettamente appartenenti alla sfera donna, come tenere la casa pulita ecc.

Le fa’afafine sono maschi a tutti gli effetti, nati geneticamente uomini, ma trasformati in donne nell’età della crescita. In  breve sono uomini dediti al duro lavoro e alla famiglia, ancorati alla tradizione samoana di tautua. Secondo la cultura del posto non si può identificare tale sesso con l’omosessuale occidentale, perchè per la popolazione del posto non esiste l’omosessualità. Infatti le fa’afafine hanno rapporti sessuali con uomini etero e non con altri appartenenti al loro stesso sesso e qualche volta con le donne. Questa terzo sesso è ben accettato nella cultura samoana, infatti, molte fa’afafine ricoprono ruoli illustri ed importanti e nei prossimi mondiali, che si terranno nel 2014 in Brasile, nella rosa dei giocatori vi è anche Johnny Saelua un difensore fa’afafine.
Secondo gli abitanti del posto non vi è un imposizione effettuata da parte dei genitori in tale scelta, ma semplicemente il mettere in atto, in maniera pratica, un desiderio espresso inconsciamente dal bambino che mostra atteggiamenti effeminati o ama giocare con bambole ed oggetti solitamente appartenenti alle bambine.

Non vi nego che la cosa mi ha lasciata abbastanza sconcertata. Credo che anche se tutti la vendono come una scelta libera, in realtà sia una sottile imposizione psicologica. Un bambino va lasciato crescere e giocare con ciò che desidera, quando avrà capito ciò che è, ovviamente da solo ed in età adulta, compirà anche la sua scelta in totale autonomia decidendo chi amare e chi essere. Vestire un bambino in modo diverso, dargli un ruolo particolare equivale a manipolare la sua natura confondendolo e portando a divenire ciò che i genitori vogliono e quindi in ciò che lui spesso crede di volere. Trovo assurdo come ogni società imponga certi stereotipi, noi occidentali tendiamo a non riconosce ed accettare l’omosessualità e dall’altra parte del mondo avviene praticamente l’opposto, due eccessi che possono solo far male a chi ha bisogno di vivere in libertà e capire chi è realmente.

38 Comments on Samoa e le fa’afafine

    • Audrey
      22 Maggio 2013 at 16:48 (7 anni ago)

      si, è assurdo
      ciao ciao

      Rispondi
  1. L'angolo di Giuls
    22 Maggio 2013 at 8:24 (7 anni ago)

    Anche io sono d'accordissimo con te! secondo me è violenza psicologica che porta anche a gravi problemi di identità. Ogni persona ha il diritto di crescere e vivere in assoluta libertà. Ci sono già tantissime imposizioni ed etichette nella società, ma che certe restrizioni e condizionamenti vengano addirittura dalla famiglia…

    Rispondi
    • Audrey
      22 Maggio 2013 at 16:54 (7 anni ago)

      Concordo con te è pazzesco e poi non capisco perchè nessuna fa nulla per impedire questa cosa
      buona serata

      Rispondi
  2. ♥ vendy ♥
    22 Maggio 2013 at 9:27 (7 anni ago)

    hai ragione cara le imposizione sia opprimenti che liberali sono dannose per un individuo come un bambino che sta formando anche la sua persona comportamentale e psicologica…
    xoxo
    buona giornata
    vendy

    Rispondi
    • Audrey
      22 Maggio 2013 at 16:55 (7 anni ago)

      Credo sia davvero qualcosa di assurdo e altamente dannoso per la psiche di una persona, hai ragione 😉
      xoxo

      Rispondi
  3. Bea
    22 Maggio 2013 at 10:39 (7 anni ago)

    Quanto tempo che non passo di qui!Sono imperdonabile ma sono letteralmente sommersa dal lavoro! Quanti post mi sono persa!Spero di recuperare presto! 🙂
    Come al solito i tuoi post non deludono!Non conoscevo affatto questa realtà e sono rimasta a dir poco basita!Va bene le culture e tradizioni ma questa mi sembra francamente assurda!Come dici tu,non mi sembra affatto una libera scelta ma un'imposizione che a maggior ragione se fatta in età così precoce finisce per marchiare definitivamente la natura di una persona!
    Un bacio grandeeeee
    Bea

