Clicca qui per recuperare i capitoli precedenti
Clicca qui per recuperare i capitoli precedenti

Eccomi qui!!! Dopo una lunga, interminabile ed estenuante settimana sono tornata a farvi compagnia con le mie storielle strambe, profumate, buone e magiche. Ieri mamma è venuta a trovarmi, voleva darmi la botta finale per farmi chiudere la settimana in bellezza. Spavalda spalanca la porta e grida :

-Salute a tutti spagnoli e non!!!- Sconvolta mi giro di scatto, guardo Edoardo e scoppio a ridere. Ve lo giuro, per un attimo ho pensato di trovarmi nel film di Pieraccioni. 
-mamma sei impazzita? cosa ti prende?- Le chiedo notando in lei quello sguardo, l’occhio malupino di chi sta per commettere una sciochezza.
-no, quella pazza sei tu mia cara Chloé!!… non sei capace di mordere la vita, che noia!!! Lavori con un giovane fascinoso cheeee…tra l’altro ti sbava dietro e cosa fai? cucini dolci!!! ahuahuahuahuahau… tu non stai bene!!- afferma fissando Edoardo in modo imbarazzante, quasi chiedendogli di intervenire.
-maMMA!!! smettilaaaa!!-
-ti surriscaldi sempre troppo quando ti si dice la verità!!! Uffff…ad ogni modo sono passata a salutarvi, parto!!- Afferma sorridente e quel presentimento, percepito pochi secondi prima, si trasforma in cruda realtà.
-con chi? sempre se è dato saperlo!!- Le domando con una punta di arroganza.
-Con Bernardo, ci siamo conosciti giocando a pocher al circolo per anziani e…sai come vanno queste cose!!…- si blocca, mi guarda disgustata e ricomincia a parlare.
-noooo!!! non lo saii.. cosa vuoi sapere tu che vivi chiusa qui dentro dalla mattina alla sera-
-mamma sei insopportabile e soprattutto non ti toglierai mai questo stra maledettissimo vizio. Non hai imparato nulla in 50 anni di vita? – La odio quando, dopo aver conosciuto un uomo, mi dice che parte. Lo fa da sempre è snervante, frustrante ma soprattutto egoistico. 
Vabbè!! Quello che vi ho raccontato è solo un piccolo stralcio di infelicità settimanale, giusto per gradire e introdurvi quello che accade dopo che io, Edoardo e Marie ritornammo nel presente.



