Per San Valentino, io e Antonella, abbiamo pensato di fare un piccolo
esperimento per il nostro Fatterellando.
Per l’occasione del 14 febbraio il nostro post a quattro mani parte da una
foto scelta insieme e per la quale ognuna di
noi ha scritto una storia, quella che secondo lei raccontava quell’immagine.
In questo modo ci confronteremo e vedremo quale storia ha inventato la nostra
mente dopo esser rimasta affascinata dalla stessa istantanea,
sarà cosi simpatico e divertente leggere i nostri racconti per vedere se i
nostri pensieri sono stati uguali o se la nostra fantasia ha viaggiato in
maniera opposta.
Questa è la mia storia: 
 
 
Si erano ritrovati lì per caso, dopo anni, dopo una vita fatta di sacrifici e dolore, qualche gioia e qualche soddisfazione. Lei fissava il mare senza mai voltarsi, lui imbarazzato come un ragazzino batteva il dito sul manubrio, sempre allo stesso ritmo, incalzante ed impaziente. Il mare era calmo, anche se ogni tanto un’onda appariva e con impeto arrivava sulla sabbia per poi sparire.
Nella testa di lei affiorò un pensiero e quel pensiero la fece ride, lui allora prese coraggio è le disse:
-perché sorridi?
-nulla, pensavo che è un po’ imbarazzante e che questa scena mi ricorda tanto Elena e Salvatore nel finale di “Nuovo cinema paradiso”, ricordi?
Lui ci pensò un attimo, quel film l’avevano visto insieme, avevano poco più di vent’anni, lui era timido ed impacciato, lei era bellissima e sembrava quasi irraggiungibile. Una sera uscendo dal Bar la chiamò e le chiese, tremante, di andare al cinema con lui; lei gli regalò uno dei suoi sorrisi, quando sorrideva cosi non serviva una risposta erano i suoi occhi luminosi a parlare per lei.
Era nato cosi il loro amore, con un film bellissimo, anche se malinconico e quel finale era dato da un momento di passione tra due persone che si era costruiti una nuova vita, proprio come loro; ma dopo essersi incontrati a distanza di anni non avevano resistito a quella tentazione fatta d’amore spezzo a metà.
Lui allora la guardo, il tempo e le ferite di una vita sembravano non aver lasciato il segno sul su volto e su quel sorriso che gli ricordava i mille momenti passati insieme. Deglutì, quasi come se dovesse ingoiare un boccone troppo amaro, però poi prese coraggio e le disse:
-perché? perché dopo anni sei tornata?
Lei non sapeva cosa dirgli, si toccò i capelli, come sanno fare solo le donne in quei momenti imbarazzanti regalando un non so che di sensuale in quel gesto, poi sospiro e senza guardarlo gli disse:
-ho capito…si, è tardi e ti chiedo scusa…la verità è che sono malata, che tra un po’ inizierò a perdere i miei ricordi, cosi ho pensato di immortalare con le parole tutte le cose importanti che avrei dovuto ricordare su di un quaderno. Sono andata in cartolibreria, ho comprato un quaderno bellissimo, una di quelle penne che costano una fortuna, sono tornata a casa e ho iniziato a scrivere. Mi sono appuntata i nomi dei miei figli, di mio marito e ho cominciato a fare dei sunti, però mancava qualcosa, mancavi tu.
Lui la guardò perplesso, cosa significavano quelle parole, cosa voleva dire…una lacrima scese dal suo viso quando realizzo.
Lei prese fiato è continuo:
-stò per dimenticare tutto, ma non volevo dimenticare te, una delle cose più importanti della mia vita cosi ho preso il primo treno e sono venuta qui…volevo vederti, volevo imprimere nella mia mente ogni tuo particolare perché gli anni che ci hanno diviso hanno offuscato la tua immagine. I ricordi no, sono indelebili in me, non so ancora per quanto, ma ci sono…Però non ero sicura di ricordare ogni piega del tuo viso, ogni espressione, ogni tuo movimento. Sono tornata per questo. Puoi capirmi?
Era tornata il 14, il 14 febbraio, il giorno del loro primo bacio, proprio il giorno più importante del loro amore. Era un caso? una coincidenza? era stato calcolato? lui doveva saperlo, perché il 14 era anche il giorno che lei l’aveva lasciato ed era scappata per farsi una nuova vita in una città perché quel paese le stava stretto.
-perché proprio oggi? perché hai scelto questa data?
-non l’ho scelta io e lei che ha scelto me…
Lei aveva il viso rigato dalle lacrime, i suoi occhi umidi la facevano apparire cosi debole, fragile e piccola; lui non riuscì a frenare quell’istinto e la bacio.
Fu un bacio lungo, intenso, triste, forte, impetuoso, nostalgico, incazzato e poi le prese il viso tra le mani, la guardò negli occhi e cercò anche lui di fissarla, di ricordare ogni sua piega del volto, il suo profumo e la sua gestualità. Il cielo aveva cambiato colore, la luna stava arrivando ed il mare non era più placido e silenzioso, ma sembrava quasi arrabbiato. Lei si avvicino, gli bacio la fronte e gli disse:
-grazie…cercherò di non dimenticarlo, nonostante  Alzheimer. Scusami se ti ho ferito, scusami per il male che ti ho inflitto, ma quel male l’ho provato anch’io…l’amore per le persone resta sempre, anche se sono lontane.
Aprì la portella della macchina e scomparve nella notta a passo svelto, scomparve come era sempre scomparsa e come sempre era apparsa nella sua vita. Lui guardò il mare, poggiò la testa sul manubrio e quasi gli scappava da ridere, guidava ancora quel vecchio rottame dopo anni, ma non perché non avesse soldi per comprarne un altro, ma perché gli ricordava lei, ora era proprio arrivato il momento, il momento di buttarlo via. 
 


