LA STAZIONE-Miranda, questo è per te!!- afferma Pasquina sorridendo.
Miranda scarta il regalo con delicatezza e subito sente l’odore della carta, quel meraviglioso profumo di libri nuovi che lei tanto adoro. Chiude gli occhi e con il palmo della mano accarezza la copertina con delicatezza, apre il libro e lo avvicina al naso respirando profondamente, poi lo poggia sulle gambe in maniera quasi mistica e con l’indice ripercorre le lettere che formano il titolo e poi il nome dell’autore, Pasquina Pascherlio. Alza la testa e guarda l’amica con soddisfazione mentre una lacrima le scivola cadendo proprio sulla pagina delle dediche “A Miranda. Una donna coraggiosa, forte, saggia e altruista. Grazie per aver creduto in me.”
-tu sei pazza!! dovevi dedicarlo alla tua famiglia non a me-  la bocca dice ciò che non pensa mentre il cuore palpita dall’emozione.
-perchè? mio marito non mi ha mai incoraggiata e i bambini sono piccoli. Miranda, tu sei stata l’unica che mi ha sempre detto di non mollare. Tu mi hai sostenuta e se non fosse stato per te questo libro sarebbe ancora un ammasso di fogli di carta stropicciati nel cassetto- Pasquina abbraccia l’amica fiera del suo ringraziamento e contenta di aver ricambiato, in qualche modo, la sua fiducia.
Il treno prosegue la sua corsa, una giovane donna sale e si avvicina a Giulio, si piega e lo bacia sulle guance. I lunghi capelli sfiorano le gambe di lui e il profumo invade la sua testa risvegliando i sensi.
-Muna, buongiorno!!!-
-Buongiorno!!! hai la faccia stanca…hai fatto le ore piccole, vero?- ridacchia Muna stuzzicandolo un po’.
-si, sono stato rapito da una magnifica fanciulla che mi ha tenuto sveglio tutta la notte e anche la mattina-
-scusa, perchè sei rincasato? se era magnifica dovevi cogliere l’attimo e restare con lei anche dopo-
-hai ragione!!! però avevo bisogno di un bel bagno rinfrescante. Cosa facciamo di bello oggi?- domanda Giulio.
-andiamo con Oscar alla mensa dei poveri-
Il treno si ferma, Oscar si avvicina ai due amici prendendo posto dietro Giulio.
-Oscar, dopo la mensa cosa facciamo?- chiede Muna.
-io devo prendere il treno. Vedi? parto!!! vado da mia figlia-
-ecco perchè hai il borsone!!! io credevo dovessimo portare dei vestiti alla croce rossa. Quindi ci hai pensato, vai da Olimpia!!! sono felice per te, hai fatto la scelta giusta, vi dovete vedere, dove parlarvi e chiarirvi- Muna sorride all’amico e si volta per controllare il telefono che ha appena fischiettato.
GIULIO: sei bellissima!!!
Muna alza la testa e lo guarda perplessa, lui le sorride e scrive. Dopo un secondo il telefono della nostra danzatrice del ventre cingiuetta nuovamente.
GIULIO: dopo la mensa accompagniamo Oscar in stazione poi prendiamo il treno e andiamo a Lecce, ti va?
MUNA: ok!!! ma non sarà troppo tardi?
GIULIO: se è troppo tardi ti riaccompagno io oppure dormi da me…ho una casa a Castro Marina, potremmo andare li per un giretto, dormire e andare al mare il giorno dopo. Tranquilla ho una stanza per gli ospiti!! 😉
MUNA: ma non ho il costume -.-‘
GIULIO: andiamo a Lecce, compriamo ciò che ti serve e poi prendiamo la mia macchina e andiamo a Castro…io e te 😀
MUNA: posso pensarci?
GIULIO: certo, tanto io non scappo e nemmeno la mia offerta!!! 😛
I due si guardano complici, innamorati e felici. Poi Muna si volta di scatto verso Oscar.
-Oscar e Sofia? non la vedo da un pezzo, non va più a Bari con Lucia?- a causa degli ultimi avvenimenti Muna aveva quasi dimenticato la sua piccola amica.
-si, sono li…la vedi?- Oscar indica con il dito qualche sedile più in là sulla destra.
-si, grazie!!! ora la chiamo- la ragazza si alza facendo un cenno con la mano a Lucia che fa finta di non vederla.
-Oscar, ma Lucia ha perso qualche diottria per caso?- la domanda ha un tono sarcastico e Oscar sente un certo imbarazzo nel risponderle.
-no, ci vede benissimo!!! e solo che….-
-solo che cosa? Oscar!!!-