IL BISCOTTO DEL RITORNO (48 ore dopo)
Dopo essermi alzata ebbi una sorta di capogiro. Per farla breve svenni tra le braccia di Edoardo che, con dolcezza e delicatezza, mi adagiò sul divano.
-Chloé…Chloé mi senti? – sentivo la sua voce, la sua agitazione era palpabile ma non riuscivo proprio ad alzarmi. Aprii gli occhi e mi ritrovai i suoi ad un palmo dal naso.
-stai meglio?- mi chiese amorevole, il suo sguardo ero fisso sul mio, la sua mano mi accarezzava la guancia mentre l’altro braccio mi cingeva la vita, sentivo il peso del suo corpo che premeva sul fianco e poi un rumore, un tonfo spaventoso, una polvere magica.
-Chloè… mon  Dieu!!! come stai amica mia?- La testa non si mosse di un millimetro, ma gli occhi si spostarono quel tanto che bastò per vedere la sua gonna e capire che non era un sogno.
-ero finita in Francia, ma non potevo restare a casa con l’angoscia che avevo..ti ho fatto male? perdonami ti prego!!!- spinse Edoardo, si sedette al suo posto e mi prese la mano baciando il dorso con le lacrime agli occhio.
-sto bene!!! le risposi con un filo di voce- Lei si voltò e guardò Edoardo con quel sorriso da bambina e la spontaneità che in lei avevo sempre adorato.
-voi due dovere raccontarmi un bel po’ di cose- disse Edoardo scrutandoci con sospetto.
-me no!!! mon cher, cosa vuole che le diciamo? siamo finiti nel passato, il resto lei lo sa bene- Marie Antoinette mi fece un cenno con la testa e un mezzo sorriso rassicurante.
-si, lo so bene, avevo capito!! Intendevo dire come mai lei è qui e poi come mai noi finiamo lì-
-Edoardo, posso spiegarti tutto ma devi promettermi di non raccontarlo a nessuno-
Mi alzai, ci sedemmo in giardino e sorseggiamo un tè mentre, tra un biscotto al cioccolato e l’altro, raccontammo tutta la verità. Edoardo ci fissava incredulo, ogni tanto faceva qualche domanda e poi si tirava un pizzicotto per esser certo di non sognare.
-Quindi tu hai fatto dei maracons e sei finita da lei che non era nemmeno sposata con il re…e tu le hai rubato i dolci per viaggiare nel tempo, fiondarti nel futuro e combinare guai…voi siete matte!!!-Edoardo prese il biscotto al cioccolato, lo portò all’altezza del naso e lo guardò, lo girò, lo rigiro, tirò un morso e lo riguardò.
-questo biscotto ha portato chi e dove?- domando curioso.
-questo biscotto ha segnato il nostro terzo incontro. Ero appena tornata da un colloquio di lavoro, ero felice, sapevo di aver fatto una buona impressione così, per festeggiare, decisi di fare queste piccole bontà. Spezzettai il cioccolato fondente e lo misi da parte. Presi la planetaria e ci versai: cannella, mandorle, cacao e farina, girai la manovella per impastare gli ingredienti ad una velocità media eee… dopo nemmeno un secondo, la stanza si riempii con il profumo della cannella, tutto divenne strano e mi ritrovai da lei- Raccontavo rivivendo un po’ quelle prime strambe emozioni e al contempo mi godevo lo spettacolo. Il povero Edoardo era sconcertato, ascoltava ogni parola con attenzione ma ogni tanto controllava il biscotto in maniera timorosa.
-Io ero seduta sul pavimento della mia enorme stanza… piangevo… ero disperata perchè mia madre mi dava il tormento… sa, per quella cosa li!!…lo sapete tutti da secoli, no?-
-quale cosa? non capisco!!!… cosa sappiamo da secoli?- Edoardo si voltò verso di me in cerca di una risposta.
-sai, quella storia del re che non voleva consumare le nozze- Dissi il più veloce possibile per non infilare il dito nella piaga della mia povera amica.
-lei si avvicino, mi abbraccio e mi guardò negli occhi, non disse nulla, aveva visto la lettera nelle mie mani e quello le bastò per capire. Ecco, quel giorno ho scoperto che lei è la mia persona- Marie mi prese la mano e la strinse con amore, contenta di quell’affermazione tanto grande e preziosa.
-scusate, ma nel ‘700 trasmetto Grey’ anatomy in tv?- chiese Edoardo ridendo.
-nel 1700 no, ma adesso si e noi lo vediamo sempre, per questo le rubo i biscotti, mi segno i giorno e vengo qui per vederlo con lei, siamo delle grandi fan ahuahuahua- Mari Antoinette rise divertita.
-si, da quel giorno faccio sempre questi biscotti e ogni volta se ne porta via una decina, in questo modo, quando vuole, torna- Spiegai.
-Capito, ma pensate di poter cambiare il corso della storia?- Edoardo stava per dirle quello che io tentavo di rivelarle da anni.
-perchè dovrebbe cambiare, non vuoi che io sia la delfina di Francia?- Affermò dispiaciuta la mia povera amica.
-Chloé, non hai detto a Marie cosa le succederà?- Edoardo si girò verso di me eeee PUFF… Marie Antoinette sparii nel nulla.
-Vedi!! Non riesco mai a dirglielo, sono anni che ci provo ma scompare sempre quando tento di metterla in guardia- La mia voce si spezzò e dovetti faticare parecchio per cacciar giù le lacrime.

