Erik Johansson, Estate 2012
Erik Johansson

Realtà o finzione, illusione ottica o idee trasformata in immagine. La fotografia è una delle espressioni artistiche più belle ed elevate che esitata al mondo, inoltre grazie alla tecnologia stà diventando quasi magia . Comprare una macchina fotografica ed iniziare a scattare istantanee è molto semplice e con un pò di fantasia, abilità e fortuna si possono avere belle foto. Però, per fare arte in modo professionale serve un grande artista, visto che un bravo fotografo deve saper cogliere ogni luce che possa trasformare quella foto in un dipinto, ogni sfumatura ed ogni elemento che abbia rilievo ed importanza. Se invece vogliamo veramente stupire, allora serve una mente innovativa, uno spirito geniale, qualcosa fuori dall’ordinario e tanta abilità; quella che permette di trasformare un’idea nata nella nostra testa in qualcosa di tangibile e visibile a tutti. Quando si è in grado di fare ciò, allora si è davvero grandi. Per me Erik Johansson è la più alta espressione artistica del momento, perchè tramite la sua maestria mi ha lasciato a bocca aperta, regalandomi la possibilità di vedere oltre la realtà e l’opportunità di entrare nei suoi pensieri.

Lavoro in mare
Work at sea di Johansson

Lo svedese Erik Johansson è un giovanissimo fotomanipolatore di 23 anni. Da un pò di tempo, grazie alle sua capacità di elaborare le fotografie, stà stupendo il mondo  diventando uno dei photoshop artist più amati del web. Lui si definisce un fotografo e artista del ritocco e dice di usare la fotografia come materiale che raccoglie per realizzare le idee nella sua mente.
Però, se guardate le sue opere, perchè secondo me è di arte che siamo parlando, noterete che i suoi scatti modificati sono un mix esplosivo tra realtà e surrealismo. Infatti in tanti lo definisco uno spirito surrealista digitale. Erik vive a Berlino, ove svolge la sua attività di fotografo e ritoccatore, lavora anche su commissione, oltre che su progetti personali. Se andate nel suo sito web erikjohanssonphoto, potrete scoprire qualcosina in più su questo bravissimo foto-ritoccatore, vi ritroverete stregati dalle sue opere ed inizierete inevitabilmente a contemplarle. Quello che emerge guardando i suoi scatti è l’intellettualizzazione delle fotografia, immagine d’origine iperrealistica, che ha però un’anima moralista , oltre che estetica, atta a rappresentare la realtà. Erik nell’immortalare le sue idee non coglie l’attimo, ma studia a fondo quello che la sua mente ha visto e poi cerca di realizzare lo scatto nel modo più realistico possibile, mettendo in essere quella sua visione in maniera veritiera.

Li ha resi liberi
Set them free di Erik Johansson

Questa per esempio è una delle opere che mi ha colpito maggiormente, non solo per la sua bellezza, per i suoi colori e per i suoi particolari, ma soprattutto perchè più la osservo e più mi stupisce, mi ammalia, mi piace. Ogni volta che la scruto colgo il suo spessore in modo differente, la sua tridimensionalità e il suo realismo. Guardate la donna che ha in mano il quadro, sembra quasi uscire dallo schermo con la sua profondità. Le ombre, invece, regalano specchi d’acqua che riflettono magicamente le piccole imbarcazioni, mentre la cascata tramite l’ausilio dell’acqua trasferisce il disegno in quella pozza scura, una sorta di via che conduce alla libertà. Il sole sembra simboleggiare una nuova vita, i suoi raggi illuminano anche al di fuori del quadro e quel mare piatto, con le sue imbarcazioni, in maniera naturale entra in acque differenti, scure e leggermente mosse, ove il cielo nuvoloso e buio sembra quasi annunciare una tempesta. Potrei continuare a scrivere tutto ciò che vedo e che suscita in me questo scatto, ma rischierei di scrivere un post lunghissimo.
Però trovo importante rivelarvi che l’autore nell’immortalare quest’immagine, non è stato repentino, ma ha prima studiato il tutto. Per lui il punto centrale era il telaio dipinto dal quale sgorga l’acqua (se andate sul suo sito vedrete come è stato realizzato), serviva ad ottenere un effetto “water-out-of-the-painting-effect” il più realistico possibile e per farlo sembrare reale, doveva forzatamente essere vero. Quindi ha comprato un telaio, ha lavorato su di esso in modo da ottenere uno spazio per l’acqua e poi ha creato anche il sole. Non ha ripreso intenzionalmente il volto della donna che tiene il telaio, proprio per non distrarre chi osserva e dargli la possibilità di concentrarsi sul dipinto.Voi cosa ne pensate? 