se volete scoprire il racconto di Antonella cliccate qui.
Antonella ed io vi invitiamo a giocare un po’ con noi,
ci piacerebbe che, dopo aver letto i due racconti,
ci diceste se secondo voi siamo “andate ” nella stessa direzione
o se le nostre fantasie sono andate in due direzioni opposte.
Vi ricordo che questa volta  anche ognuna di noi è
all’oscuro di quello che ha scritto l’altra 
e il vostro parere ci farebbe molto piacere.
A
conclusione di ogni post troverete un wallpaper e per realizzarlo ci siamo
rivolti ad un esperto qual’è Xavier autore del blog Le chat noir e  Le chat
noir gallery

58 Comments on San Valentino con Fatterellando

  1. ❀~ Simo ♥~
    14 febbraio 2013 at 7:17 (6 anni ago)

    Che racconto appassionante, ora vado a leggere quello di Antonella.
    ciao e complimenti!

    Rispondi
  2. Antonella
    14 febbraio 2013 at 7:20 (6 anni ago)

    Ciao Audrey, , è una storia bellissima…adesso che abbiamo pubblicato mi sento più tranquilla anch'io.
    Secondo me l'esperimento è riuscito, siamo andate tutte e due nella stesa direzione…ma lasciamo ai nostri lettori il compito di dirci se in realtà è andata così o meno…
    Ciao, stai un po' riposata.A presto e un bacione.
    Antonella

    Rispondi
    • Audrey
      14 febbraio 2013 at 18:38 (6 anni ago)

      Ciao Antonella,
      si, l'esperimento è riuscito alla grande…
      si si vediamo un po' cosa ne pensano loro, io sono molto curiosa 😉
      bacione

      Rispondi
  3. La Betty
    14 febbraio 2013 at 8:14 (6 anni ago)

    Una storia davvero bellissima,
    complimenti Audrey bel modo di festeggiare gli innamorati…
    Potresti intitolarlo "l'ultimo bacio"
    ti abbraccio

    Rispondi
    • Audrey
      14 febbraio 2013 at 18:39 (6 anni ago)

      Ciao Betty,
      grazie amica 😉
      Concordo, l'ultimo bacio ci stà a fagiolo ahuahuahuahua
      un abbraccio e buon San Valentino lovvvvvvo lovvvvo

      Rispondi
    • La Betty
      15 febbraio 2013 at 16:31 (6 anni ago)

      bella mia, prima o poi io ti incontrerò….

