La città è una giungla, uno spazio enorme, pieno di barriere, ostacoli, limiti e distrazioni. Per camminare in un grande città serve un occhio attento e vigile, capace di cogliere ogni imprevisto e ogni occasione che si può presentare. Molti possono pensare che camminare sia la cosa più facile e naturale del mondo, ma in una metropoli bisogna prestare una notevole attenzione agli attraversamenti, al traffico, ai borseggiatori, alle vetrine; ma anche agli altri pedoni. Dobbiamo attraversare e controllare che nessun pazzo sbuchi all’improvviso, dobbiamo guardare le vetrine, ma senza perdere di vista le altre persone sia per evitare eventuali furti, ma anche scontri. Tutto questo porta i soggetti a prestare maggiore attenzione rispetto a chi vive in aree più tranquille e ad un elevato consumo celebrale.In base ad un recente studio condotto presso il Goldsmith College di Londra, si è dimostrato che la vita frenetica nelle metropoli moderne affatichi il cervello e ne modifichi anche le sue capacità. La ricerca è stata pubblicata sul Journal of Experimental Psychology, protagonista della ricerca è stata la popolazione Himba della Namibia, ove una parte vive ancora di allevamento tradizionale e l’altra conduce una vita tipicamente occidentale.

Nel primo test, gli psicologi, hanno chiesto ai volontari di osservare uno schermo con numerosi elementi e di focalizzare l’attenzione su dei particolari, tutto ciò sotto l’occhio vigile di un sistema che permette di registrare i movimenti dell’occhio, ciò ha mostrato come i “cittadini” fossero più inclini a distrarsi e distogliere il focus dall’obiettivo assegnato. Nel secondo test i ricercatori hanno sovraccaricato la memoria degli abitanti del posto meno civilizzati chiedendo loro di ricordare sequenze numeriche tra una sessione e l’altra, questo forte stress ha portato i livelli di attenzione degli Himba rurali agli stessi livelli di quelli urbani.  Tutto ciò ha dimostrato che l’effetto del sovraccarico cognitivo è stato indistinguibile dagli effetti dell’urbanizzazione. Infatti, la vita urbana, pur non riducendo le capacità cognitive, plasma il cervello in modo che impari a focalizzare solo gli stimoli maggiormente importanti: situazioni di potenziale pericolo o volti umani. Pertanto i diversi ambienti favoriscono lo sviluppo di capacità differenti, tipiche del proprio habitat; quindi chi vive in posti tranquilli è maggiormente reattivo su obiettivi specifici, mentre chi abita nel caotico contesto metropolitano è capace di tenere sotto controllo situazioni più complesse e ricche di stimoli.
                               
Fonte :Focus
In base alla teoria delle intelligenze multiple abbiamo almeno nove tipi si intelligenza, se siete curiosi di sapere quali sono quelle che usate di più, fate il seguente test: focus brain test

41 Comments on La vita frenetica delle grandi città modifica le nostre capacità cognitive

    • Audrey
      6 Marzo 2013 at 21:16 (8 anni ago)

      😉
      buona giornata anche a kiss kiss

      Rispondi
    • Audrey
      6 Marzo 2013 at 21:16 (8 anni ago)

      😉
      Anche a te
      kiss

      Rispondi
    • Audrey
      6 Marzo 2013 at 21:17 (8 anni ago)

      😉
      Sono contenta allora
      kiss

      Rispondi
  1. Eva
    6 Marzo 2013 at 10:20 (8 anni ago)

    Ecco perché quando vado a Roma o a Napoli mi assale l'ansia di prendere i mezzi e me ne torno sempre con l'emicrania a 1000!!! Non sono abituata allo stress di città… vivendo in paesino di 3.000 anime non potrebbe essere altrimenti!

    Rispondi
    • Audrey
      6 Marzo 2013 at 21:18 (8 anni ago)

      Capisco capita anche a me e;-)
      Kiss

      Rispondi
  2. lolle
    6 Marzo 2013 at 10:47 (8 anni ago)

    Un post davvero interessante…
    Io posso dire che quando mi capita di andare in città mi rendo conto di essere davvero imbranata!!!