fisk
Fisk di Johansson

Questo è il video di un dietro le quinte di una delle sue ultime creazioni, non sò voi, ma io ho passato tutto i 4:58 minuti a guardare il suo lavoro a bocca aperta e riuscendo solo a pensare che è il migliore nel suo settore.

Ecco due opere fatte su commissione, tutte quelle che avete visto su, erano invece lavori personali.

Stratco
Stratco su commissione

dadalife
Dadalife su commissione 

L’ultima sessione del suo blog che voglio mostrarvi è quella appartenete alle illusioni, ecco le due immagini che ho selezionato per voi.

Skrapan
Skrapan

mindyourstep
mindyourstep

Immagini prese dal sito di Erik Johannson :http://erikjohanssonphoto.com

40 Comments on Erik Johansson: quando un’idea si trasforma in scatto.

  1. Eva
    6 Novembre 2012 at 11:53 (7 anni ago)

    Queste immagini sono meravigliose 😉

    Rispondi
  2. Alessia
    6 Novembre 2012 at 12:19 (7 anni ago)

    Ciao cara Audrey
    che dirti è spettacolare quello che propone se riesco a trovare una sua mostra andrei a vederla molto volentieri sono scatti favolosi, arte fatta a foto, grazie di avermelo fatto conoscere. Baci buona giornata Alex

    Rispondi
    • Audrey
      6 Novembre 2012 at 14:01 (7 anni ago)

      Ciao Alessia,
      espone, non sò se anche in Italia, ma all'estero si.
      Concordo con ogni tua singola parola, io lo adoro 😉
      bacie e buona giornata anche a te

      Rispondi
  3. Chica
    6 Novembre 2012 at 13:12 (7 anni ago)

    Queste foto sono veramente spettacolari!! La fotografia mi affascina da sempre, è bello riuscire a scattare foto che colpiscano gli altri 🙂

    Rispondi
    • Audrey
      6 Novembre 2012 at 14:16 (7 anni ago)

      Si, io le trovo sbalorditive, mi affascinano molto.
      Un bacione e buona giornata

      Rispondi
  4. Vera Vanity
    6 Novembre 2012 at 13:24 (7 anni ago)

    Wow, bellissimi, molto creativi. Ha super fantasia. Buona giornata cara! Xoxo V.V.

    Rispondi
    • Audrey
      6 Novembre 2012 at 14:16 (7 anni ago)

      vero 😉
      buona giornata anche a te Xoxo

      Rispondi
  5. Lilli
    6 Novembre 2012 at 13:34 (7 anni ago)

    Ciao Audrey, wow hai ragione! è incredibilmente bravo!! ho appena visto il video e sono rimasta molto colpita:) Set them free è molto bella, concordo su quello che scrivi:) Brava, ottimo post!! Un bacione e buon pomeriggio!!

    Rispondi
    • Audrey
      6 Novembre 2012 at 14:22 (7 anni ago)

      ciao Lilli,
      hai visto? Il video lascia veramente a bocca aperta, dietro c'è davvero tanto lavoro e moltissimo ingegno 🙂
      grazie per i complimenti.
      Buon pomeriggio anche a te e un mega kiss

      Rispondi
  6. Antonella
    6 Novembre 2012 at 14:00 (7 anni ago)

    Ciao Audrey, che meraviglia! Io non amo molto le manipolazioni ma qui siamo ad un livello altissimo che non può non affascinare. Bellissima la tua descrizione di quell'opera stupenda con l'acqua. In realtà ti devo dire che le altre mi piacciono molto meno, quella è un capolavoro. Bravo, veramente bravo e bravissima tu per il modo completo in cui ne hai parlato. Vado a visitare il sito.
    Un bacione.
    Antonella

