Jojo Moyes

Jojo Moyes, nata a Londra nel 1969,  è una giornalista e scrittrice inglese di grande successo. Dopo l’università, nel 1992, ha vinto una borsa di studio finanziata da “The Indipendent”, giornale per il quale lavorerà dieci anni occupando diversi ruoli rilevanti. Tra le collaborazioni più importanti non si può non citare il “Sunday Morning post” di Hong Kong. In seguito alla pubblicazione del suo primo romanzo, nel 2002, Moyes diventa una scrittrice a tempo pieno.
Ad oggi Jojo è una delle poche autrici ad aver vinto, per ben due volte, “The romantic novel of the year award” da parte delle Romantic Novelists’ Association. Il primo premio le è stato conferito grazie al romanzo “Fruit Esteri” nel 2004 e il secondo, nel 2011, con “The last letter from you lover”. Attualmente Moyes scrive per il Daily Telegraph e passa le sue giornate in una fattoria, in Saffron Walden (Essex), con il marito il giornalista Charles Arthur e i loro tre figli.  Jojo è una delle scrittrici inglesi più affermate e i suoi romanzi sono sempre in testa alle classifiche. Amata sia dal pubblico che dalla critica si è fatta conoscere anche dai lettori italiani attraverso il romanzo “Io prima di te”,  libro inglese più votato nella storia del “Richard and Judy book club”. In Italia sono stati pubblicati: “Foto di famiglia ” (Sonzogno 2003), “Silver Bay” (Mondadori 2009), “L’ultima lettera d’amore” (Elliot 2011) e “Io prima di te” (Mondadori 2012).

LUNA DI MIELE A PARIGI 

Luna di miele a Parigi, uscito in Inghilterra solo in e-book è un libricino di 89 pagine che racconta due storie d’amore. La prima vede come protagonisti Liv e David ed è ambientata nel 2002. La seconda, che s’incrocia poi con la prima, narra le vicende di Sophie e Edouard durante la prima guerra mondiale. I fatti si svolgono alcuni anni prima degli eventi narrati nell’attesissimo romanzo ” La ragazza che hai lasciato”, quando le due coppie si sono appena sposate. Con 3 euro e 90 centesimi ci si catapulta per le strade della capitale francese tra artisti di strada, prostitute, musei e lusso. Breve ma intenso e non per questo privo di particolari. Luna di miele a Parigi mostra il lato negativo di un momento che dovrebbe essere magico. Le due donne si trovano entrambe nella città dell’amore che, per la prima volta nella storia, si trasforma in un posto completamente diverso nell’immaginario collettivo. Sophie è una ragazza di provincia semplice e senza troppe pretese, il fato le permette di incontrare e sposare Edouard, un giovane artista parigino molto apprezzato. La vita durante la Belle Epoque non è una passeggiata, i quadri dipinti sono tanti ma la gente non paga i propri debiti, cosi questi due innamorati devo fare i conti con la povertà. Un giorno Edouard presenta una strana donna a Sophia, la quale le insinua il tarlo della gelosia nel cuore, preoccupata e spaventata la donna ha una reazione esagerata e sbagliata.
Dopo una notte insonne, una lunga passeggiata e il consiglio di una prostituta torna dal sua amato che, durante la lunga attesa, non ha fatto altro che dipingere la sua immagine. Un quadro pieno d’amore ove ogni pennellata mostra l’affetto, la paura e la devozione del suo giovane sposo nonostante il viso sofferente della moglie nel ritratto.
Liv è inglese, passa la sua luna di miele sola e alla ricerca di qualche occupazione interessante che le faccia ammazzare il tempo. Un giorno si reca in un museo ove vede il quadro di Edouard, confusa e spaventata decide che non vuole essere come la donna ritratta in quella magnifica opera d’arte. Liv decide cosi di allontanate l’infelicità e il suo matrimonio ora le appare una decisione avventata e folle, tipica di chi vive l’amore con troppa passione. Quando racconta, al marito, le sue intenzioni mostrandogli il motivo della sua riflessione, il ricco e affermato David le spiega che in quel quadro vi è si una donna infelice, ma anche un uomo che farebbe di tutto per cambiare le cose. Il giorno dopo David prolunga il suo soggiorno nella bella città nella speranza di recuperare il tempo perduto a causa degli affari.
Luna di miele a Parigi è un bellissimo romanzo breve raccontato da due donne innamorate e spaventate che offre al lettore, nella sua innata leggerezza, spunti di riflessione importanti e interessanti.