    Rispondi
    • Audrey
      22 Maggio 2013 at 16:57 (7 anni ago)

      Ciao Bea,
      tranquilla,non sei imperdonabile, uno perchè non mi arrabbio per queste cose e due perchè capisco la tua situazione.
      Anche per me è un'imposizione spaventosa, anche se non la vedono cosi, per loro è una cosa assolutamente normale, mah!!!
      Un bacioneeeeeee 😉

      Rispondi
  4. Antonella
    22 Maggio 2013 at 10:40 (7 anni ago)

    Sono sconcertata…questa è una vera e propria manipolazione della psiche di una persona…una violazione dei più elementari diritti. No, non sono sconcertata, sono indignata, viene calpestata la libertà di scelta, ma non solo, anche la libertà di far emergere il proprio io profondo in modo naturale attraverso le varie fasi della crescita anche emotiva e sessuale. Una storia "disperante" .
    Ciao, un bacione .
    Antonella

    Rispondi
    • Audrey
      22 Maggio 2013 at 17:05 (7 anni ago)

      Ciao Antonella,
      ti capisco, anch'io sono rimasta stravolta da questa informazione, mi sembra talmente assurdo e irreale. Concordo con te, in questo modo non si da la possibilità di crescere emotivamente e sessualmente nel modo giusto.
      Un bacione

      Rispondi
  5. Silvia
    22 Maggio 2013 at 11:52 (7 anni ago)

    Non avevo mai sentito parlare di questo “terzo sesso”, per la serie: non si finisce mai di imparare!

    Rispondi
    • Audrey
      22 Maggio 2013 at 17:06 (7 anni ago)

      si, tutti i giorni impariamo qualcosa 😉

      Rispondi
  6. Melinda
    22 Maggio 2013 at 11:59 (7 anni ago)

    Sconcertata?!
    Io sono incazzata, non sconcertata! Ma qui si mandano a quel paese anni e anni di battaglie secolari contro tutte le pratiche barbare che vengono messe in atto contro le persone.
    E' assurdo, mi vengono in mente le ragazze infibulate e questo mi fa ancora di più infuriare: ma chi ha stabilito che è giusto quello che gli viene imposto, non si rendono conto degli enormi traumi che subiscono e si portano dietro per tutta la vita? E per cosa? Volgarmente parlando, per scopare: complimenti, un grande passo per l'umanità.
    Dal punto di vista di donna lesbica non mi esprimo proprio, altrimenti mi parte un'invettiva che nemmeno Cicerone durante le Filippiche…
    Un bacione e grazie per questo post!

    Rispondi
    • Audrey
      22 Maggio 2013 at 17:08 (7 anni ago)

      Ciao Mel,
      purtroppo è cosi, difatti, mi sono chiesta perchè nessuno a mai tentanto o cercato di fare qualcosa per cambiare questa orrenda tradizione.
      La cosa più assurda è proprio quello che dici tu, per due servizi, un piatto caldo e del bucato pulito cambiano l'esistenza di una persona…non è normale (almeno secondo me).
      Un bacione e prego 😉

      Rispondi
  7. Lilli
    22 Maggio 2013 at 13:00 (7 anni ago)

    Ciao Audrey! Sono rimasta alquanto sconcertata anche io! Non ero a conoscenza di questa "usanza" o terzo sesso..la penso esattamente come te, qui siamo agli eccessi! E poi solo per sopperire al minor numero di donne presenti nella famiglia..E' davvero un emblematico esempio di come determinate socità manipolino l'uomo e non lo lascino libero di esprimere appieno la proprio persona o meglio personalità. Hai fatto bene condividerlo! Un bacio grande cara♥

    Rispondi
    • Audrey
      22 Maggio 2013 at 17:11 (7 anni ago)

      Ciao Lilli,
      decisamente agli eccessi, purtroppo!!!
      Il motivo poi ti lascia basita.
      Un bacione enorme e grazie mille 😉
      <3 <3

      Rispondi
  8. Mariangela Circosta
    22 Maggio 2013 at 13:56 (7 anni ago)

    Mamma mia Audrey mi fa impressione!!! Che situazioni, sono pienamente d'accordo con te!!!!