-il tempo per lei trascorre più velocemente, in base a quello che mi racconta dovrebbe essere in attesa del suo terzogenito, quindi siamo all’incirca nel 1787. Edoardo ho tanta paura!! I suoi prossimi anni saranno colmi di dolore e soprattutto non so quando sia vicina la fine-
-beh!!! per il tempo potremmo fare dei calcoli, se tu ricordi le date non dovrebbe essere difficile, basta capire quanto vale un anno nostro per lei-
-ci ho provato ma cambia sempre, a volte da una settimana all’altra passo anni, altre volte solo poche ore. Ho usato il telefilm per scadenzare il tempo, ma ho notato che solo di tanto in tanto lei riusce a venire nel giorno giusto-
Edoardo mi prese la mano e fece una cosa che nessun uomo aveva mai fatto per me, tentò di confortarmi, rassicurami e rasserenarmi. Parlammo tutto il pomeriggio di lei, di me, dei problemi che avevo con la gestione del locale e del fatto che avevo bisogno di maggiori ingressi per far fronte ai debiti contratti. Alla fine sorridente, deciso e serio disse:
-ti aiuto io! Per prima cosa organizzeremo delle serate, degli eventi, delle feste di compleanno per aumentare gli ingressi mensili. Non prendere nessuno, non puoi, Marie arriva sempre all’improvviso. Sarò io stesso a darti una mano, tanto so tutto, in due possiamo farcela, dobbiamo solo organizzarci per bene. Da domani sarò il tuo aiutante e tu la mia maestra. Vedrai, si risolverà tutto!!!-

 
Dopo quella giornata Edoardo ha iniziato ad aiutarmi, infatti, il suo primo lavoro gli permette di gestire il tempo come meglio crede.  Non so molto di quest’uomo, ci conosciamo da poco, però grazie a lui, la mia vita è cambiata in meglio, almeno lavorativamente parlando. Il resto è un’altra storia e ve la posso raccontare solo lunedì prossimo. Ora vi lascio la ricetta dei miei biscotti e mille baci.
Chloé
 

49 Comments on Le café de l’éclair (Cap 6-ll biscotto del ritorno )

  1. Cristal_Azul
    26 Maggio 2014 at 9:01 (6 anni ago)

    !Ciao, Audrey!

    Si riescono sempre a sorprendermi con i vostri testi.Amo le storie che avete tanta vita.Tanti baci.

    Rispondi
  2. www.selodicecoco.it
    26 Maggio 2014 at 9:17 (6 anni ago)

    Come mi diverto a leggere questa storia avvincente e sempre condita da dolci ricette. Sono curiosa di sapere come continua e quale sarà la prossima ricetta!! Baci Elisabetta

    Rispondi
    • atelierdufantastique
      26 Maggio 2014 at 20:01 (6 anni ago)

      Sono contenta il fine è proprio divertirsi e scoprire qualche curiosità e ricetta 😉
      Baci

      Rispondi
  3. Ale
    26 Maggio 2014 at 9:59 (6 anni ago)

    che inventiva che hai nel creare queste storie…sei davvero bravissima! e che dire dei biscotti? anch'io oggi mandorle e cioccolato, quindi siamo in perfetta sintonia! un bacio mia cara

    Rispondi
    • atelierdufantastique
      26 Maggio 2014 at 20:02 (6 anni ago)

      grazie mille Ale ;D
      Si, ho visto il tuo gustosissimo dolce, sei stata bravissima, come sempre d'altronde ;D Hai ragione, sintonia perfetta!!!
      Un bacione e buona serata

      Rispondi
  4. Andrea
    26 Maggio 2014 at 10:02 (6 anni ago)

    Mi piacerebbe proprio sapere com'è l'occhio malupino di tua madre. Ma che t'importa, tanto hai Edoardo che ti aiuta e ti consola! Ti aspetto per la prossima puntata. Ciao

    Rispondi
    • atelierdufantastique
      26 Maggio 2014 at 20:04 (6 anni ago)

      è un occhio da furbetta un po' sbrilluccicoso 😉
      vero!!!! Ciao ciao 😀

      Rispondi
  5. lolle
    26 Maggio 2014 at 10:06 (6 anni ago)

    Devo recuperare gli altri capitoli e leggerli con calma, intanto mi lascio tentare anch'io dai biscottini del ritorno!
    Grazie per la tua presenza nel mio blog-giardino, buona settimana anche a te!