Luna di miele a Parigi (Mondadori I edizione gennaio 2014– euro 3.90- 89 pagine- traduzione di Maria Carla Dallavalle) 




LIV, DAVID E IL DIPINTO INCRIMINATO
“Lei guarda il dipinto e lui fa un passo avanti.
<<Moglie con luna storta>> legge. <<Di Edouard Lefèvre>> David lo osserva per un istante, poi si rivolge a Liv, in attesa di una spiegazione.
<< Dunque…L’ho visto stamattina…Ho visto questa moglie infelice e trascurata, e mi ha colpito. Ecco, io non voglio diventare così. Improvvisamente mi è sembrato che il nostro matrimonio sarebbe finito in questo modo: io che voglio le tue attenzioni, e tu che non sai in grado di darmele. E mi ha spaventato.>>
<< Il nostro matrimonio non finirà così>>
<< Io non voglio essere una moglie che si sente ignorata perfino in luna di miele>>
<<Non ti stavo ignorando, Liv…>>
….
<< Mi dispiace. Io…io non posso essere  questa donna. Io proprio…non posso. Diventerei come mia madre, e questo mi terrorizza>>

David osserva attentamente il dipinto e rimane in silenzio allungo, poi si volta verso di lei con un’espressione tesa.
<<Okay, ho capito>>. Si passa la mano tra i capelli.
<< hai ragione. Su tutto. Sono…sono stato incredibilmente stupido. Ed egoista. Mi spiace.>>

<<Ma…ma hai torto su questo dipinto>>
Lei lo guarda.
<< Questa non è una donna trascurata. Non è la rappresentazione di una relazione in crisi>>

<<Guarda come l’ha dipinta, Liv. Lui non vuole vederla arrabbiata, e non la sta trascurando. Non vedi quanta tenerezza esprimono le pennellate? Non vedi la sfumatura che ha dato alla pelle qui? Lui la adora. Non può sopportare che lei sia contrariata. Non riesce a smettere di guardarla nemmeno quando è furiosa con lui.>>

<<Lui è là con lei, e non ha intenzione di andarsene via, anche se l’ha fatta soffrire>>

<<Perchè quando lo guardo, vedo l’opposto di quello che vedi tu. Si, qualcosa è andato storto. Si, lei è infelice in quel preciso momento. Ma quando guarda questa donna, quando penso a loro, Liv, io vedo soltanto un’immagine piena d’amore.>> ”

Per saperne di più:
– blog dell’autrice http://www.jojomoyes.com/blog/
-sito wab http://www.jojomoyes.com/

32 Comments on Jojo Moyes – Luna di miele a Parigi

  1. Melinda Santilli
    29 Gennaio 2014 at 9:03 (7 anni ago)

    Poteva essere interessante, ma non riesco a leggere i libri scritti al presente, mi risultano indigesti!
    Bacioni

    Rispondi
    • atelierdufantastique
      29 Gennaio 2014 at 15:28 (7 anni ago)

      Si, ricordo. Però è un peccato. Ci sono tanti libri scritti al presente che hanno valore, cosi rischi di perderti delle belle cose. Comunque, come dice sempre la mia amica, "se non conosci la bellezza di una cosa non può sentire la sua mancanza" 😉
      bacioni e buona giornata

      Rispondi
  2. Antonella S.
    29 Gennaio 2014 at 9:28 (7 anni ago)

    Ciao Audrey, ho cercato questo piccolo romanzo perchè durante la mia pausa forzato voglio leggere solo cose leggere ma non stupide…per ora non l'ho trovato ma intendo cercarlo ancora.
    Le tue considerazioni mi piacciono e mi invitano ancora di più alla lettura…non è detto che romanzi come questi non contengano spunti importanti…questo, a quello che scrivi, mi pare faccia nascere una bella riflessione sul matrimonio.

