La musica è emozione, sensazioni, vibrazioni. La musica è un mondo fantastico ove possiamo trovare il nostro spazio: piangere, ridere, saltare, rilassarci, estasiarci, gioire, calmarci, ballare, innamoraci… Però non tutti hanno la fortuna di goderne, perché purtroppo ci sono persone che per varie ragioni non sentono. Una di queste persone è un mio carissimo amico, un ragazzo splendido, intelligente, maturo, simpatico ed anche artista. Da tempo volevo fargli provare l’emozione della musica, non so se ci riuscirò, ma voglio almeno tentare… Mago, questa è per te!! Ho scelto questo brano perché un po’ ci rispecchia, è triste e malinconico come l’animo dei capricorno, se l’esperimento funziona potremmo provare con altre canzoni.

LA NOTTE-Arisa

All’inizio si sente la musica, quello che si avverte di può è il pianoforte, la potenza e la bellezza del suo suono legnoso, ma delicato e dolce. La sua armonia è vibrante,  sembra quasi arrivare dritta al cuore provocando un piccolo fremito a causa della sua intensità, le note annunciano l’arrivo di qualcosa di malinconico. Questo è ciò che si sente mentre si ascolta. A livello di sensazioni (le note del piano), sono come se tu toccassi, con i polpastrelli, un mobile in ciliegio facendo scivolare delicatamente le dita (senti le venature, il liscio, ma anche il ruvido). La melodia decresce perdendo la sua intensità e quando le note del piano scompaiono, arrivano i primi versi. Poi lo strumento torna in scena con determinazione, ma sempre con quel tocco malinconico, quasi triste.

Non basta un raggio di sole in un cielo blu come il mare
perché mi porto un dolore che sale, che sale…                   
Si ferma sulle ginocchia che tremano, e so perchè…

La voce giunge soave e leggiadra, come se qualcuno che ami ti accarezzasse la guancia delicatamente, quasi sfiorandoti, ma tu senti il calore con intensità…Le parole in neretto sono più decise ed accentuate, quelle in grigio chiaro delicate e quasi sussurrate, come se la mano si poggiasse sulla guancia nelle parti in nero e si ritraesse in quelle color grigio.

E non arresta la corsa, lui non si vuole fermare,
perché è un dolore che sale, che sale e fa male…
Ora è allo stomaco, fegato, vomito, fingo ma c’è


Il note del piano accarezzano le parole delle cantante, il tutto sembra avvolto da una nebbia. La sensazione che si prova è bellissima, perché si sente la melodia in maniera accentuata…Certi strumenti musicali ti entrano dentro la pelle, quasi nel sangue, facendoti provare delle sensazioni inspiegabili ma cosi belle, potresti persino piangere. Se devo paragonarti la sensazione è un po’ come quando ammiri un quadro di un grande artista.
In questo brano il tutto è condensato, le parole sono forti e fanno riflettere e il piano le rende ancora più tristi. Le frasi in neretto sono maggiormente vibrate, mentre quelle grigie sono più corte ed incisive. Il suono della voce, più delicato, più cantato rende l’intensità del pensiero che si contrappone alle parole che vengono pronunciate in maniere più decisa  e meno sentimentale.

Ritornello. Una parte importante, ove si raggiunge l’apice di quella sensazione triste e malinconica.
Entra cosi in scena il coro, voci di donna, quindi maggiormente morbide, sembrano quasi un sussulto, una “U” pronunciata piano che decresce in maniera leggiera. La voce in primo piano è sempre quella dell’interprete, ora ha un suono diverso, pare avere più carattere mentre pronuncia le parole che sono comunque decisamente più armoniche. Il piano trionfa ancora con il suo suono profondo e deciso. Le parole rosse sono quelle che hanno un tocco più triste quando vengono pronunciate, quelle in nero sono più decise, i finali di strofa più potenti e quasi parlati, il resto e più soave, quasi detto con un filo di voce, come quando si è stanchi e troppo delusi per dire qualsiasi cosa.

E quando arriva la notte (coro su notte)
e resto sola con me
La testa parte e va in giro (coro su giro)
in cerca dei suoi perchè
Né vincitori né vinti (coro)
si esce sconfitti a metà
La vita può allontanarci,(coro)
l’amore continuerà…

Ora sembra che lo scenario cambi, i suoni dell’orchestra prendono intensità, mentre le note del piano sembrano trasmettere uno spiraglio di luce, come se la cosa fosse meno dolorosa, le note sono meno legnose e assumono lo spessore del cioccolato quando si fa colare bollente dal pentolino per versarlo nella tazza, un gesto quasi naturale, che un po’ ti fa sentire il cuore leggiero ed un po’, a causa dell’odore della cioccolata (cosi forte che sale alle narici), ti da già una sensazione di sazietà. Si sente la batteria, è un po’ come avere tanti colpetti in parti diverse del corpo con pressioni e forze differenti, porta il ritmo dandogli un accento ben cadenzato (la stessa cosa accade con il basso). La voce e sempre soave, ma fa delle piccole acrobazie vocali, quasi impercettibili, come se vedessi un giocoliere esibirsi in cose complicate, ma senza difficoltà, come se fossero naturali.

