Una tradizione che trovo molto carina, simpatica e divertente; è quella dei Christmas crackes, un’idea alternativa per addobbare la tavola, farsi due risate e giocherellare cinque minuti durante la cena di Natale. I Christmas crackes o bon-bons, fanno parte della tradizione Natalizia del Regno Unito, degli Stati Uniti d’America, dell’Australia, del Canada, della Nuova Zelanda e del Sud Africa. I crackes sono formati da un cartone cilindrico, attorno al quale è avvolta della carta, il che lo rende molto simile al dolce wrapper. Esso si pone sul tavolo ove si consumerà la cena di Natale. Il crackes va tirato da due persone simultaneamente, quando ciò accade si ode un piccolo scoppio, dovuto all’attrito della striscia di carta che viene impregnata chimicamente (solitamente si usa il fulminato d’argento). Chi si ritrova con il pezzo più grande di bon-bons in mano vince il premio contenuto al suo interno: una piccolo giocattolo, un enigma, una frase, una barzelletta, un motto. Di solito questi oggetti vengono venduti in scatole da 3-12 pezzi, ma si possono anche realizzare manualmente usando tubi di carta igienica o di alcuni rotoli da cucina. Le scatole possono avere disegni e motivi differenti, ma solitamente sono rossi, verde e oro.
Questi strani oggetti sembrano risalire al 1840, si racconta che un certo Thomas J.Smith di Londra, gli inventò nel 1847.  Il pasticcere e produttore di cancelleria, si recò in Francia con la sua famiglia, all’epoca i dolci venivano venduti sfusi, scoperte queste novità penso di copiarle. Infatti, durante una passeggiata, i suoi figli scovarono i famosi Bon-Bons, delle caramelle confetto avvolte in una torsione di carta colorata. L’idea lo face talmente impazzire, che iniziò ad avvolgere anche le sue leccornie nella carta. Per vendere di più, il sigr. Smith cercò di creare delle idee promozionali, inserendo nei suoi dolci anche dei motti (copiando un pò i biscotti della fortuna cinesi o se vogliamo le uova pasquali italiane). Un giorno il nostro inventore, dopo aver sentito lo scoppiettio del fuoco, decise di mettere all’interno del bon-bon un meccanismo banger (rendendolo più grande), cosi la caramella fu sostituita da un gioco o da un regalino. Questa nuova creazione venne commercializzata come Cosaque, ma poi si trasformò, a causa del suono onomatopeico dell’oggetto, in “cracker”. Cosi il Christmas crackers è diventato un dono completo, simbolo di novità e sorpresa, qualcosa di simpatico e divertente da regalare a Natale.

Immagini: web
video: youtube

30 Comments on Christmas crackers

  1. LoveIs
    9 Dicembre 2012 at 10:42 (8 anni ago)

    Non ne avevo mai sentito parlare…che bella idea! 🙂

    Rispondi
    • Audrey
      9 Dicembre 2012 at 11:36 (8 anni ago)

      si, mi sembrava una casa carina anche perchè sono facili da realizzare 😉

      Rispondi
  2. Chica
    9 Dicembre 2012 at 10:50 (8 anni ago)

    Non ne avevo mai sentito parlare, è una bella idea da far provare soprattutto ai bambini 🙂

    Rispondi
    • Audrey
      9 Dicembre 2012 at 11:36 (8 anni ago)

      si, si concordo 😀

      Rispondi
  3. Silvia
    9 Dicembre 2012 at 10:56 (8 anni ago)

    Finalmente ho capito cosa sono questi famosi Christmas crackers!Ho comprato una rivista inglese tutta dedicata al Natale e ci sono un sacco di foto di questi Christmas crackers… e io non capivo cos'erano. Grazie!

    Rispondi
    • Audrey
      9 Dicembre 2012 at 11:46 (8 anni ago)

      prego!!! ho fatto il post proprio per questo e sono felice di sapere che la mia idea ti è stata utile 😉

      Rispondi
  4. Lilli
    9 Dicembre 2012 at 12:35 (8 anni ago)

    Ciao Audrey! Ahaha sai che non conoscevo questa tradizione! Davvero molto divertente ed originale! Buona domenica cara, un abbraccio!:*

    Rispondi
    • Audrey
      9 Dicembre 2012 at 15:36 (8 anni ago)

      Ciao carissima,
      bè, allora ho fatto centro visto che molti non la conoscevano, sono davvero contenta 😉
      bacione e buona domenica anche a te 🙂

      Rispondi
    • Audrey
      10 Dicembre 2012 at 10:08 (8 anni ago)

      😉 <3 <3 <3

      Rispondi
  5. Fiori di zagara
    9 Dicembre 2012 at 14:52 (8 anni ago)

    Tradizione molto simpatica di cui non conoscevo la storia.Buona domenica.