    Rispondi
    • Audrey
      6 Marzo 2013 at 21:19 (8 anni ago)

      😉
      Bè,capita quando si è abituati alla tranquillità
      kiss

      Rispondi
  3. Lilli
    6 Marzo 2013 at 11:11 (8 anni ago)

    Ciao Audrey, complimenti per questo interessantissimo post:) Dopo faccio anche il test:P In effetti quando visito grandi metropoli sono maggiormente attenta ai pericoli ed ai pedoni che camminano intorno, che ansia^^' Un abbraccio cara, spero stia bene!!♥

    Rispondi
    • Audrey
      6 Marzo 2013 at 21:22 (8 anni ago)

      Ciao Lilli,
      Grazie cara:-D
      Un mega abbraccio anche a te…sono stanca non ho un attimo di tempo ufff…
      Bacini :-* <3 <3 <3

      Rispondi
    • Audrey
      6 Marzo 2013 at 21:23 (8 anni ago)

      Thank you
      yes 😉

      Rispondi
  4. Antares
    6 Marzo 2013 at 11:36 (8 anni ago)

    Non posso che concordare, infatti vivere in un ambiente esagitato come un'enorme metropoli distrugge la persona fisicamente e psicologicamente.
    Anche i nostri antenati lo sapevano, infatti avevano tutti delle belle ville in campagna.
    Un abbraccio
    Matilda

    Rispondi
    • Audrey
      6 Marzo 2013 at 21:24 (8 anni ago)

      Verissimo 😉
      Un abbraccio

      Rispondi
  5. Pino Palumbo
    6 Marzo 2013 at 11:58 (8 anni ago)

    Ciao Audrey…ho solo il tempo per un saluto…tanto per restare in tema con la…"frenesia delle città"
    Buona giornata

    Rispondi
    • Audrey
      6 Marzo 2013 at 21:25 (8 anni ago)

      Eh ti capisco
      grazie e ciao ciao

      Rispondi
  6. Antonella
    6 Marzo 2013 at 15:48 (8 anni ago)

    Ciao Audrey, bellissimo post.
    Io vivo in un posto i montagna molto piccolo e tranquillo, come ormai ben sai. Devo però dire che quando vado in città (leggi Milano ) mi sento rinascere e mi piace sentire la mia attenzione impegnata su più fronti.
    Ciao, buona serata e un bacione.
    Antonella

    Rispondi
    • Audrey
      6 Marzo 2013 at 21:33 (8 anni ago)

      Ciao Antonella,
      Grazieeee …
      Piace anche a me e 😀
      Buona serata un mega bacio

      Rispondi
  7. SONIA
    6 Marzo 2013 at 17:16 (8 anni ago)

    Cara Audrey, io ho infatti scelto di vivere in un piccolo centro ma vicino ad una grande citta', mi sembra un buon compromesso!! Bacione!

    Rispondi
    • Audrey
      6 Marzo 2013 at 21:31 (8 anni ago)

      Bè, è sicuramente un ottimo compromesso,infatti,anch'io vivo in una piccola cittá situata vicino alla provincia 😉
      Baci cara

      Rispondi
    • Audrey
      6 Marzo 2013 at 21:28 (8 anni ago)

      Thank you
      great evening you to
      kiss

      Rispondi
  8. Stefyp.
    6 Marzo 2013 at 23:14 (8 anni ago)

    Interessante!! E non posso che concordare. Io sono fortunata, perchè vivo in un piccolo centro a contatto con la natura..
    Ciao Stefania

    Rispondi
    • Audrey
      7 Marzo 2013 at 21:04 (8 anni ago)

      😉
      Bè, si sei molto fortunata 😀
      Ciao

      Rispondi
  9. nina
    7 Marzo 2013 at 9:52 (8 anni ago)

    Io ho aperto la pagina del test e l'ho richiusa dopo 10 secondi! mi sa che sono più deconcentrata dei newyorkesi… 🙂

    Rispondi
  10. Beatrice Portinari
    7 Marzo 2013 at 10:46 (8 anni ago)

    Proverò a fare il test quando ho un momento libero, ma intanto trovo il tuo post molto bello 🙂
    Un abbraccio
    Beatrice

    Rispondi
    • Audrey
      7 Marzo 2013 at 21:01 (8 anni ago)

      Grazie Beatrice
      un abbraccio 😉

      Rispondi
  11. Sixth Tractate
    7 Marzo 2013 at 17:06 (8 anni ago)

    Beautiful picture! I'm your 300th follower! Yay! I just came across your blog 🙂 Would you mind checking out our blog & if you like, following back via GFC and Bloglovin'? Looking forward to your next post! xx

    sixthtractate.blogspot.com

    Rispondi
    • Audrey
      7 Marzo 2013 at 20:37 (8 anni ago)

      Oh thank you so mach
      😉
      Kiss

      Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *






Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.