-tu sei amica di Claudia… lei odia Claudia per via di Luca.. e anche della sparatoria e di tutto ciò che ne è venuto furori dopo- abbozza vagamente Oscar.
-quella donna è pazza!!! pazza e spregevole!!! e anche ignorante…- Muna è furiosa e Giulio, vedendola alterata, le stringe la mano e poi la guarda nella speranza di frenare i suoi istinti.
-Muna, non prendertela Lucia non è cattiva..credimi!!! è solo una donna infelice e piena di frustrazioni. Il suo problema più grave è il volere…il volere troppo, tutto e in fretta. La sua sete di denaro, di ricchezza. Il suo desiderio di ostentazione l’hanno resa infelice e la vita non ha fatto altro che darle il contrario di ciò che lei inseguiva- Oscar conosce bene Lucia e la sua storia, lei pensa che nessuno sappia nulla, ma i paesi sono cosi…come si dice al sud “cett cett in minz a chiazz”.
-mah!!! secondo me non è come dici tu- ribatte scocciata la nostra amica mentre Mirande e Pasquina continuano a parlucchiare, abbracciarsi e ridere come due adolescenti.
-Muna, dopo la sparatoria lui è sparito. Lei ha continuato a lavorare per lui, ma non andavano più a Bari insieme e si vedevano raramente. Comunque, la settimana scorsa è tornata la vecchie segretaria e lei ha perso il posto di lavoro. Lui ere dispiaciuto e per aiutarla le ha trovato un impiego in un asilo nido, sempre a Bari. Guadagna meno, si stanca di più e non vede Luca quasi mai. Inoltre è arrivato il notizione, la moglie di Luca ha chiesto la separazione e lui è tornato sul mercato…ecco, alcune persone di Polignano hanno visto Lucia a Monopoli diverse volte e tutte le volte nei pressi di casa di lui…ora capisci?- Oscar non vuole sbilanciarsi andando oltre con i dettagli.
-siiii… si era capito che voleva Luca…voglio dire l’avevo intuito già quel giorno quando ci lasciò Sofia e conoscemmo Claudia e Giulio…però…non mi piace lo stesso è falsa!!!-
Il regionale frena, le porte si aprono e Giulio si volta per aiutare Oscar, prende il suo bagaglio e poi afferra la mano di Muna dirigendosi verso l’uscita. Miranda saluta Pasquina e si allontana abbracciando il suo libro, felice di quella piccola conquista, di quel posto speciale occupato nel cuore di un’amica. Pasquina ora è diversa, si sente finalmente sicura di se, realizzata, forte. Sofia è stanca, le fa mele il braccio perchè la tata oggi è cattiva e non fa altro che tirarsela dietro come una sacco di patate. Lucia è arrabbiata, con una certa fretta e violenza, infila un braccio nella borsa aperta per prendere il cellulare quando una busta bianca con una scritta celeste cade per terra. Anna e Marco scendo dal treno, la donna inciampa spostando la busta lateralmente. Pasquina schiaccia la busta lasciando su l’impronta della sua scarpa. Miranda la trascina sino alla rampa delle scale. Rebecca, strattonando la gente per la fretta, fa cadere la busta giù per le scale. Muna vede la busta, la scruta qualche secondo e riconosce la scritta celeste, appartiene ad un laboratorio di analisi privato della sua città, sgrana gli occhi e legge un nome Lucia L’ Abbate.
-perchè ti sei fermata?- domanda Giulio.
-aspetta!!! – Muna si piega e prende la busta, la gira tra le mani ed estrae il foglio.
-certo che la gente è proprio incivile, dammi che quando saliamo la butto nel bidone vicino all’uscita-
-no!!! non è da buttare- esclama sgranando gli occhi rileggendo il contenuto.
-e tuo? cos’è?- Giulio si avvicina e piega la testa nel tentativo di capire di cosa stanno parlando.
-è un test del DNA…e sai di chi è?-
-no!!! come potrei!- esclama lui un po’ perplesso.
-è di Lucia !!!-
-di Lucia? e come è finito nelle tue mani?-
-nelle mie mani è finito per caso…ma il tutto è molto strano- Muna sembra quasi un detective privato.
-cosa dice?-  la curiosità spesso è anche uomo e Giulio, da bravo dottore, vuole sapere i risultati del referto.
-nulla solo che i due DNA sono incompatibili-