    Rispondi
    • Audrey
      6 Novembre 2012 at 14:25 (7 anni ago)

      Ciao Antonella,
      quella foto che ho descritto secondo me è la più bella, però io non ho pubblicato tutte le sue opere, in realtà quando andrai nel suo sito vedrai che troverai altri scatti favolosi.Grazie per i complimenti, come sempre sei gentilissima 😉
      buona giornata e un bacione anche a te 😀

      Rispondi
    • Antonella
      6 Novembre 2012 at 16:08 (7 anni ago)

      Audrey, sono andata a visitare il sito, certe sono splendide, altre inquietanti ma molto belle. Brava mi hai fatto conoscere un bravissimo fotografo.
      Antonella

      Rispondi
    • Audrey
      6 Novembre 2012 at 16:16 (7 anni ago)

      Ciao,
      si, concordo con te alcune sono inquietanti, ma molte hanno grande significato (quella delle mani rotte al posto del vaso). Una davvero bella è quella che rappresenta un uomo nel letto e il lenzuolo è una montagna piena di neve, quella è davvero stupenda 😉
      Sono felice di sapere che è di tuo gradimento 😀
      baci

      Rispondi
    • Antonella
      6 Novembre 2012 at 19:12 (7 anni ago)

      Sì, anch'io ho trovato splendida quella dell'uomo e del lenzuolo che sfuma in una montagna di neve. Forse mi sono espressa male non volevo dare alla parola inquietante una connotazione negativa.
      Bacione, Antonella

      Rispondi
    • Audrey
      7 Novembre 2012 at 11:44 (7 anni ago)

      tranquilla ho capito cosa intendevi dire, infatti concordo con te 😉

      Rispondi
  7. Vaty ♪
    6 Novembre 2012 at 14:15 (7 anni ago)

    wowww… anche io non amo molto i ritocchi (le mie foto non sono quasi mai ritoccate ma ci metto solo le scritte ed il watermark) ma questi effetti sono… OUTSTANDING!

    Rispondi
    • Audrey
      6 Novembre 2012 at 14:27 (7 anni ago)

      Vaty ciaooo,
      le tue foto sono stupende,io te lo dico sempre, la magia delle tue immagini non ha bisogno di ritocchi, questo è sicuro 😉
      bacione e buona giornata

      Rispondi
  8. Glorieta
    6 Novembre 2012 at 15:09 (7 anni ago)

    Precioso me encantaaaaaaaaaaaa besitos

    Rispondi
    • Audrey
      6 Novembre 2012 at 15:19 (7 anni ago)

      😉
      besos y buen comienzo de semana

      Rispondi
    • Audrey
      6 Novembre 2012 at 16:17 (7 anni ago)

      Grazie, che bel complimento che mi hai fatto 😀
      concordo sulla seconda foto.
      A presto baci

      Rispondi
  9. lolle
    6 Novembre 2012 at 16:34 (7 anni ago)

    Non posso che essere d'accordo con te: un genio!!!

    Rispondi
  10. Marcela Gmd
    6 Novembre 2012 at 16:50 (7 anni ago)

    Maravilloso post; Audrey!!!
    Este fotógrafo es un auténtico creador de "trampantojos" que aunque es una técnica de pintura mural, él la aplica con arte y dominio en su trabajo fotográfico.
    Buen comienzo de semana! y mi G+ para ti…

    Besos, desde España, Marcela♥

    Rispondi
    • Audrey
      6 Novembre 2012 at 17:04 (7 anni ago)

      Hola Marcela,
      es verdad Johansson aplica con mucha arte su trabajo de fotografia.
      Gracias por tu commentario e G+
      Besos y buen comienzo de semana tambien 😀 <3

      Rispondi
  11. Anice Make Up
    6 Novembre 2012 at 18:35 (7 anni ago)

    Nuova follower! Adoro tutte le immagini che hai scelto per questo blog! Ti va di passare dal mio blog? Sarei felicissima se ci seguissimo a vicenda 🙂 Un bacio!

