Non volevo più scriverne, speravo di non doverne più scrivere
e invece ieri sera la notizia:
” Raggiunto l’accordo con l’India, i Marò 
tornano a New Delhi “.
  E questa è una di quelle notizie che gettano discredito  su un Paese  e lo 
privano dell’onore e della reputazione.
Fin dall’inizio di questa vicenda il comportamento del governo italiano
e stato, a mio parere, sbagliato e meschino.
Invece di dimostrare coraggio e decisione, difendendo due soldati comandati 
in missione antipirateria su una nave italiana, l’esecutivo dei pasticcioni ha commesso
un errore dietro l’altro. Non soltanto ha acconsentito che la petroliera su cui erano
imbarcati invertisse la rotta, uscendo dalle acque internazionali e consegnandosi dunque
nelle mani degli indiani, ma per mesi, dopo l’arresto dei due militari, Monti e il ministro
degli esteri Terzi di Qualchecosa avevano adottato una linea morbida.
Invece di protestare fin da subito
per l’inganno con cui i due Marò erano stati arrestati, al posto di mettere in campo
tutte le misure possibili per ottenere la più rapida  scarcerazione, anzichè coinvolgere la Ue e
tutti gli alleati, il governo ha tentato flebili pressioni
Insomma,  la situazione si è via via ingarbugliata e i nostri soldati non solo non hanno visto
riconosciuto lo status di militari sottoposti alla nostra giurisdizione, non solo non hanno
ottenuto ragione per aver operato in acque internazionali e dunque non indiane,
ma sono stati privati anche di un processo giusto.
Le perizie sui morti e sulle pallottole rinvenute nei corpi dei pescatori
sono state compiute senza nessuna garanzia per la difesa, ma di fronte a ciò
l’esecutivo dei tecnici, non ha protestato e non ha reagito.
Risultato, siamo arrivati al punto che secondo la Corte suprema indiana i nostri soldati
avrebbero dovuto essere giudicati da un tribunale speciale.
Così, a qualcuno, nel pieno di una crisi di governo, nel bel mezzo di una campagna
elettorale, è venuta l’idea di non fare tornare i Marò in India dopo la licenza di un mese
dovuta proprio al voto.
Alla Farnesina e a Palazzo Chigi qualcuno deve aver pensato che questa era la furbata
che avrebbe risolto la questione. Con un tradimento di un patto sottoscritto
dal governo ci saremmo riportati a casa i nostri soldati.
Com’è andata lo si è visto.
L’India ha reagito sequestrando il nostro ambasciatore e minacciando rappresaglie
nei confronti delle nostre aziende.
Risultato, l’uomo che aveva garantito di restituirci il prestigio internazionale ha calato
le braghe esponendoci a una figuraccia mondiale.
Grazie a Monti e a Terzi siamo coperti di ridicolo: abbiamo dato prova  di essere
un Paese di furbi, che cercano la scorciatoia ma quando sono messi con le spalle al muro
balbettano e chiedono scusa, supplicando il perdono.
Grazie a Monti abbiamo perso non solo la fiducia da parte di chi è al servizio 
dello Stato, come i due uomini mandati all’estero per difendere gli interessi nazionali,
ma anche l’onore. Nè è sufficiente dire che i marò sono stati rimandati in India
perchè New Delhi ha garantito che nei loro confronti
non sarà applicata la pena di morte.
La verità è che Monti e Terzi si sono rimangiati la parola due volte.
Prima con gli Indiani e poi con i soldati italiani.
Peggio di così non si poteva fare. Altro che governo dei tecnici. Questo è 
il governo dei pasticcioni.
Questo veramente non avrei mai pensato di arrivare a pensarlo e a scriverlo
ma non ci resta che rimpiangere un uomo come Craxi, che fece circondare  i marines
dai carabinieri, tenendo testa agli Stati Uniti.
No, non avrei mai pensato di dirlo!
( Fonte: Libero )
( Fotografie dal web )
***********************************
METTICI LA FACCIA MARIO
Dopo essere stato a guardare per un anno, in piena 
campagna elettorale Monti si è fatto fotografare con i 
Marò in aeroporto, nel poco lusinghiero tentativo di
raccattare qualche voto. Allora ci fu la fanfara, per
SuperMario in pista con i soldati ” Orgoglio della Patria”.
Peccato che non ci sia stato anche l’altra  notte , il bocconiano 
con il loden, a mettere i nostri valorosi Marò sull’aereo 
che li ha condotti nelle galere indiane.
******************************************
Ore 12,30 mi si gela il sangue nelle vene nell’apprendere che il Ministro dell Difesa indiano
dichiara di non aver mai dato garanzie sulla non applicabilità 
della pena di morte, dice:
” Come può il potere esecutivo dare garanzie sulla sentenza di un tribunale? “
smentendo il nostro Ministro degli esteri.
Ennesima figuraccia!