n.b. i nomi e i cognomi riportati sono di pura fantasia, nessuno fatto e riconducibile a cose e persone che possano avere lo stesso appellativo.

34 Comments on LA STAZIONE (Cap 16- seconda parte) Amor, ch’a nullo amato amar perdona

  1. Any
    27 Gennaio 2014 at 9:09 (7 anni ago)

    Piano piano le cose iniziano a sistemarsi.
    Pasquina ci dimostra che nei sogni bisogna credere, ma bisogna anche avere accanto le persone giuste, quelle che con le loro parole riescano a darci la forza di andare avanti.
    Non smettere mai di credere Audrey! Un abbraccio mia cara, buon inizio settimana!

    Rispondi
    • atelierdufantastique
      27 Gennaio 2014 at 9:47 (7 anni ago)

      si, un passo alla volta stiamo sistemando tutti i pezzi del mosaico 😉
      Hai colto nel segno, Pasquina e Miranda sono dei personaggi particolari, compaiono e scompaiono, non hanno molto da raccontare perchè rappresentano un po' quella fatte di società che ha superato i problemi vivendo vite normali e tranquille. Però nelle loro piccole e breve uscite ci aiutano a riflettere sulle cose, sui valori e sulla forza dell'amicizia e dei sogni.
      Grazie Any 😀 tvb
      un abbraccione enorme e buon inizio settimana anche a te :* <3 <3

      Rispondi
  2. Any
    27 Gennaio 2014 at 9:10 (7 anni ago)

    Dimenticavo…ho visto che hai cambiato la grafica, questi nuovi colori mi piacciono moltissimo, mettono allegria!

    Rispondi
    • atelierdufantastique
      27 Gennaio 2014 at 9:49 (7 anni ago)

      si, per la verità ha fatto tutto Xavier…io non sono capace…sono una vera frana!!!
      Lui è molto bravo e con questa nuova grafica, secondo me, il tutto è più rilassante e anche gioioso 😀
      sono contenta, se ti piace vuol dire che abbiamo accontentato tutti…sia me sia i lettori 😉
      bacio

      Rispondi
  3. Nella Crosiglia
    27 Gennaio 2014 at 10:14 (7 anni ago)

    Che bello ..il giorno del nostro racconto, con sorpresa finale..
    Come aspetto sempre questa tua bellissima storia, adorata amica mia!
    Grazie!

    Rispondi
  4. SONIA-SOTENDER
    27 Gennaio 2014 at 11:38 (7 anni ago)

    Ciao Audrey, come sempre arrivo qui nel tuo blog dove ci riservi sempre tante sorprese,la grafica è bellissima, anche io vorrei cambiare ma ho paura di combinare casini….in quanto al capitolo il dialogo iniziale tra Miranda e Pasquina mi ha fatto venire in mente tante cose, alcune rinunce e la voglia soprattutto di sognare…bacio!!

    Rispondi
    • atelierdufantastique
      27 Gennaio 2014 at 12:58 (7 anni ago)

      Ciao Sonia,
      la grafica è merito di Xavier, io non sono capace…ci ho provato ma era penosa.
      beh, il senso era quello 😉
      bacio

      Rispondi
  5. Chat Noir
    27 Gennaio 2014 at 12:40 (7 anni ago)

    Ciao Audrey, non prendere quello che ti dico come un'offesa, ma oggi forse avresti dovuto dare spazio al giorno della memoria, a tutte le vittime dell'Olocausto.
    Il tuo racconto è bello, ma oggi non mi sento di commentarlo.
    Un abbraccio

    Rispondi
    • Melinda Santilli
      27 Gennaio 2014 at 12:52 (7 anni ago)

      Scusami bella, sai che amo i tuoi capitoli e anche questo è bellissimo, ma… cacchio, è il 27 Gennaio, i cancelli di Auschwitz sono stato apert nel lontano 1945 e dove li mettiamo tutti quei morti, non li ricordiamo?
      Bacissimi e scusa se sono stata cruda!