      Rispondi
  4. RobbyRoby
    14 febbraio 2013 at 8:18 (6 anni ago)

    ciao ho letto anche il racconto di Antonella. Molto belli questi due racconti. Il tuo è più triste. Però descrivete un grande amore, un amore vero che nonostante gli anni e gli avvenimenti della vita non viene dimenticato.

    Rispondi
    • Audrey
      14 febbraio 2013 at 18:41 (6 anni ago)

      Ciao,
      si, era proprio l'amore che volevo descrivere, questo perché penso fermamente che gli amori mai vissuti sono quelli più belli e pure, perché nonostante tutto non si dimentica.

      Rispondi
  5. ♥ vendy ♥
    14 febbraio 2013 at 9:42 (6 anni ago)

    ciao cara bella la nuova grafica…
    BUON SAN VALENTINO STELLA
    kiss
    vendy

    FOLLOW ME ON:
    the simple life of rich people blog
    twitter @simpleliferichP
    instagram @thesimplelifeofrichpeople
    viddy @thesimplelifeofrichpeople
    vine @vendy col
    volete sfidarmi a RUZZLE , il gioco del momento??! @vendycolange

    Rispondi
    • Audrey
      14 febbraio 2013 at 18:42 (6 anni ago)

      Ciao Vendy,
      hai visto che figata? è un regalo del mio carissimo amico Xavier 😉
      Buon San Valentino
      kiss kiss

      Rispondi
  6. Miky
    14 febbraio 2013 at 9:47 (6 anni ago)

    Uff… che triste! E' molto commovente Audrey, ora vado a leggere quello di Antonella e poi torno qui!

    Rispondi
    • Miky
      14 febbraio 2013 at 9:53 (6 anni ago)

      Eccomi ^_^
      Allora come ho scritto ad Antonella per certi versi le vostre storie si assomigliano. Entrambe parlate al passato e sono storie fatte di ricordi. Entrambe avete immaginato una storia iniziata anni fa, anche se con finali decisamente diversi.
      Buon San Valentino Audrey cara.
      Miky

      Rispondi
    • Audrey
      14 febbraio 2013 at 19:04 (6 anni ago)

      Ciao Miky,
      hai ragione, anch'io ho visto le stesse somiglianze 😉
      Buon San Valentino anche a te
      un abbraccione

      Rispondi
  7. Pino Palumbo
    14 febbraio 2013 at 12:13 (6 anni ago)

    Dopo aver riletto quello di Antonella…
    …rieccomi…faccio un copia-incolla per lasciare lo stesso commento ad entrambe….
    Direi che le direzioni dei vostri racconti sono assolutamente uno all'opposto dell'altro! Due belle storie sicuramente…la tua di vita vera (credo) di 2 persone che sono partite da quella sera sedute in quella macchina e hanno costruito una vita insieme e sono diventati "noi"…
    L'altra, quella di Audrey, una storia di fantasia…di due persone che sono tornate a quella sera a quella spiaggia, a quell'auto per ricordare…non dimenticare…per rivivere una vita che avrebbero potuto vivere insieme!
    Da premiare entrambe…Antonella per la schiettezza del raccontarsi (credo) nella sua lettera d'amore! Audrey per la fantasia e l'originalità della storia che ha inventato, elaborato…partendo semplicemente da una foto…
    …Forse però una direzione in comune c'è nelle vostre 2 storie…sì pensando bene…IL VERO AMORE…QUELLO PIU' IMPORTANTE DELLA NOSTRA VITA…E' INDELEBILE E SI VORREBBE POTERLO "IMPRIMERE" PER SEMPRE NELLA PROPRIA MEMORIA, OLTRE CHE NEL CUORE!
    Beh sì credo che questo potrebbe essere un possibile "filo conduttore" delle vostre storie! Fatemi sapere se siete dello stesso parere!
    E' stato divertente Care Antonella e Audrey…davvero divertente…
    Ciao.