Lo stomaco ha resistito anche se non vuol mangiare
Ma c’è il dolore che sale, che sale e fa male…
Arriva al cuore lo vuole picchiare più forte di me

Subentra la chitarra, le corde vibrano in modo veloce e deciso. Come se qualcuno ti toccasse quando meno te lo aspetti e tu sei quasi fintamente spaventato da quel tocco, perciò hai un sussulto. Le parole in verde sono quelle pronunciate mentre la chitarra entra in scena.

Prosegue nella sua corsa, si prende quello che resta
Ed in un attimo esplode e mi scoppia la testa (detto veloce, quasi elencato in modo stanco e deluso)
Vorrebbe una risposta ma in fondo risposta non c’è

Ora subentra nuovamente il coro, quasi impercettibile sullo sfondo tra piano e batteria, la batteria è un piccolo tocco, come se batti la mani sul tavolo piano piano e sempre allo stesso ritmo. La voce della cantante è più decisa, più forte e prorompente, i finali di parole più lunghi.

E sale e scende dagli occhi
il sole adesso dov’è(eee)?
Mentre il dolore sul foglio è(eee)
seduto qui accanto a me (chitarra le note sembrano ben distinte)

Che le parole nell’aria
sono parole a metà
Ma queste sono già scritte (uuuuuu del coro più marcato)
e il tempo non passerà

Ritornello.
Tutta l’orchestra entra in scena in modo maggiormente deciso e ogni strumento prende il suo ruolo, la chitarra entra con il suo suono nelle vene, il piano arriva al cuore, la batteria da ritmo e come il battito cardiaco è essenziale e forte. Il resto è un contorno vitale, anche se spesso impercettibile.

Ma quando arriva la notte, la notte
e resto sola con me
La testa parte e va in giro(ooooooooo)
in cerca dei suoi perchè (ee)
Né vincitori né vinti 
si esce sconfitti a metà
L’amore può allontanarci,
la vita poi continuerà (la batteria da un tempo veloce)
Continuerà (aaaaaaaaaaaaaaaaaaa)
Continuerà (aaaaaaaaaaaaaaaaaaaa)

Il primo continuerà è scadenzato dalla batteria, quindi deciso,  la “a” viene prolungata in modo dolce, come se qualcuno ti illustrasse una favola arrivando alla parte più bella, come se chiudi e riapri il cerchio, in modo sempre più delicato e magico.

 
Se vi piace il mio blog, votatemi. Il tutto è facile è
veloce, dovete solo cliccare qui e poi sulla scritta
“votami”. Grazie a tutti 😉

40 Comments on LA NOTTE- ARISA (testo e versione per chi non può sentire)

  1. CherryJPriano
    13 Febbraio 2013 at 7:58 (8 anni ago)

    Amo questa canzone di Arisa, è dolcissima e delicata! <3

    Rispondi
    • Audrey
      13 Febbraio 2013 at 20:24 (8 anni ago)

      concordo!!! 😉

      Rispondi
  2. Eva
    13 Febbraio 2013 at 9:21 (8 anni ago)

    E' davvero bella… spero che Mago capisca…

    Rispondi
    • Audrey
      13 Febbraio 2013 at 20:28 (8 anni ago)

      😉 spero di essere riuscita a trasmettergli la canzone, chissà!!!

      Rispondi
  3. Antonella
    13 Febbraio 2013 at 10:37 (8 anni ago)

    Ciao Audrey, hai fatto un lavoro splendido, lo avevo già visto ma come sembra quando poi si vedono pubblicati ci riservano delle sorprese.
    Io so quanto impegno ci hai messo e sono sicura che per il nostro amico Mago sarà un grande regalo che certamente saprà apprezzare…e sicuramente anche il risultato sarà positivo.

    Secondo me hai fatto una cosa grande che ancora una volta ci rivela la bontà, la sensibilità e la delicatezza del tuo animo.

    Ciao cara amica, un bacione e un abbraccio.
    Antonella

    Rispondi
    • Audrey
      13 Febbraio 2013 at 20:29 (8 anni ago)

      Ciao Antonella,
      spero tanto di esserci riuscita almeno un po', anche se come ben sai ho paura di no.
      Grazie Antonella per le tue belle parole 😉
      un abbraccione e un bacione anche a te mia cara amica

      Rispondi
  4. Giovanna Bianco
    13 Febbraio 2013 at 11:17 (8 anni ago)

    Bellissima canzone, spero che il tuo esperimento riesca. Un abbraccio sei veramente in gamba. Ciao.