      Rispondi
    • atelierdufantastique
      27 Gennaio 2014 at 14:17 (7 anni ago)

      Ciao Xavier,
      tranquillo non mi sono offesa, anzi a tale domanda esiste una risposta.
      Ovviamente non lo dico per giustificarmi perchè questo è un mio spazio e lo gestisco come meglio credo e posso, ma semplicemente perchè tale scelta può sembrare strana agli occhi di chi mi conosce.
      A causa di alcuni problemi non avevo post pronti tranne questo (che dovevo pubblicare domenica e che poi ho spostato ad oggi). Quindi per non fare un post all'ultimo minuto (arrangiato), ho preferito non pubblicare nulla e dedicare all'olocausto un post più meritevole al mio ritorno (tra fine febbraio e marzo). Non sarà la giornata della memoria, ma ogni occasione è comunque buona per parlarne nel modo giusto (come volevo farlo io).
      Se non te la senti di commentare il post non preoccuparti, commentare non è un obbligo ma un piacere. Lo farai quando e se ne avrai voglia.
      Un abbaraccio

      Rispondi
    • atelierdufantastique
      27 Gennaio 2014 at 14:25 (7 anni ago)

      Ciao Melinda,
      ormai mi segui da tempo e un po' penso che mi conosci. L'anno scorso ho dedicato un post a questa giornate e se avessi potuto l'avrei fatto anche quest'anno. Non aver pubblicato nulla (oggi) non vuol dire che la cosa non mi interessa, significa solo che ho cambiato i piani a causa di alcuni problemi. Naturalmente non l'ho scritto nel post perchè essendo un mio spazio lo gestisco in maniera autonoma e personale.
      Io certe cose le ricordo nel cuore, sempre, perchè chi mi conosce sa che è un tema che mi ha colpito molto sin da bambina. Il post per l'olocausto arriverà a tempo debito, non sarà pubblicato in questa precisa giornata ma si fa quel che si può.
      Baci

      Rispondi
    • MissisRobinson
      29 Gennaio 2014 at 10:46 (7 anni ago)

      E' troppo facile ricordarsi di Auschwitz oggi, com' è facile stimare le donne l'8 marzo, com'è facile innamorarsi il 14 febbraio, com'è facile essere buoni il 24 dicembre, com'è facile decidere di cambiare il primo gennaio… le persone, i sentimenti, la storia, sono importanti sempre e non solo il giorno della loro ricorrenza…
      Ste chiacchiere e sto perbenismo degli addobbi natalizi miei!!
      Saluti, una fanS (siamo in tanti!)

      Rispondi
  6. Lilli
    27 Gennaio 2014 at 13:51 (7 anni ago)

    Ciao Audrey! Eh ma che bella la nuova grafica! Complimenti, mi piace tanto! E mi fa anche pensare alla primavera!:P Mi è piaciuta la seconda parte..mi hai lasciato con la suspense come al solito!^^' Però ho un sospetto a cosa si riferisse quel test del DNA..vediamo se ci ho preso. Sono felice che PAsquina abbia pubblicato il libro ed ovviamente anche per Muna e Giulio, mi immagino tutto quando leggo 🙂 Un bacio grande e buon inizio settimana carissima!:*** <3

    Rispondi
    • atelierdufantastique
      27 Gennaio 2014 at 14:30 (7 anni ago)

      Ciao Lilli,
      grazie!!! però è merito di Xavier, ha fatto tutto lui.
      Si, è primaverile e anche riposante, piace tanto anche a me 😉
      Il DNA ovviamente è della figlia di Lucia, quello che non sappiamo e se l'esame è stato fatto con il sangue del marito o con quello di Luca…mah!!! lo scopriremo in futuro e poi mi dirai se ci hai preso 😀
      Un bacione enorme anche a te e buon inizio settimana ;* <3 <3
      come sempre grazie per il bel commento e l'attenzione