    Rispondi
    • Audrey
      7 Novembre 2012 at 11:46 (7 anni ago)

      Ciao e grazie per esserti unita alle mie follower, per il commento, per i complimenti; sei gentilissima 😉
      certo che passo da te, con piacere.
      Kiss kiss

      Rispondi
  12. Saji Connor
    6 Novembre 2012 at 20:19 (7 anni ago)

    Wow! Alcune ono davvero mozzafiato! Mi perdo a guardare certe immagini, queste poi che fa lui sono ricche di dettagli, piccoli e magari a volte (apparentemente) insignificanti, ma è proprio quello il bello della cura dei particolari! Sembra di osservare veramente qualcosa di vero!
    G+ per te!
    xoxo

    Rispondi
    • Audrey
      7 Novembre 2012 at 11:51 (7 anni ago)

      Ciao Saji,
      concordo con ogni tua singola parola 😉
      grazie per il G+
      kiss kiss

      Rispondi
    • Audrey
      7 Novembre 2012 at 11:52 (7 anni ago)

      Ciao Chiaretta,
      grazie per esserti unita alle mie lettrici, sei gentilissima.
      Passo subito 😀
      Xoxo

      Rispondi
  13. Aria
    6 Novembre 2012 at 22:05 (7 anni ago)

    A mio avviso, il digitale a distrutto totalmente quello che è l'essenza vera della fotografia. E' vero che ora si può essere più "creativi" attraverso mille elaborazioni grafiche, ma quello che era la pellicola, nessuna grana artificiale potrà sostituirlo.
    Fotografare è la mia vita.
    E' guardare tutto in funzione di millesimi di secondi.
    Ogni momento è un click col battito di ciglia, di cuore.
    E' meraviglioso.

    Rispondi
    • Audrey
      7 Novembre 2012 at 12:02 (7 anni ago)

      Io tengo le due cose distinte, la fotografia è qualcosa di stupendo, per me è arte pura che amo comunque a prescindere, la manipolazione digitale è un altro tipo d'arte che utilizza la fotografia per creare, mi piace anch'essa. Però sono due cose diverse (ovviamente per me) e soprattutto una non esclude l'altra.
      Quello che ha distrutto il digitale è quel cogliere l'attimo e sempre secondo me, non ha nulla a che fare con la manipolazione. Il problema del digitale è che oggi si scattano mille foto, si riscatta si rivede subito e si cerca di correggere. Prima ciò non era possibile, con la pellicola si doveva essere dei maestri della foto e non si poteva sbagliare. Con la pellicola i ricordi erano su carta e vederli era emozionate, con il digitale è tutto nel pc e ci sono mille foto (spesso anche troppo), ecco il digitale ha fatto perdere l'essenza alla fotografia e l'emozionalità.
      Ma questo non ha nulla a che fare con la manipolazione che è una cosa a se, se vuoi la fai, se non non la usi è molto semplice.
      Grazie del commento a presto e buona giornata

      Rispondi
    • Audrey
      7 Novembre 2012 at 12:08 (7 anni ago)

      anch'io sono per la pellicola…che è un tipo d'arte.
      Ma questo non esclude il fatto che possa piacermi anche la manipolazione,un altro modo di fare arte tramite l'ausilio della fotografia, in questo caso digitale.
      Ma anche con la pellicola si facevano artefici, i bravi fotografi sfumavano, tagliavano, creavano anche degli effetti.
      Una cosa è la manipolazione, una caso è il digitale o la pellicola.

      Rispondi
  14. giovanna
    7 Novembre 2012 at 18:20 (7 anni ago)

    La fotografia è un'espressione artistica molto complessa. Mi piacerebbe vedere una mostra di Johansson anche se io amo le foto che ritraggono la vita in tutta la sua spontaneità e realtà, senza fotomontaggi. Buona serata.

    Rispondi
    • Audrey
      8 Novembre 2012 at 11:47 (7 anni ago)

      Bè, anche quello è un tema fotografico molto bello ed importante, che puoi ritrovare in molti fotografi. Io ho visto una rassegna ad Otranto di foto di vita della realtà cubana. Molto bella 😉

      Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *






Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.