    Rispondi
    • Audrey
      14 febbraio 2013 at 19:13 (6 anni ago)

      Si, la mie è una storia di fantasia, la tua analisi sul mio brano è corretta. Anch'io credo che la direzione comune sia il vero amore, anche se la mia storia racconta di un amore lasciato a metà, ma anche gli amori che non si vivono sono veri. Quindi credo che effettivamente l'amore sia il filo conduttore.
      Poi ci sono delle somiglianze perché entrambe abbiamo immaginato una coppia non giovane e un tornare in un luogo importante in una data altrettanto significativa.
      Grazie Pino per l'analisi, sono felice di sapere che l'esperimento ti è piaciuto.
      Ciao ciao

      Rispondi
  8. Tiziano
    14 febbraio 2013 at 12:57 (6 anni ago)

    Ciao Audrey ho letto tutti e due i racconti avete seguito due strade diverse ma il tema principale e sempre lo stesso l'amore senza eta e quale giorno migliore per scrivere queste due storie se non il giorno di San Valentino complimenti
    auguri per un lieto San Valentino
    Tiziano.

    Rispondi
    • Audrey
      14 febbraio 2013 at 19:20 (6 anni ago)

      Ciao,
      per prima cosa benvenuto nel mio blog.
      Poi grazie per il bel commento, sono d'accordo con te 😉
      Auguro un felice San Valentino anche a te

      Rispondi
  9. Lilli
    14 febbraio 2013 at 13:17 (6 anni ago)

    Ciao Audrey, complimenti hai scritto una storia stupenda:) Mi hai davvero emozionata:) Sei bravissima con la penna, non c'è niente da fare è il tuo talento:) Buon San Valentino cara, trascorri una bella giornata, un bacio!♥

    Rispondi
    • Audrey
      14 febbraio 2013 at 19:55 (6 anni ago)

      Ciao Lilli,
      grazieeee!!!! *.*
      quanti complimenti belli 😉
      Buon San Valentino anche a te un abbraccione e un bacione

      Rispondi
  10. Silvia
    14 febbraio 2013 at 13:23 (6 anni ago)

    Bellissimo questo racconto. L'ho letto tutto d'un fiato, e mi è proprio piaciuto perchè hai saputo raccontare una storia d'amore ricca di dettagli in un racconto breve, e oltretutto coinvolgendo il lettore (che non è cosa facile!). Buon San Valentino anche a te!

    Rispondi
    • Audrey
      14 febbraio 2013 at 19:57 (6 anni ago)

      Ciao Silvio,
      grazieee!!! sono davvero felice perché con queste parole mi fai capire che il mio obiettivo è stato raggiunto.
      Grazie ancora
      Buon San Valentino

      Rispondi
  11. dagioia
    14 febbraio 2013 at 15:25 (6 anni ago)

    Due storie d'amore, diverse, ma di egual grandezza, due storie possibilissine nell'accadere.E' l'amore che fa grande le storie.
    Cara Audrey, ho letto.
    Un amore costudito(Antonella), nonostante gli alti e bassi della quotidianità, non facile da preservarlo da stanchezza della vita, preoccupazioni, sofferenze, e un altro Amore, (Audrey) vissuto come ricordo importante, la brace ardente sotto la bianca cenere. Però vissuto in misura più ardente mi pare d'aver capito, da parte di lei.
    Complimenti ragazze siete bravissime!!
    Un abbraccio e buon S.Valentino!
    Dani

    Rispondi
    • Audrey
      14 febbraio 2013 at 20:01 (6 anni ago)