      Rispondi
    • atelierdufantastique
      28 Gennaio 2014 at 10:44 (7 anni ago)

      il fine è la riflessione e se sono riuscita a farvi riflettere su vari argomenti ne sono felice 😉
      la grafica è merito di Xavier
      a presto

      Rispondi
    • atelierdufantastique
      28 Gennaio 2014 at 10:59 (7 anni ago)

      p.s. provo a commentare da te ma non ci riesco mi dice sempre errore -.-'

      Rispondi
  7. Gianna Ferri
    27 Gennaio 2014 at 17:25 (7 anni ago)

    Grafica molto bella, Audrey.

    Sempre riconoscenza verso coloro che ci danno una mano…Pasquina ce lo insegna.

    Abbraccio, cara amica.

    Rispondi
  8. ellie
    27 Gennaio 2014 at 19:03 (7 anni ago)

    La tenerezza di Muna e Giulio!! Mi fanno sciogliere!
    Un abbraccio

    Rispondi
  9. Marcela Gmd
    27 Gennaio 2014 at 20:28 (7 anni ago)

    Me encanta esta segunda parte!!! Ah muy bonito el color de fondo del blog!!!
    Buen comienzo de semana, Audrey!!! mi g+ para ti…

    Besos, desde España, Marcela♥

    Rispondi
    • atelierdufantastique
      28 Gennaio 2014 at 10:57 (7 anni ago)

      Hola preciosa,
      gracias !!! el fondo lo hecho Xavier
      Buen comienzo de semana tambien
      muchos besos mi querida amiga

      Rispondi
  10. Tr3nDyGiRL Fashion Blog
    28 Gennaio 2014 at 0:51 (7 anni ago)

    vabbe,io una volta sfogliavo qualche pagina di libro prima di dormire,ormai passo dal tuo blog! magnifica Muna
    nuovo post, ti va di darmi il tuo parere? —> tr3ndygirl.com
    un abbraccio

    Rispondi
  11. Mariangela Circosta
    28 Gennaio 2014 at 6:57 (7 anni ago)

    Ciao carissima ma il tuo blog ha cambiato vestitino? Complimenti, mi piace molto. Complimenti a Pasquina che ha pubblicato il suo libro, che bello essere sostenuti da un'amica!!!!!! Alla prossima!!!!! Un bacione

    Rispondi
    • atelierdufantastique
      28 Gennaio 2014 at 11:21 (7 anni ago)

      Si, opera di Xavier che mi ha aiutata io non sono capace.
      beh, qualcuno che ci sostiene nella vita serve sempre 😀
      un bacione

      Rispondi
  12. Stefyp.
    28 Gennaio 2014 at 22:54 (7 anni ago)

    La storia va avanti e pian piano sembra che le cose si stiano sistemando…. sono contenta che Pasqualina sia riuscita a pubblicare il suo libro….è importante credere in quello che si fa….
    Complimenti per la nuova grafica…Xavier è davvero molto bravo….

    Ti lascio solo oggi il mio commento perchè non ho avuto il tempo di leggere prima il post…abbraccio, Stefania

    Rispondi
    • atelierdufantastique
      29 Gennaio 2014 at 10:50 (7 anni ago)

      Ciao Stefania,
      si, la storia pian piano sta prendendo forma portando tutti i nodi al pettine e sciogliendone anche qualcuno 😉
      Si, è molto bravo 😀
      Tranquilla, non ti preoccupare
      un abbraccio e buona giornata

      Rispondi
  13. essereincompresielasortedituttinoi
    29 Gennaio 2014 at 9:33 (7 anni ago)

    Cara, ho avuto problemi con i commenti, non li pubblica non sò perchè…

    Bellissimo come sempre 🙂 e mi piace un sacco il nuovo sfondo del blog!

    Baci

    Rispondi
    • atelierdufantastique
      29 Gennaio 2014 at 10:51 (7 anni ago)

      Ciao,
      mi spiace!!! forse blogger ha un problema…comunque grazie per aver riprovato 😉
      grazieee mille e grazie anche da parte di Xavier che ha realizzato lo sfondo, sarà felice di tutti questi complimenti 😉
      baci baci

      Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *






Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.