    Rispondi
    • Audrey
      13 Febbraio 2013 at 20:30 (8 anni ago)

      grazie!!!! incrocio le dita 😉
      un abbraccio

      Rispondi
  5. Lilli
    13 Febbraio 2013 at 11:20 (8 anni ago)

    Ciao Audrey, mi spiace tanto per il tuo amico..hai avuto un'idea molto carina e dolce:))) Sono sicura Che Mago apprezzerà tantissimo:) Ed il post sortirà il suo effetto, l'ho letto volutamente senza ascoltare la canzone:) Ti abbraccio forte e ti auguro una buona giornata♥ (ps che carino il nuovo sfondo del blog!)

    Rispondi
    • Audrey
      13 Febbraio 2013 at 20:32 (8 anni ago)

      Ciao Lilli,
      grazie!!!! speriamo bene, vorrei tanto fargli questo regalo perché se lo merita 😀
      Ti abbraccio forte forte anch'io
      buona serata 🙂
      <3 <3
      lo sfondo è opera del mio bravissimo amico Mago 😀

      Rispondi
  6. Paulina
    13 Febbraio 2013 at 12:45 (8 anni ago)

    Have a nice day 🙂

    Rispondi
  7. Le Chat Noir
    13 Febbraio 2013 at 13:48 (8 anni ago)

    GRAZIEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE:):):):):):):):):):):):):):)

    Rispondi
    • Audrey
      13 Febbraio 2013 at 20:33 (8 anni ago)

      🙂
      sono io che devo ringraziare te 😉

      Rispondi
    • Audrey
      13 Febbraio 2013 at 20:33 (8 anni ago)

      ti voglio tantissimo bene anch'io 😉

      Rispondi
  8. Miky
    13 Febbraio 2013 at 14:09 (8 anni ago)

    Mi piace ^_^

    Rispondi
  9. Vaty ♪
    13 Febbraio 2013 at 14:37 (8 anni ago)

    Se ti dico che è la canzone preferita di Sofie non ci credi? E sai che la canta tutta a memoria?
    Musica e testo favolosi sono sicura che il tuo amico appezzerà tanto ..
    Ps sai che io in casa ho un falso d'autore della notte stellata del van Gogh ??bacio grande

    Rispondi
    • Audrey
      13 Febbraio 2013 at 20:36 (8 anni ago)

      Bè, Sofia è una capricornina, quindi ci credo è un po' come me e il Mago ahuahuahuahua
      Davvero? che bello!!! è uno dei miei quadri preferiti 😉
      bacione

      Rispondi
    • Audrey
      13 Febbraio 2013 at 20:37 (8 anni ago)

      thank's you to 😉

      Rispondi
  10. Beatris
    13 Febbraio 2013 at 17:13 (8 anni ago)

    Bellissima canzone! Bel lavoro!
    Un abbraccio e buona serata da Beatris

    Rispondi
    • Audrey
      13 Febbraio 2013 at 20:40 (8 anni ago)

      grazie mille!!!
      Un abbraccio e buona serata anche a te

      Rispondi
  11. Makeupnonsolo
    13 Febbraio 2013 at 19:57 (8 anni ago)

    questa canzone mi ha emozionato tantissimo l'anno scorso!
    ed è ancora emozionante risentirla!

    Rispondi
    • Audrey
      13 Febbraio 2013 at 20:39 (8 anni ago)

      si, è molto bella ed intensa 😉

      Rispondi
  12. La Betty
    13 Febbraio 2013 at 21:43 (8 anni ago)

    ma sbaglio o qui abbiamo cambiato template?
    Amica,hai fatto un post meraviglioso,dedicato davvero col cuore.
    Sei tenerissima.
    Ti abbraccio

    Rispondi
    • Audrey
      13 Febbraio 2013 at 22:07 (8 anni ago)

      no, non sbaglia tesoro.
      Si, l'ho fatto con il cuore perché il Mago se lo merita.
      Ti abbraccio anch'io

      Rispondi
  13. Stefyp.
    13 Febbraio 2013 at 22:03 (8 anni ago)

    Stupendo post, hai fatto un lavoro eccezionale, sono certa che Mago ne percepirà la melodia..
    Buona notte. Stefania

    Rispondi
    • Audrey
      13 Febbraio 2013 at 22:08 (8 anni ago)

      Grazie mille Stefania 😉
      buona notte anche a te

      Rispondi
  14. Betty
    13 Febbraio 2013 at 23:09 (8 anni ago)

    Sei brava Audrey, il tuo post è bellissimo e fatto con il cuore, sarà sicuramente apprezzato…
    Dolce notte a te

    Rispondi
    • Audrey
      14 Febbraio 2013 at 6:51 (8 anni ago)

      grazieee 😉
      dolce notte anche a te

      Rispondi
  15. RobbyRoby
    14 Febbraio 2013 at 9:08 (8 anni ago)

    ciao
    questa canzone è troppo bella.
    Mi emoziona.
    Hai fatto un ottimo lavoro.

    Rispondi
  16. Federica
    14 Febbraio 2013 at 13:27 (8 anni ago)

    l'altr'anno a sanremo non mi aveva fatto impazzire… ora la adoro!

    Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *






Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.