( Fotografie dal web )
(questo post è stato scritto e curato da Antonella del blog “Il tempo ritrovato” )

12 Comments on L’Italia rimanda i Marò in India, tanto non rischiano la pena di morte

  1. Vaty ♪
    23 Marzo 2013 at 11:21 (6 anni ago)

    Tesoro ho letto stamane da Antonella. È una vergogna..
    Non aggiungo altro. Ps ti messaggio ora x darti uno scoop 😉

    Rispondi
  2. Lilli
    23 Marzo 2013 at 11:45 (6 anni ago)

    Audrey, è una vergogna totale, sono davvero senza parole, se non disgustata! Complimenti ad Antonella per il post, sono d'accordo con ciò che ha scritto..ti abbraccio cara e ti auguro un bel fine settimana♥

    Rispondi
    • Antonella
      23 Marzo 2013 at 12:24 (6 anni ago)

      Ciao Lilli, sono Antonella, ti ringrazio per i complimenti e per aver apprezzato le cose che ho scritto e che credo rispecchino il pensiero della maggior parte di noi.
      Ciao, Antonella

      Rispondi
  3. Antonella
    23 Marzo 2013 at 12:22 (6 anni ago)

    Ciao Audrey, vedo che ti è piaciuto e lo hai pubblicato. Inutile stare a dire altre parole ci siamo già dette tutto sta mattina per telefono. Le notizie arrivate dopo la pubblicazione dei post sono ancora più sconcertanti, l'India nega di averci mai dato rassicurazioni in merito alla sorte dei due Marò. Ho aggiunto due righe in coda al post.
    Ciao, buon pomeriggio e un bacio.
    Antonella

    Rispondi
  4. Le Chat Noir
    23 Marzo 2013 at 15:05 (6 anni ago)

    Come ho scritto da Antonella non mi vergogno ad essere italiano, chi deve VERGOGNARSI sta a Roma…
    un abbraccio
    Xavier

    Rispondi
  5. Dania Carbonini
    23 Marzo 2013 at 17:49 (6 anni ago)

    Non ho veramente parole, se non di profondo affetto per le famiglie di questi due ragazzi e di SCHIFO nei confronti di gente come Monti.
    Grazie per questo post.

    Un bacio e buona serata.

    http://www.angelswearheels.com

    Rispondi
  6. Giovanna Bianco
    23 Marzo 2013 at 21:36 (6 anni ago)

    Complimenti per il post, in maniera molto chiara e semplice Antonella ha riassunto questa bruttissima situazione. Veramente poco piacevole.Mi sono mancati i tuoi post, spero di riprendermi presto, per riprendere a pieno regime. Buon domenica delle Palme.

    Rispondi
    • Antonella
      24 Marzo 2013 at 8:45 (6 anni ago)

      Ciao Giovanna, ti ringrazio per il complimento al post, arrivati a questo punto ad Audrey e a me è parso giusto fare il punto della situazione.
      Ciao, Antonella

      Rispondi
  7. Audrey
    24 Marzo 2013 at 13:24 (6 anni ago)

    Ringrazio tutti per essere passati e per aver commentato, inoltre sono felice di sapere che in tanti la pensate come me e Antonella. Un abbraccio a tutti voi e buona giornata

    Rispondi
  8. Silvia
    24 Marzo 2013 at 18:17 (6 anni ago)

    Oggi ho visto il srvizio al tg e mi sono domandata cosa passasse veramente nella mente di quei due uomini che hanno dichiarato di essere militari e quindi di essere stati addestrati ad obbedire. Di tutta questa vicenda c'è solo da dire che loro due si sono sempre comportati veramente da militari, e per questo sono da ammirare. Su tutto il resto non commento, hai già detto tutto tu. Spero solo che la vicenda si concluda in fretta, perchè è da più di un anno che le autorità di due paesi stanno "giocando" col destino di queste due persone.

    Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *






Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.