    Come sempre sei stata molto brava e accurata, un bacione.
    Antonella

    Rispondi
    • atelierdufantastique
      29 Gennaio 2014 at 15:35 (7 anni ago)

      Ciao Antonella,
      si, me l'avevi detto telefonicamente.
      Io l'ho trovato per caso, ho visto il prezzo modico, ho letto l'ultima pagina (mi è piaciuta) e lo preso senza pensarci troppo.
      Se vuoi una lettura leggera, che ti faccia sorridere ma con una storia carina e anche riflessiva questo è il libro giusto.
      Si, fa riflettere sul matrimonio, suoi ruoli e suoi rapporti e anche sulla leggerezza di alcune decisioni.
      grazie un bacione anche a te

      Rispondi
  3. m4ry
    29 Gennaio 2014 at 11:12 (7 anni ago)

    Grazie per lo spunto 🙂 Bacione !

    Rispondi
  4. ellie
    29 Gennaio 2014 at 11:56 (7 anni ago)

    L'ho visto in libreria, un intero scaffale occupato solo da decine e decine di copie di questo libro… peccato che non ami il genere.
    Un abbraccio

    Rispondi
  5. MikiMoz
    29 Gennaio 2014 at 12:38 (7 anni ago)

    Non credo sia il mio genere…
    …ne approfitto per mandarti un superabbraccio del mercoledì! 🙂

    Moz-

    Rispondi
    • atelierdufantastique
      29 Gennaio 2014 at 15:59 (7 anni ago)

      Credo proprio di no. Purtroppo è da universo femminile anche se non è mieloso o con scene da 50 sfumature, ma parla del matrimonio dal punto di vista femminile.
      grazie per essere passato lo stesso per il superabbraccio del mercoledi 😉

      Rispondi
  6. Miky
    29 Gennaio 2014 at 14:21 (7 anni ago)

    Ultimamente sto leggendo libri molto "easy" come li chiamo io, chissà, forse anche questo finirà nella mia libreria.
    Un dolce abbraccio cara amica e grazie per il tuo commento!
    Miky

    Rispondi
    • atelierdufantastique
      29 Gennaio 2014 at 16:08 (7 anni ago)

      Ciao Miky,
      io leggo e ascolto musica in base al mio stato d'animo.
      Questo è perfetto se vuoi rilassarti, non pensare a nulla, godere di un po' di leggerezza e non stra male con una storia struggente o forte o complessa.
      Quindi se per te "easy" è il riassunto di ciò che ti ho scritto vai tranquilla, è perfetto. 😉
      un dolce abbraccio cara

      Rispondi
  7. Strawberry
    29 Gennaio 2014 at 14:55 (7 anni ago)

    Visto oggi in libreria… un genere che preferisco d'estate, quando la testa è cotta dal sole… sono l'ideale… 🙂

    Rispondi
  8. Mary Fisher
    29 Gennaio 2014 at 20:23 (7 anni ago)

    L'ho letto, è un libro fresco, pieno di stile, molto bello e romantico.
    Ti faccio i miei complimenti per la recensione, sei stata davvero brava!
    Buona serata
    Mary

    Rispondi
    • atelierdufantastique
      30 Gennaio 2014 at 10:16 (7 anni ago)

      Ciao Mary,
      si, concordo con te ha stile ed è fresco e romantico ma non melenso.
      Grazie mille 😉
      buona serata anche a te

      Rispondi
  9. Chat Noir
    29 Gennaio 2014 at 20:46 (7 anni ago)

    Non rientra tra il mio genere di letture, ma hai fatto un ottimo post!
    Un abbraccio 🙂

    Rispondi
    • atelierdufantastique
      30 Gennaio 2014 at 10:17 (7 anni ago)

      Effettivamente no!! hai ragione, non è un libro adatto al pubblico maschile.
      Grazie mille per aver letto e commentato 😉
      un abbraccio