    Rispondi
  9. Giovanna Bianco
    22 Maggio 2013 at 15:20 (7 anni ago)

    Non conoscevo assolutamente questa usanza. E' vero una concezione opposta alla nostra. I bambini vengono manipolati dai genitori in base alle proprie idee. Cose incredibili!!!

    Rispondi
    • Audrey
      22 Maggio 2013 at 17:18 (7 anni ago)

      Cose esageratamente incredibili, purtroppo…

      Rispondi
  10. Le Chat Noir
    22 Maggio 2013 at 16:14 (7 anni ago)

    Partiamo da un presupposto: Farinelli e tutti i grandi eunuchi della storia non sono mai stati consenzienti e nemmeno felici di essere stati sottoposti alla castrazione, perché di questo stiamo parlando.
    In tutta franchezza, non approvo l’esistenza di questo terzo sesso imposto e mi chiedo perché nessuno si sia rivolto al Tribunale per i Diritti Umani chiedendo che imponga la cessazione di queste castrazioni.
    In secondo luogo mi viene anche da dire: le fa’afafine sono accettate, ma se una persona è gay, lesbica o trans allora tutti si sentono in diritto di dire che è malata, che deve farsi curare, che è un abominio e tantissimi altri complimenti.
    Ma che è, il bue che da del cornuto all’asino?
    Troppo comoda la scusa del “faccio sesso con una fa’afafina perché non ci sono donne ma sono etero”: etero sti cazzi! (scusa Audrey, passami il francesismo).
    Allora anche un omosessuale che fa sesso con altri uomini può dire “sono etero ma amo gli uomini perché non esistono le donne che piacciono a me”… No signori cari che fate sesso con le fa’afafine, siete gay anche voi!
    Per concludere, do pienamente ragione a Mel e Antonella: si tratta di abuso della persona, di danni biologici, esistenziali, fisici e psicologici; un enorme passo indietro sulla strada di una civiltà che dubito fortemente venga raggiunta.
    Un abbraccio
    Xavier

    Rispondi
    • Audrey
      22 Maggio 2013 at 17:56 (7 anni ago)

      Ciao Xavier,
      da quello che mi risulta non sono eununchi, perchè non vengono castrati, semplicemente gli lasciano crescere capelli e unghie; poi indossano abiti femminili, sin dall'infanzia, e svolgono lavori domestici. Questo è quello che ho scoperto io con le mie ricerche, se poi vengono anche castrati il tutto diventa maggiormente grave.
      Per quanto riguarda il Tribunale per i Diritti Umani, mi sono posta la tua stessa domanda, visto che anch'io la vedo come una costrizione che manipola, modifica e crea sicuramente problemi psicologici a questi bambini.
      La parola "accettate", nel post, non era in senso dispregiativo,anzi serviva per far capire che per loro le fa'afafine vengono realmente viste come un terzo sesso e non ci sono discriminazioni. Mentre in altre parti del mondo, spesso e purtroppo, ci sono molti pregiudizi nei confronti degli omosessuali, cosi tanti che spesso si usa la parola omofobia che trovo assurda e spaventosa, i gay non sono dei killer, quindi di cosa deve aver paura la gente?
      Per quanto riguarda gli uomini che stanno con le fa'afafine, questa è un'altra cosa che mi ha lasciata allibita, perchè effettivamente anche loro non si capisce cosa vogliono e quindi se sono etero o no, non è chiaro.
      Come ben sai anch'io concordo con Melinda e Antonella perchè, alla fine, le loro parole sono il mio pensiero espresso nella parte finale.
      Ti auguro una buona serata e ti abbraccio anch'io

      Rispondi
  11. Ali Ce
    22 Maggio 2013 at 18:22 (7 anni ago)

    Che situazione sconcertante!