    Rispondi
    • atelierdufantastique
      26 Maggio 2014 at 20:05 (6 anni ago)

      Certo, gli altri post sono tutti insieme e puoi leggerli quando vuoi
      Lo sai, passo sempre con piacere ;D
      buona settimana anche a te

      Rispondi
  6. Lilli
    26 Maggio 2014 at 10:39 (6 anni ago)

    Ciao Audrey! Certo che la povera Cholé ha una madre un pò ficcanaso e soprattutto con il complesso di peter pan!^^' Mi è piaciuto molto il capitolo di oggi, povera Marie, fa quasi tenerezza a leggere le tue parole. Ahah, come hai trovato l'idea di Grey's Anatomy?! Hai una fantasia pazzesca! Ed Edoardo mi sta piacendo sempre più, ha tutti i tratti dell'uomo ideale. Venendo ai biscotti, mmm devono essere deliziosi, hai viaggiato anche tu nel futuro dopo?:P Un abbraccio! <3

    Rispondi
    • atelierdufantastique
      26 Maggio 2014 at 20:10 (6 anni ago)

      Ciao Lilli,
      si, poverina ne passa di ogni ahuahuahuahua
      Non so dirti, le cose mi vengono cosi, durante la settimana ci penso un po' e il sabato scrivo, butto giù la prima bozza e poi ci lavoro la domenica. Scrivendo mi vengono delle idee improvvise e se penso che posso andare bene le metto. Auhuahauhauhau No, io viaggio solo con la fantasia
      Un mega abbraccione e grazie mille per le tue belle parole

      Rispondi
  7. MikiMoz
    26 Maggio 2014 at 11:01 (6 anni ago)

    Stavolta la ricetta non è proprio di mio gradimento ma mi piace leggere le avventure semiserie di questo gruppetto a spasso … nel tempo?^^

    Moz-

    Rispondi
  8. Ali Ce
    26 Maggio 2014 at 17:24 (6 anni ago)

    anche io voglio parlare con Edoardo!!

    Rispondi
  9. Any
    26 Maggio 2014 at 18:43 (6 anni ago)

    Di solito cerco di essere attenta, ma mi devi illuminare su una cosa: Chloé o Cholé?
    Nel primo capitolo, il tuo personaggio è chiamato con tutti e due i nomi. Ma come si chiama, qual'è il suo nome coretto? Perché per me è sempre stata Chloé! E comunque sia, leggerò sempre con piacere le sue avventure!!!!!!!
    Grazie Audrey anche per questo capitolo, non vedo l'ora di leggere i prossimi!

    Rispondi
    • atelierdufantastique
      26 Maggio 2014 at 20:27 (6 anni ago)

      Tesoro, grazieee!! Per fortuna mi hai avvisata, maledetti refusi!!! Ogni tanto non mi rendo conto e per la fretta scrivo Cholé al posto di Chloé, ma il nome giusto è Chloé. Mi capita anche con Edoardo, infatti se noti da qualche parte ho scritto Edorado ahuahuahuahua Purtroppo pigio e poi non mi rendo conto dell'errore, non è facile correggersi da soli, quindi grazie per avermi fatto notare la svista 😀
      ah, naturalmente grazie anche perchè passi sempre e mi segui con affetto

      Rispondi
    • Any
      2 Giugno 2014 at 20:19 (6 anni ago)

      Bella mia, stasera ricupero tutto, vado a leggere i nuovi post!
      Grazie a te, un abbraccio!