      Ciao,
      si, un amore enorme da parte di lei, ma che di lui…infatti conserva quella macchina per tutta la vita e decide di sbarazzarsene (nel finale), non perché non la ama, ma perché ha capito che non è la macchina a tener acceso quel ricordo e quel sentimento, ma quello che prova nel cuore e soprattutto nei cassetti della memoria.
      Un abbraccio anche a te e Buon San Valentino

      Rispondi
  12. Marcela Gmd
    14 febbraio 2013 at 16:05 (6 anni ago)

    Bonita historia, Audrey!!!
    ____ (¯`(♥)´¯) _____(¯`(♥)´¯)
    ___¶¶ (_.^._)¶¶__¶_¶¶(_.^._)¶¶
    _¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶__¶¶¶¶¶(¯`v´¯)¶
    ¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶(¯`(♥)´¯)¶
    ¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶(_.^._)¶¶
    ¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶(¯`v´¯)¶¶¶¶¶
    _¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶(¯`(♥)´¯)¶¶¶
    ___¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶(_.^._)¶¶
    ______¶¶¶¶¶¶(¯`v´¯)¶¶¶¶¶
    ________¶¶¶(¯`(♥)´¯)¶¶
    ___________¶(_.^._)¶
    ____________ ¶¶¶¶¶
    _____________¶¶¶

    Happy Valentine's Day!!! y mi g+ para ti…

    Besos, desde España, Marcela♥

    Rispondi
    • Audrey
      14 febbraio 2013 at 20:02 (6 anni ago)

      Muchas gracias Marcela 😉
      Happy Valentine's day you to 😀
      besos

      Rispondi
  13. Fiori di zagara
    14 febbraio 2013 at 17:11 (6 anni ago)

    Come puoi immaginare rispondo ,dopo aver letto entrambi i racconti; il tuo racconta un amore vissuto nel ricordo ed avvolto in un alone di nostalgia , e che viene complicato dalla malattia.Il racconto di Antonella narra una storia d'amore, che si dipana per una vita intera con alti e bassi e continua ad alimentarsi nonostante gli anni.

    Rispondi
    • Audrey
      14 febbraio 2013 at 20:07 (6 anni ago)

      Ciao,
      si, è cosi…però il filo conduttore è comunque il grande amore 😉

      Rispondi
  14. Le Chat Noir
    14 febbraio 2013 at 19:18 (6 anni ago)

    Bello ed emozionante, un amore che non morirà mai.
    ciao
    Xavier

    Rispondi
    • Audrey
      14 febbraio 2013 at 20:08 (6 anni ago)

      Ciao Mago,
      si, sono i più belli poi 😉
      un abbraccio e buon San Valentino
      bacioni

      Rispondi
    • Audrey
      14 febbraio 2013 at 21:02 (6 anni ago)

      Happy Valentine's day you to
      kiss

      Rispondi
  15. Patalice
    14 febbraio 2013 at 22:05 (6 anni ago)

    a san valentino si fanno regali giusto?
    questo è decisamente uno di quelli belli.

    Rispondi
  16. Betty
    14 febbraio 2013 at 23:11 (6 anni ago)

    Ciao Audrey, ho fatto un copia-incolla di ciò che ho scritto da Antonella…

    Secondo me i vostri racconti hanno preso strade molto diverse, quello di Antonella parla di un amore che dura nel tempo, un amore fatto di complicità, di piccole grandi cose, di una vita vissuta insieme, tra gioie e dolori che ogni vita comporta… una storia dolcissima, due persone cresciute assieme, che hanno costruito assieme, e che hanno instaurato un rapporto di stima, fedeltà reciproca… un amore grande, che va oltre, un amore eterno!

    Il racconto di Audrey invece parla di un amore triste, rimpianto, non ho capito bene il perchè lei è scappata via da lui… per poi farsi una famiglia che secondo il mio parere… è stata una forzatura, visto che nella sua mente c’era sempre il suo vecchio amore, quindi lo definirei un amore “malato”.
    Per questo dico che le vostre storie sono andate in direzioni opposte.