      Rispondi
  10. journeycake
    29 Gennaio 2014 at 20:57 (7 anni ago)

    Ciao Audrey, nonostante mi ritenga una lettrice "forte" nel senso che leggo tanto, non conosco questa autrice… La storia sembra piacevole,amo le letture al femminile e pur stimando tantissimo molti autori uomini devo ammettere che la mia ormai collassante libreria contiene molti più libri scritti da donne.. chissà forse troviamo più affinità? (Per inciso nel mio post di oggi ho fatto una breve recensione di un romanzo anch'io che nel titolo ha Parigi… ci leggiamo nel pensiero? ) Un abbraccio simo

    Rispondi
    • atelierdufantastique
      30 Gennaio 2014 at 10:25 (7 anni ago)

      Ciao Simo,
      allora abbiamo una passione in comune, anch'io leggo tanto, talmente tanto che tutte le mie librerie straripano -.-' help!!!
      Non ho mai controllato se ho più autori di sesso maschile o femminile, io leggo di tutto quindi ho una collezione molto variegata. Credo di aver capito di quale libro parli 😉
      Un abbraccione
      p.s. eh si, ci leggiamo nel pensiero

      Rispondi
  11. Lilli
    29 Gennaio 2014 at 21:31 (7 anni ago)

    Ciao Audrey! Ahi, non ho letto nulla di Jojo Moyes! La sua bio è molto interessante per cui deve essere anche un'ottima scrittrice, devo rimediare. Da domani cerco il libro, ho intenzione di leggerlo, mi ha incuriosito la trama e le riflessioni che ha mi hanno invogliato maggiormente. Certo che la gelosia o l'insicurezza ci portano a fare cose o conclusioni errate. Tu sei proprio brava a recensire, mi piace molto quando lo fai.
    Un abbraccio grande e buonanotte!:** <3

    Rispondi
    • atelierdufantastique
      30 Gennaio 2014 at 10:29 (7 anni ago)

      Ciao Lilli,
      si, come scrittrice è brava, ti prende. Non te ne pentirai anche perchè il prezzo è davvero modico e poi si legge in qualche ora.
      Si, la gelosia spesso crea solo danni logorando i rapporti.
      Grazie mille 😉
      Un mega abbraccione e bacione <3 :**

      Rispondi
  12. Mariangela Circosta
    30 Gennaio 2014 at 6:44 (7 anni ago)

    Grazie cara per questa segnalazione sono contenta e incuriosita dal fatto che la scrittrice sia stata premiata due volte e poi il libro non è lungo e saranno sicuramente due belle storie, spero di riuscire a trovarlo!!!

    Rispondi
    • atelierdufantastique
      30 Gennaio 2014 at 10:35 (7 anni ago)

      Si, non è lungo, in poche ore lo divori. Ha una modi di scrivere che cattura è brava 😉
      grazie a te per essere passata a presto

      Rispondi
  13. Stefyp.
    30 Gennaio 2014 at 7:21 (7 anni ago)

    Ciao Audrey, non conosco questo romanzo..generalmente non leggo queso genere, ma da come me l'hai proposto non mi sembra poi male….forse è proprio il libro giusto per le vacanze….
    Abbraccio, Stefania

    Rispondi
    • atelierdufantastique
      30 Gennaio 2014 at 10:37 (7 anni ago)

      Ciao Stefania,
      si, è il libro giusto per svagarsi un po', una lettura bella e poco impegnativa ma non per questo stupida.
      Un abbraccio

      Rispondi
  14. Beatris
    30 Gennaio 2014 at 13:42 (7 anni ago)

    Come sempre bravissima nelle recensioni!
    Si, credo sia una buona lettura per distrarsi da tutto!
    Buon pomeriggio da Beatris

    Rispondi
    • atelierdufantastique
      30 Gennaio 2014 at 14:20 (7 anni ago)

      Grazie Beatris 😉
      si, per distrarsi un po' è perfetta.
      Buon pomeriggio anche a te

      Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *






Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.