    Rispondi
  12. Eva
    22 Maggio 2013 at 18:58 (7 anni ago)

    La penso come te, ti confesso che non ne sapevo nulla… O.o

    Rispondi
    • Audrey
      23 Maggio 2013 at 10:48 (7 anni ago)

      anch'io ho appreso la notizia da poco, comunque è una cosa che sanno in pochissimi

      Rispondi
  13. briciole di vita
    22 Maggio 2013 at 18:59 (7 anni ago)

    Certo che la mente umana riesce a costruire le cose più abominevoli. Non conoscevo questa realtà: mi scandalizza sapere che si modifichi la psiche e la sessualità di un essere umano per le proprie ipocrisie accappando giusticazioni veramenete incredibili.
    Grazie per la notizia

    Buona serata

    Gloria

    Rispondi
    • Audrey
      23 Maggio 2013 at 10:50 (7 anni ago)

      Ciao Gloria,
      la mente umana, un modo di pensare differente dal nostro, delle ideologie che non capiremo mai sono alla base di questa tradizione che, almeno secondo me, è decisamente spaventosa.
      Prego, anche se non è una bella notizia
      Buona giornata 😉

      Rispondi
  14. Bbonton
    22 Maggio 2013 at 21:05 (7 anni ago)

    Sai che non lo sapevo? Anch'io sono piuttosto sconcertata!
    Mi hai fatto venire la curiosità di cercare altre notizie per approfondire l'argomento!

    Buona serata!
    Barbara

    http://www.bbonton.it

    Rispondi
    • Audrey
      23 Maggio 2013 at 10:51 (7 anni ago)

      Ciao Barbara,
      io ho fatto un pò di ricerche ma non ho trovato un molto, se trovi qualche info in più fammi sapere.
      Buona giornata 😉

      Rispondi
  15. Vaty ♪
    22 Maggio 2013 at 21:16 (7 anni ago)

    Che bel post e che bel tema! Forse avevo letto di loro e in effetti credo sia davv una civiltà davvero da guardare con ammirazione. Così lontani dalla "civiltà " moderna ma così avanti in certe cose..

    Rispondi
    • Audrey
      23 Maggio 2013 at 10:57 (7 anni ago)

      Ciao Vaty,
      ti ringrazio per i complimenti.
      Come civiltà non li conosco molto, ho appreso solo questa cosa delle fa'afafine che però mi ha lasciata sconcertata. Forse eri troppo stanca e leggendo ti è sfuggito qualche passaggio, che non ti ha permesso di capire cosa fanno. Loro fanno diventare i bambini maschi delle femmine per scarsità di donne nel nucleo familiare. Credo che questo non gli faccia molto onore.
      Ti ringrazio per il commento e per essere passata nonostante la tua giornata devastante
      Un abbraccio

      Rispondi
  16. Stefyp.
    22 Maggio 2013 at 21:21 (7 anni ago)

    Cara Audrey, penso anch'io che sia una vera forzatura, non si lascia al bambino la libertà di trovare la sua identità. Non conoscevo questa usanza, e mi lascia un po' perplessa e sconcertata…
    Ciao, Stefania

    Rispondi
    • Audrey
      23 Maggio 2013 at 10:59 (7 anni ago)

      Ciao Stefania,
      una forzatura che tra l'altro pone le sue basi su motivazioni assurde. I bambini non vanno toccati per nessun motivo al mondo e questa usanza la trovo altamente dannosa per la salute mentale di un essere vivente.
      Un abbraccio e grazie

      Rispondi
    • Audrey
      23 Maggio 2013 at 11:03 (7 anni ago)

      In questo caso è un costume tradizionale estremamente esagerato e deleterio per un essere umano. Le tradizioni vanno rispettate e tenute vive negli anni, ma questa non mi sembra una di quelle.
      I bambini sono essere fragile e deboli, non sei dei giocattoli e non si può e non si deve inculcargli qualcosa del genere. Se realmente sono fa'afafine devo capirlo da soli e non perchè qualcuno ha confuso la loro mente vestendoli da donna, truccandoli e acconciandoli i capelli.
      Kiss kiss

      Rispondi
  17. Clem
    24 Maggio 2013 at 15:22 (7 anni ago)

    Cara Audrey, leggere questo tuo post mi fa tornare in mente un cartello che ho visto l'altro giorno in università: "Alcune persone sono gay. Fattene una ragione" (ed è il messaggio che oggigiorno molti dovrebbero fare proprio). Si usa il verbo essere e non il verbo diventare. La traiettoria che questi genitori IMPONGONO ai propri figli è improponibile, davvero.

    Rispondi
    • Audrey
      25 Maggio 2013 at 8:31 (7 anni ago)

      Ciao Clem,
      concordo con te, comportarsi in un determinato modo con un bambino equivale ad un imposizione-manipolazione che cambia l'essenza di quest'ultimo.

      Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *






Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.