    Comunque sia avete scritto 2 belle storie, complimenti alla vostra fervida fantasia.
    Tanti auguri a voi, alle persone che amate oggi e per sempre, vi abbraccio entrambi.

    Rispondi
    • Audrey
      15 febbraio 2013 at 19:07 (6 anni ago)

      Lei va via perché quel paesino le stà stretto, lo scrivo in un passaggio era andata in una grande città per un futuro migliore.
      Grazie mille Betty per il commento e per il complimento 😉
      tanti auguri un abbraccio

      Rispondi
  17. Jene
    15 febbraio 2013 at 7:36 (6 anni ago)

    Bellissima storia, ci è piaciuta davvero tanto così come il racconto di Antonella e anche il wall di Xavier.
    Complimenti per il nuovo look, un abbraccio zamposo

    Rispondi
    • Audrey
      15 febbraio 2013 at 19:13 (6 anni ago)

      Grazie Jene,
      ci siamo impegnati tanto tutti e tre 😉
      ed il risultato si vede 🙂
      un abbraccio
      p.s. il look è merito del nostro amico Mago

      Rispondi
    • Audrey
      15 febbraio 2013 at 19:14 (6 anni ago)

      Grazieeeee Barbara 😉
      buon weekend anche a te
      kiss

      Rispondi
  18. Antonella Leone
    15 febbraio 2013 at 11:02 (6 anni ago)

    è davvero un bellissimo racconto e anche il nuovo stile del blog mi piace tanto <3<3

    Rispondi
    • Audrey
      15 febbraio 2013 at 19:15 (6 anni ago)

      grazie !!!
      Il nuovo look è merito di Xavier

      Rispondi
  19. luoghinonluoghi
    15 febbraio 2013 at 16:55 (6 anni ago)

    non so se opposte, ma direzioni diverse.. e comunque, belle direzioni

    Rispondi
  20. ellie
    15 febbraio 2013 at 17:41 (6 anni ago)

    che tenera malinconia… davvero bella!
    un abbraccio

    Rispondi
    • Audrey
      15 febbraio 2013 at 19:22 (6 anni ago)

      grazie mille 😉
      un abbraccio anche a te

      Rispondi
  21. Beatris
    16 febbraio 2013 at 9:24 (6 anni ago)

    Davvero fantastico il tuo racconto!!!
    Una storia carica di fantasia che fa emozionare!!!
    Buona domenica da Beatris

    Rispondi
    • Audrey
      16 febbraio 2013 at 11:34 (6 anni ago)

      Grazie mille Beatris 😉
      buona domenica anche a te

      Rispondi
  22. Antares
    16 febbraio 2013 at 11:27 (6 anni ago)

    Storia stupenda, wall di Xavier bellissimo come sempre e finalmente il tuo blog ha una personalità molto fashion!!!
    Scommetto che anche qui Xavier ci cova, vero?
    Un abbraccio
    Matilda

    Rispondi
    • Audrey
      16 febbraio 2013 at 11:35 (6 anni ago)

      Ciao Matilda,
      grazie per i complimenti;)
      si, è merito di Xavier, senza di lui non ci sarei mai riuscita….
      un abbraccio

      Rispondi
  23. Vaty ♪
    17 febbraio 2013 at 21:50 (6 anni ago)

    Tesoro come ho fatto a perdermi questa puntata ? Ora vado da Antonella . Intano tesoro tu mi hai commossa.. Come scrivi tu non scrive nessuno. Ma ora sono curiosa e vado da Antonella 🙂
    Ti adoro. Amica mia speciale.

    Rispondi
    • Audrey
      18 febbraio 2013 at 14:50 (6 anni ago)

      Ciao amichetta bella,
      grazieeeee!!!!! mi fai arrossire 😀
      bacioneeeee

      Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *






Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.