      Rispondi
  10. BlondeGirl V
    26 Maggio 2014 at 19:01 (6 anni ago)

    é quando leggo queste meraviglie che penso ( ma io che caspita scrivo)

    😀 felice di aver trovato letto la tua fantasia ^_^

    Rispondi
    • atelierdufantastique
      26 Maggio 2014 at 20:32 (6 anni ago)

      ma che dici? ti seguo da poco ma ti trovo ironica e interessante.
      Le mie sono storielle e tra l'altro non sono nemmeno scritte alla perfezione -.-'
      grazie per le belle parole 😀

      Rispondi
    • BlondeGirl V
      30 Maggio 2014 at 17:26 (6 anni ago)

      Leggo in ritardo questo commento 🙂 fidati, sono davvero scritte bene 😉 l ho fatta leggere anche a una persona 😉

      Grazie a te! (p.s. quel tiramisuuuuu <3)

      Rispondi
    • atelierdufantastique
      31 Maggio 2014 at 9:57 (6 anni ago)

      ciao,
      davvero? grazieee!!! non so che dire tranne grazie mille per le belle parole e il sostegno, mi fanno piace 😉
      p.s. goloso eh!!! ahuahuahuah 😀

      Rispondi
  11. Stefyp.
    27 Maggio 2014 at 7:21 (6 anni ago)

    E' sempre bello passare di qua e soffermarsi a leggere i tuoi racconti, immergersi nelle tue avventure mette di buon umore.
    Passa una buona giornata, Stefania

    Rispondi
    • atelierdufantastique
      27 Maggio 2014 at 8:03 (6 anni ago)

      Grazie Stefania, sono davvero felice che questo racconto leggero e semplice regali un po' di buon umore 😀
      Buona giornata anche a te a presto

      Rispondi
  12. Andrea Pizzato
    27 Maggio 2014 at 19:17 (6 anni ago)

    ehhe le mamme sempre curiose :)) attendo il seguito 🙂 buona serata!

    Rispondi
  13. Manuela Muratore
    27 Maggio 2014 at 20:31 (6 anni ago)

    ma sei bravissima , e che fantasia tesoro …. e poi biscotti alle mandorle… mmmmnSiciliaaaaaaaaa
    bacio
    unconventionalsecrets.blogspot.it

    Rispondi
  14. Antonella S.
    28 Maggio 2014 at 14:55 (6 anni ago)

    Ciao Audrey, finalmente sono riuscita a leggere la " puntata " e naturalmente avrei voluto che non finisse mai. Mamma mia, stiamo andando incontro da una parte a tempi duri e dolorosi e dall'altra mi sa che sta nascendo un amore…vabbè, ormai siamo a metà settimana…tra qualche giorno sapremo qualche cosa in più.
    Come sempre ti faccio i miei complimenti, sei bravissima!
    Un bacione.
    Antonella

    Rispondi
    • atelierdufantastique
      29 Maggio 2014 at 8:44 (6 anni ago)

      Ciao Antonella,
      eh si, per Marie si prospettano giorni orribili mentre per Chloé…beh!!! dobbiamo aspettare per saperlo.
      grazieeeeeee!!!!
      Un bacione

      Rispondi
  15. pastaenonsolo.it
    29 Maggio 2014 at 7:47 (6 anni ago)

    Edoardo sta diventando sempre più importante per Chloè, anche la gestione del locale ne trarrà giovamento. Sono diventati complici e ora che anche lui è a conoscenza della storia di Maria Antonietta, sarà tutto più semplice. Un abbraccio e come sempre mi lasci nella curiosità di conoscere il seguito.

    Rispondi
    • atelierdufantastique
      31 Maggio 2014 at 9:59 (6 anni ago)

      si, sta diventando essenziale e poi, per la prima vola, ha potuto rivelare questo segreto a qualcuno 😉
      Un abbraccione e grazie mille

      Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *






Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.