    Rispondi
    • Audrey
      9 Dicembre 2012 at 15:37 (8 anni ago)

      😉
      si, la trovo simpatica anch'io, infatti stò cercando di organizzarmi per metterla in atto.
      Buona domenica anche a te

      Rispondi
    • Audrey
      9 Dicembre 2012 at 17:48 (8 anni ago)

      piace anche a me 😉

      Rispondi
  6. SONIA
    9 Dicembre 2012 at 16:04 (8 anni ago)

    Non li conoscevo ma pensa quante cose non so e grazie a te le scopro con molto piacere. Baci cara e buona domenica!

    Rispondi
    • Audrey
      9 Dicembre 2012 at 17:49 (8 anni ago)

      bè, è bello sentirsi utili ogni tanto 😉
      grazieee!!!
      Baci e buona domenica anche a te 😀

      Rispondi
  7. Antonella
    9 Dicembre 2012 at 18:38 (8 anni ago)

    Ciao Audrey, eccomi,sono tornata. Ho passato un bellissimo fine settimana milanese con la mia famiglia di cui ti dirò a voce. Sai che non sapevo niente di questa cosa? Figurati che non li ho mai sentiti nominare prima d'ora.
    Un bel post, brava!!!
    Antonella

    Rispondi
    • Audrey
      10 Dicembre 2012 at 10:03 (8 anni ago)

      Ciao Antonella,
      ben tornata 😉 si, sono felicissima poi mi racconterai con calma 😀
      eh, ho notato che molti non la conoscevano come cosa, meglio cosi,vi ho fatto una sorpresa ahuahuahua
      bacione e grazie

      Rispondi
    • Audrey
      10 Dicembre 2012 at 10:05 (8 anni ago)

      Ciao Chiara,
      si, spesso di vedono nei film e da quello che ho notato con il post non sei l'unica…bè, adesso sai cosa sono e potrai spiegarlo ai vari curiosoni 😉

      Rispondi
  8. Greta Miliani
    9 Dicembre 2012 at 18:57 (8 anni ago)

    Mi hanno sempre affascinato. Mi ricordano delle pignatte formato monodose 🙂
    Detto questo, ti confesso che mentre il post si stava aprendo, pensavo di trovare una ricetta sfiziosa…data l'ora di cena m'era venuta l'acquolina in bocca 😀

    baci G.
    IMV SUPER XMAS Giveaway: vinci la collezione Dior Grand Bal. Open worldwide.
    Vuoi aiutare In Moda Veritas ad entrare a far parte della IT FAMILY di Grazia.it? Vota cliccando qui e poi sul cuoricino. Grazie mille <3
    IMV su Facebook
    IMV su Bloglovin'

    Rispondi
    • Audrey
      10 Dicembre 2012 at 10:09 (8 anni ago)

      forse in settimana ti accontento con un dolce biscotto sublime, se ho tempo lo faccio e lo pubblico 😉
      baci

      Rispondi
  9. Kim Kukys
    9 Dicembre 2012 at 20:54 (8 anni ago)

    Ciao! Il tuo sito è davvero grazioso complimenti! 🙂 Sono una tua nuova follower 🙂 se ti va e se ti fa piacere passa da me, ti ringrazio anticipatamente un bacio! 🙂
    http://kimkukys.blogspot.it/

    Rispondi
    • Audrey
      10 Dicembre 2012 at 10:10 (8 anni ago)

      Ciao e ben venuta nel mio spazio 😉
      è un piacere averti tra noi 😀
      certo che passo anche da te a presto kiss

      Rispondi
  10. Ilaria girucca
    9 Dicembre 2012 at 21:41 (8 anni ago)

    Sono davvero carini 🙂 Questo post è davvero interessante, li conoscevo ma non sapevo la storia 🙂
    Un abbraccio,
    Ila

    Rispondi
    • Audrey
      10 Dicembre 2012 at 10:11 (8 anni ago)

      Ciao Ilaria,
      anch'io trovo che sono carinissimi, mettono allegria secondo me 😀
      Un abbraccio anche a te

      Rispondi
  11. Marika
    9 Dicembre 2012 at 22:20 (8 anni ago)

    Brava Audrey che ci fa conoscere tante cose !
    Non ne sapevo nulla…grazie tesoro !
    Un bacione

    Rispondi
    • Audrey
      10 Dicembre 2012 at 10:12 (8 anni ago)

      prego cara 😀
      un bacione anche a te 😉

      Rispondi
    • Audrey
      11 Dicembre 2012 at 10:38 (8 anni ago)

      prego!!! 😀

      Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *






Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.